COB Jackets
0
PIT Penguins
1
1. tempo
(0-1)
CAR Hurricanes
0
NY Rangers
0
1. tempo
(0-0)
NY Islanders
ARI Coyotes
01:30
 
Detroit Red Wings
DAL Stars
01:30
 
dado-o-nicola-respini-o-salta-tutto-il-sistema
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
5 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
5 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
6 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
6 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
6 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
6 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
7 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
7 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
7 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
8 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
8 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
8 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
8 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
8 ore

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
Luganese
9 ore

Lugano, Ignazio Cassis in visita ai pazienti Covid-19

Il presidente della Confederazione si è recato all’Ospedale regionale dove ha ringraziato tutto il personale sanitario per l’enorme impegno
Luganese
9 ore

In leggera flessione gli abitanti di Capriasca

Il 31 dicembre scorso il Comune contava 6’829 abitanti, ossia 26 in meno di un anno prima. Il quartiere più popolato resta Tesserete, seguito da Lugaggia
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, ‘la mascherina a ricreazione è necessaria’

Il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd. ‘Creati momenti ad hoc dove è possibile abbassarla in sicurezza’
Ticino
10 ore

‘6mila franchi per gli infermieri e più imposte per i ricchi’

Il Movimento per il socialismo presenta 14 emendamenti al Preventivo 2022. Sergi: ‘La nostra visione opposta a quella neoliberale di tutto il parlamento’
Bellinzonese
10 ore

‘Re dei ponteggi’, scendono da 15 a uno i milioni malversati

Permessi falsi, il caso si sgonfia: il terzo atto d’accusa cancella e derubrica vari reati della prima ora. La difesa chiede di annullare il procedimento
Grigioni
10 ore

Abbattuto un lupo in Surselva: ‘Era un pericolo per l’uomo’

La misura estrema è stata adottata dall’Ufficio caccia e pesca grigionese a seguito di ripetuti incontri ravvicinati tra l’esemplare e gli abitanti
Gallery
Locarnese
11 ore

Bosco Gurin, una lingua di neve e una slittovia

Impianti parzialmente aperti nel fine settimana per consentire attività all’aria aperta. La destagionalizzazione salverà il futuro delle stazioni
 
15.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:59

Dadò: 'O Nicola Respini, o salta tutto il sistema'

Nomine in magistratura, il presidente Ppd: 'La commissione parlamentare ha indicato un nome, Se sconfessata, sosterrò la nomina popolare o il sorteggio'

Ultima seduta prima della pausa estiva e ancora nomine che concernono la magistratura. Nella sessione che si aprirà lunedì prossimo il Gran Consiglio sarà chiamato a eleggere un perito del Tribunale di espropriazione (la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ propone Vittoria Fattizzo-Marocco, specialista immobiliare, si precisa nel rapporto commissionale); un membro ordinario del Consiglio della magistratura quale subentrante di uno dei componenti non togati dell’organo che vigila sul funzionamento dell’apparato giudiziario ticinese, in questo caso la sostituzione riguarda Gerardo Rigozzi, che a fine mese lascerà la carica per raggiunti limiti di età (l’Ufficio presidenziale del legislativo suggerisce Beatrice Fasana, di area Plr, la stessa di Rigozzi). E un giudice del Tribunale d’appello, che prenderà il posto di Mauro Mini alla presidenza della Corte dei reclami penali, in seguito alle sue dimissioni annunciate per fine agosto. Nomina, quest’ultima, importante e delicata.

Alla successione di Mini, che si appresta dopo diciassette anni a uscire dalla magistratura, la ‘Giustizia e diritti’ propone al plenum del Gran Consiglio l’elezione di Nicola Respini, oggi uno dei due sostituti procuratori generali e vicepresidente del Consiglio della magistratura. Al Ministero pubblico da vent’anni, in precedenza vicecancelliere di quella che all’epoca si chiamava Camera dei ricorsi penali, Respini è in quota Ppd. Come lo è Mini. E come lo sono gli altri, o quasi tutti gli altri, quattro candidati al momento in corsa: Sonia Giamboni, ora pretore di Leventina; Carlo Iazeolla e Alessandra Mondada, vicecancellieri entrambi della Corte dei reclami penali; Claudia Solcà, giudice della Corte d’appello del Tribunale penale federale. Secondo rumors provenienti dal Palazzo della politica l’esito dell’elezione – la designazione di giudici e procuratori avviene tramite voto segreto – non sarebbe scontato. La partita è in casa popolare democratica, ma eventuali franchi tiratori e ‘strateghi’ di altri partiti potrebbero stravolgere le indicazioni della ‘Giustizia e diritti’. Il cui rapporto, redatto dalla presidente Sabrina Aldi (Lega), a favore dell’elezione di Respini è stato sottoscritto da tutti in commissione, tranne che da Udc, Verdi e dal socialista Nicola Corti.

‘Sarà un banco di prova
per la fiducia tra partiti’

Il deputato e presidente del Ppd mette le mani avanti. «Se il plenum del parlamento non designerà il candidato proposto da una netta maggioranza della commissione, cioè Nicola Respini, nonostante le rassicurazioni date dai capigruppo dei partiti di governo che hanno gestito la faccenda, significherà una volta per tutte che questo sistema di elezione dei magistrati, che attribuisce al Gran Consiglio la competenza di nominarli, non funziona, che il meccanismo è morto», avverte Fiorenzo Dadò. «Questa nomina sarà un banco di prova per la fiducia fra i responsabili dei gruppi parlamentari e i partiti di governo». Un’ipotetica bocciatura, nel segreto dell’urna, del nome indicato dalla ‘Giustizia e diritti’ non sarebbe tuttavia la prima. Ma per Dadò la misura è colma. «La commissione ‘Giustizia e diritti’ è stata istituita anche con l’obiettivo di affrontare la discussione politica per arrivare comunque in aula con un nome o al limite più nomi condivisi. Se dovesse essere ancora sconfessata, aderirò alla proposta di introdurre un diverso metodo di nomina di giudici e procuratori: l’elezione popolare o il sorteggio, previo esame delle candidature da parte di una commissioni di esperti allargata». Dadò ribadisce poi un concetto già espresso nel recente passato: «È inoltre avvilente apprendere di magistrati aspiranti o che postulano la rielezione che vanno a tirare la giacca a questo o quel politico per farsi nominare o riconfermare. Non va assolutamente bene. Ciò lo dico indipendentemente dall’area politica di appartenenza di questo o quel magistrato. Chi tira la giacca andrebbe segnalato al Consiglio della magistratura».

Nel frattempo si avvicina l’elezione per il dopo Mini. In vista di lunedì ha «sentori preoccupanti», Dadò. Impressioni declinabili anche come timori, sensazioni scomode che qualcosa appunto, lunedì, possa non andare liscia. La cosa dovrebbe andare come una lettera alla posta. E invece? «Invece no, perché pure nell’elezione dei magistrati nessuno dà niente per niente – risponde Dadò –. E chi magari ha sostenuto un candidato nelle precedenti elezioni adesso deve restituire il favore. La politica è fatta di compromessi e di dare per avere. Ma con la nomina dei magistrati bisognerebbe finirla di comportarsi in questo modo». E quindi? Perché spesso si assiste alle grandi manovre? «Non lo so, ma lo ripeto: il vantaggio di avere magistrati che rappresentano tutte le aree di pensiero è garantire la pluralità delle opinioni e delle sensibilità anche all’interno della magistratura. È per questo motivo che i partiti devono prendere sul serio queste procedure».

‘È ora di finirla di tirare le giacche’

L’origine di questo clima per Dadò è chiara: «Con l’elezione del quinto giudice del Tribunale penale cantonale, quando il Plr ha assicurato il proprio sostegno alla candidata della Lega Frequin Taminelli, e poi quel sostegno non è arrivato». A questo si è aggiunto un problema «grave», rincara il presidente del Ppd: «Da fuori, chi si candida ha capito che se tira giacche e si mette a fare campagna elettorale all’interno del parlamento può farcela. È capitato in altre nomine per la magistratura, come è capitato anche con l’elezione della seconda vicepresidenza del Gran Consiglio… con questo andazzo i capigruppo fanno sempre più fatica a garantire che la loro parola venga rispettata dai deputati».

Sia nell’elezione del quinto giudice del Tribunale penale, posto poi andato al magistrato di area Ppd Siro Quadri, sia sulla questione che ha visto contrapposte Nadia Ghisolfi e Maddalena Ermotti Lepori per la vicepresidenza del parlamento, sia per la nomina di lunedì prossimo, come protagonista c’è il Ppd. Si sente attaccato Dadò? Sente ancora più sulla propria pelle questo clima? «Più che altro vedo sotto attacco il sistema. Non è solo un problema che riguarda il Ppd, ma tutto il parlamento. Oggi tocca a noi, l’altra volta è toccato alla Lega, la prossima volta saranno i liberali radicali o i socialisti».

Presidente Pretura penale e Gpc:
concorsi ad agosto

Ieri nella sua riunione settimanale la commissione ‘Giustizia e diritti’ ha deciso di pubblicare “dopo la conclusione delle ferie giudiziarie di luglio-agosto” i bandi dei concorsi per l’elezione del quarto giudice dei provvedimenti coercitivi e per il o la subentrante del giudice Marco Kraushaar alla testa della Pretura penale. Di area Plr, Kraushaar ha annunciato le dimissioni per la fine di febbraio del prossimo anno. «L’uscita già dopo la metà di agosto del concorso per la sostituzione del giudice Kraushaar – spiega la presidente Sabrina Aldi – ci permetterà di esaminare attentamente le candidature, prendendoci il tempo necessario che una carica importante come questa impone». A breve, venerdì 18, scadrà il termine per l’inoltro delle candidature per l’elezione di due procuratori pubblici, in seguito alla decisione presa in marzo dal parlamento di potenziare l’autorità giudiziaria di perseguimento penale, con appunto due magistrati inquirenti in più come prospettato dal Consiglio di Stato.  

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved