ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
4 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
4 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
4 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
13 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
15 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
18.06.2021 - 14:39
Aggiornamento: 16:29

Coronavirus in Ticino, chiudono i checkpoint per i test Covid

Tre i casi di variante Delta (ex 'indiana') finora rilevati in Ticino, tutti collegati fra loro.

coronavirus-in-ticino-chiudono-i-checkpoint-per-i-test-covid
(Ti-Press)

«La situazione epidemiologica migliora, siamo ormai a contagi a una cifra, motivo per cui si procede a degli adeguamenti delle regole in vigore»ha dichiarato Raffaele De Rosa nel momento informativo organizzato oggi per aggiornare sulla situazione epidemiologica in Ticino.

La campagna di sensibilizzazione passa dal colore arancione al colore blu. «Il colore blu, dopo 4 mesi, sottolinea l'entrata in una fase di normalizzazione, sottolineata dai nuovi allentamenti proposti dal consiglio federale»ha proseguito il direttore del Dss «Il Consiglio di Stato si è detto fondamentalmente d'accordo con gli allentamenti, chiedendo di rendere semplici e coerenti le regole, soprattutto per la popolazione che deve rispettarla».

«Riguardo le regole di entrata in Svizzera», ha proseguito De Rosa, «abbiamo chiesto di tenere alta l'attenzione sulle regioni con varianti pericolose del virus, dobbiamo scongiurare di essere trascinati in una nuova ondata pandemica».

Arriva anche un adeguamento del dispositivo di test: De Rosa ha comunicato che i checkpoint per i test Covid- verranno chiusi, la capacità di test rimane garantita grazie ai medici, alle farmacie e agli ospedali.

3 i casi di variante Delta in Ticino

Ottimista anche il medico cantonale Giorgio Merlani: «Abbiamo avuto il tasso di replicazione sotto 1, anche sotto 0.7. Quando si arriverà a cifre molto basse non si abbasserà ulteriormente. La percentuale di test positivi è sotto il 2%, si sta continuando a testare in modo importante. Particolarmente positivo il fatto che il Ticino sia il cantone con l'incidenza al momento più bassa»

«Quello che dà un po' meno segnali positivi e motivi di gioire è la costante incertezza e incognita sulle varianti» ha dichiarato Merlani. La variante Alpha, in precedenza detta "inglese", è quella predominante. Pochi casi di variante Beta (sudafricana) e Gamma (brasiliana), di cui son stati rilevati due casi fra di loro connessi e relativi a un viaggio in Brasile.

Riguardo la variante Delta (in precedenza detta indiana), sono 3 i casi registrati in Ticino finora, anch'essi in collegamento diretto fra loro. La tendenza in Svizzera è tuttora contenuta, preoccupa il fatto che essa però riesca ad apparire nonostante la predominanza della variante inglese. 

Vista la situazione favorevole, il medico cantonale ha inoltre comunicato che si sta provvedendo ad adeguare ulteriormente le regole per quanto riguarda le case anziani e le strutture per persone fragili in generale. Inoltre, da domani non verranno più comunicati i dati nel weekend, come avviene anche a livello nazionale.

Pazienti Covid accolti in tutti i 4 ospedali dell'Eoc

Mattia Lepori, Vice Capo Area medica Ente ospedaliero cantonale: «Stiamo intraprendendo un cammino verso una situazione di nuova normalità. A partire dal 5 di luglio non si centralizzeranno più i pazienti Covid, ed essi verranno accolti nelle 4 sedi principali dell'ente ospedaliero, mantenendo la collaborazione con la struttura privata che ci ha accompagnato in questi mesi e che proseguirà il suo impegno. È stato necessario centralizzare i pazienti all'inizio in quanto non avevamo nessuna informazione su una malattia nuova, sulla quale non avevamo informazioni scientifiche molto precise, non potevamo neanche fare la diagnosi in Ticino mentre ora possiamo addirittura farla a casa»

La scelta, ha dichiarato Lepori, è dettata dalle conoscenze acquisite, dalla consapevolezza che con la malattia si dovrà convivere ancora per mesi, se non per anni, e dal fatto che la centralizzazione è stata comunque molto onerosa, per i pazienti, per il personale che ha dovuto essere trasferito per lunghi periodi nella regione di Locarno, e per il trasferimento dei materiali, tutto ciò che ha avuto impatto anche sull'attività ospedaliera non-Covid. «Con una presa a carico decentralizzato ci aspettiamo di andare verso un nuovo equilibrio. Abbiamo elaborato degli scenari che ci permettono di prevedere quanti pazienti potremo accogliere nelle quattro strutture: il banco di prova sarà probabilmente il mese di settembre»

Un altro interrogativo, ha dichiarato Lepori, sarà quello sull'effetto dell'influenza nella prossima stagione, se si avrà una transizione verso una sostituzione dell'influenza con il coronavirus o se l'influenza ritornerà a prendere piede, per questo è importante mantenere la prontezza di azione. Si sta tornando comunque all'offerta sanitaria pre-Covid, con la riapertura progressiva dei pronto soccorso.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved