nel-2020-boom-di-campeggiatori-in-ticino
Ti–Press
15.06.2021 - 15:20
Aggiornamento : 18:42

Nel 2020 boom di campeggiatori in Ticino

L'incremento maggiore è stato registrato nel Mendrisiotto e Basso Ceresio

Nel 2020 il settore del turismo ha sofferto le restrizioni dovute al diffondersi della pandemia e i campeggi sono rimasti chiusi fino a maggio. Nonostante i pernottamenti si siano concentrati esclusivamente in estate e all'inizio dell'autunno, i numeri sono maggiori rispetto all'anno precedente. È ciò che si evince dai dati raccolti dall'Osservatorio del turismo dell'Università della Svizzera italiana (Usi).

Per quanto concerne i 33 campeggi censiti in Ticino il numero totale degli arrivi nel 2020 è di circa 221mila, il 15,7 per cento in più del 2019. I pernottamenti contati sono oltre 858mila: un incremento del 6 per cento rispetto all'anno precedente.

Ad aver registrato un aumento maggiore dei pernottamenti è la zona del Mendrisiotto e del Basso Ceresio (15,7% in più), seguita dal Luganese (11,9%). Il Lago Maggiore e le Valli hanno visto un leggero incremento (+1,5%), mentre Bellinzona e Alto Ticino hanno perso ospiti (-4,6%).

A livello svizzero nel 2020 i pernottamenti presso i campeggi sono cresciuti dell'11,1 per cento. “Il Ticino rimane saldamente in vetta al mercato – scrive l'Osservatorio – anche se, va sottolineato, regioni come Giura, Tre Laghi, Grigioni e Vallese hanno registrato tassi di crescita nettamente maggiori”. L'origine degli ospiti nella Confederazione è stata prevalentemente svizzera (81,7%), nella fetta dei Paesi stranieri si conta quasi il 10 per cento di turisti germanici e più del 4 per cento di olandesi. La permanenza media si attesta al 3,2 per cento, dato che raggiunge il 3,9 se si isola il risultato del Ticino.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campeggi incremento pernottamenti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved