ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
6 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
6 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
6 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
7 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
7 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
8 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
8 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
8 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
8 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
Mendrisiotto
9 ore

Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee

Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
9 ore

Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’

Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Locarnese
9 ore

Locarno on ice, dal 2 dicembre con... ice

Pronta per l’apertura la pista di ghiaccio. E continua il programma dei concerti
Luganese
10 ore

Villa Luganese, la lotteria di Casimiro Piazza

È stata organizzata per sottolineare il 17esimo anno di attività della Scuola. L’elenco dei 20 numeri vincenti
Bellinzonese
10 ore

Lodrino, castagnata con il Ps di Riviera

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 16 al Centro sportivo
Luganese
10 ore

La lingua lombardo-ticinese protagonista ad Arogno

Il Tepsi presenterà domenica 4 dicembre al Teatro ‘Scapa ti... che scapi anca mi’
Bellinzonese
10 ore

Riscaldamenti elettrici ‘energivori’, serata a Biasca

L’evento organizzato dalla Società elettrica sopracenerina si terrà lunedì 5 dicembre alle 20 nell’Auditorium Cavalier Pellanda
Luganese
10 ore

Le vacanze nel Luganese regalano una crociera

Lanciata la nuova campagna turistica di Lugano Region in vista delle vacanze invernali
Mendrisiotto
10 ore

Istanza aggregativa a Balerna, il parere del Municipio

L’esecutivo prende posizione: sottoscriverla sarà ‘una precisa manifestazione di volontà e un passo formale vincolante per l’attivazione della procedura’
Bellinzonese
10 ore

La comunità curda in Ticino manifesta a Bellinzona

Sabato 3 dicembre alle 15, ritrovo sul Piazzale Stazione per dire ‘No all’aggressione turca al Rojava’
Luganese
11 ore

Lugano, agevolazioni di parcheggio natalizie

In occasione delle aperture domenicali dell’11 e 18 dicembre, mezzi pubblici e prime due ore di posteggio gratuite
Luganese
11 ore

Sul fiume Tresa arrivano le rampe dinamiche

In vista dei lavori che interesseranno Molinazzo, il 13 dicembre è previsto un incontro informativo online
Luganese
11 ore

Lugano, maratona Telethon in piazza Rezzonico

Molti gli eventi in programma venerdì 2 e sabato 3 dicembre in occasione della raccolta fondi nazionale
Luganese
11 ore

Melide festeggia i 100 anni di Elvina Spaccio

L’invidiabile traguardo è stato celebrato lo scorso 24 novembre alla presenza della famiglia e del sindaco Angelo Geninazzi
Grigioni
11 ore

Mesocco, sull’A13 pausa invernale dei lavori nel tunnel Gei 

Il cantiere riprenderà nel 2023. Scavata nel frattempo una nuova via di fuga
Locarnese
11 ore

Corale Verzaschese, 30 anni di passione e un Natale speciale

Con il concerto dell’8 dicembre andrà agli archivi un’annata densa di significati per i festeggiamenti dei tre decenni di attività
Ticino
12 ore

I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo

Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
Bellinzonese
12 ore

Natale in compagnia a Bellinzona

Anche quest’anno la Città propone il tradizionale pranzo alla Casa del Popolo. Iscrizioni entro il 16 dicembre
Locarnese
12 ore

Musica di Minusio, concerto di gala

L’appuntamento con la filarmonica locale, diretta da Mattia Terzi, sarà aperto dalla Minibanda regionale
09.06.2021 - 20:14

Formazione nel sociosanitario, il governo: investimento per tutti

Il Piano d'azione, ecco cosa dice il messaggio varato oggi dal Consiglio di Stato. Le indennità sui tre anni per gli stages arriveranno fino a 36mila franchi

formazione-nel-sociosanitario-il-governo-investimento-per-tutti
Ti-Press

Poche parole, ma chiare. "L’obiettivo di questo insieme di misure operative e finanziarie è l’incremento del personale residente formato nelle professioni del settore sociosanitario", scrive il Consiglio di Stato all'inizio del messaggio varato oggi all'indirizzo del Gran Consiglio. Un voluminoso messaggio nel quale il governo illustra il "Piano d'azione per il rafforzamento della formazione professionale nel settore sociosanitario". Per conseguire l'obiettivo indicato il Piano 'Pro San 2021-2024', spiega l'Esecutivo, "prevede segnatamente per gli enti l’adozione dell’obbligo di formazione per le professioni sanitarie non universitarie (il cosiddetto modello bernese), un sostegno finanziario accresciuto per i giovani e le giovani durante la formazione terziaria sociosanitaria presso una Scuola specializzata superiore (Sss) o presso la Supsi e un riconoscimento dell’impegno formativo delle strutture sociosanitarie che accolgono le persone in formazione". Sette sono le misure prospettate dal Consiglio di Stato e che costituiscono anche la risposta a sei atti parlamentari inoltrati da più partiti (Plr, Ppd e Ps) durante la prima ondata pandemica. Cinque mozioni e un'iniziativa, che sollecitano un potenziamento delle formazioni in ambito sociosanitario, un'adeguata retribuzione del personale e provvedimenti per ridurre il numero di abbandoni, magari anche dopo pochi anni, della professione.   

Il piano d’azione, si legge nel messaggio messo a punto dai dipartimenti Educazione cultura e sport (Decs) e Sanità e socialità (Dss), è stato sviluppato sulla base delle proposte elaborate dall’Osservatorio sulle professioni e prospettive professionali nel settore sociosanitario. Istituito nel 2012, l'Osservatorio è coordinato dal due Dipartimenti e dalla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana: si tratta di "una piattaforma privilegiata di interscambio tra gli istituti di formazione nel campo sociosanitario e i servizi cantonali di coordinamento delle strutture e degli enti che offrono successivamente impiego professionale nel settore". Il Consiglio di Stato si dice "consapevole delle sfide che l’ambito sociosanitario è chiamato ad affrontare, in primis nelle cure infermieristiche, come evidenziato dagli atti parlamentari: l’invecchiamento della popolazione, la sempre maggiore complessità delle esigenze di cura dovuta alla riduzione della durata della degenza nelle strutture acute, la percentuale elevata di abbandoni della professione e un numero ancora insufficiente di diplomati residenti determinano una penuria di infermieri/e diplomati/e e di altre figure professionali complementari in tutti gli ambiti delle cure". Per quanto riguarda l'impatto del Piano sulle finanze pubbliche, 'Pro San 2021-2024' prevede un costo a regime dal 2024 stimato tra 4,9 e 6,6 milioni di franchi annui. Un investimento "rilevante", riconosce il governo. Ma, data "l'eccezionalità" della situazione, ritiene "prioritarie" le misure suggerite, da considerarsi "un investimento concreto a favore del sistema sociosanitario cantonale e della popolazione". 

Le misure

Come detto, le misure messe in campo dal Consiglio di Stato sono sette. Si va dall'aumento delle indennità per gli stage al nuovo assegno di formazione terziaria sociosanitaria che “permette di assicurare il minimo vitale”, dall'entrata in campo dell'Unità di coordinamento degli stages sociosanitari all'adozione dell'obbligo formativo per gli enti sul modello bernese, dal riconoscimento di uno sgravio per l'accompagnamento formativo negli enti sociosanitari alla creazione di un polo cantonale di simulazione. Per finire con, ed è la settima misura, con altri progetti e "azioni collaterali" per il mantenimento e il rientro dei professionisti delle cure.

Bertoli: ‘Evitare che il personale formato lasci la professione dopo pochi anni’

II Piano, evidenzia da noi contattato il direttore del Decs Manuele Bertoli, «pone l’accento soprattutto sulla formazione, stimolandola anche attraverso il riconoscimento di un congruo sostegno finanziario a coloro che optano per una professione nel sociosanitario». La settimana prossima, prosegue il consigliere di Stato, le Camere federali «dovrebbero votare il controprogetto all’iniziativa popolare ‘Per cure infermieristiche forti’: anche da questo controprogetto ci aspettiamo una parte del finanziamento del Piano cantonale». La pandemia ha evidenziato pure l’eccessiva dipendenza del sistema sanitario ticinese dal personale frontaliero. Il Piano intende risolvere anche questo problema… «Certo, la quota di frontalieri nel settore è già diminuita, va tuttavia diminuita ulteriormente. Cosa che sarà possibile nel tempo, rafforzando appunto la formazione. Ma anche evitando - ricorda Bertoli - che infermiere e infermieri che formiamo lascino la professione dopo pochi anni. Tuttavia ciò che attiene alle condizioni di lavoro è anzitutto oggetto di trattative tra i sindacati e i datori».

De Rosa: ‘Intendiamo incrementare la presenza di personale formato e residente in Ticino’

Quella nel messaggio licenziato dal Consiglio di Stato per il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa, raggiunto dalla ‘Regione’, «è una proposta molto concreta, che permette di riconoscere la necessità di rafforzare la presenza di personale curante formato in Ticino e residente in Ticino». Sette misure che ruotano attorno a tre assi: «Quello della promozione per informare di più e meglio, quello delle misure organizzative che includono il ruolo dell’Unità di coordinamento degli stages volto anche a ridurre l’onere amministrativo per gli enti e facilitare il rapporto tra gli attori coinvolti, e quello delle misure finanziarie». Che balza subito agli occhi: «La misura che attira più attenzione è l’aumento e l’adeguamento delle indennità durante lo stage per gli allievi. L’idea - spiega De Rosa - è di aumentare l’indennità attuale, che complessivamente ammonta sui tre anni a circa 25mila franchi, a 32/36mila franchi a regime. In più ci sono il nuovo assegno di formazione terziaria che permette di assicurare dove necessario la copertura del minimo vitale, ed è importantissimo il riconoscimento dell’onere e dell’impegno di accompagnamento formativo degli enti sanitari e sociosanitari».

Quanto ha inciso il ruolo del personale infermieristico durante la pandemia nel concedere questo riconoscimento? «Si tratta di un segnale di fiducia e incoraggiamento per chi lavora in questo settore, ma tengo a dire che il riconoscimento del Consiglio di Stato non arriva a causa della pandemia. Semmai questo anno ha reso ancora più evidente la necessità di ridurre la dipendenza dall'estero e di intervenire in questo ambito. Il governo - riprende il direttore del Dss - a inizio legislatura nel programma aveva inserito questo tema come elemento strategico nel quale si desiderava investire e permettere anche di cogliere le opportunità che ci sono». Perché si tratta di «un lavoro gratificante e arricchente, con ottime prospettive se pensiamo al fabbisogno dei prossimi anni. Sarà garantita la necessità di posti di lavoro ben remunerati, spesso coperti da contratto collettivo di lavoro».

Mariani Abächerli, Asi Ticino: ‘Soddisfatti, però...’

Da parte della presidente dell’Associazione professionale degli infermieri Asi Ticino Luzia Mariani Abächerli c’è «soddisfazione», anche se «non tutto è stato affrontato». Perché «ben venga questo miglioramento, ma continuano a mancare condizioni migliori per chi lavora e aumenti di dotazione del personale. Perché - osserva Mariani Abächerli - ci saranno più studenti da formare quindi da seguire, ma con lo stesso carico di lavoro e con infermieri già in difficoltà che saranno ancora più sotto pressione. Sono molto contenta della possibilità di aumentare la formazione ma, ripeto, per quello che riguarda il tenere il personale il più a lungo possibile sul posto di lavoro e a migliori condizioni ci sono ancora tanti passi avanti da fare». C’è una punta di ottimismo per il futuro, anche alla luce della recente manifestazione del personale sociosanitario? «È molto importante che finalmente gli infermieri si facciano vedere scendendo in piazza - risponde la presidente di Asi Ticino -. Spero che la popolazione capisca davvero cosa comporta questo lavoro». Qualche interrogativo resta aperto, oltre quelli già posti: «I posti di stage devono essere seguiti bene, e questo si riflette necessariamente sulle cure. Speriamo che alle nostre rivendicazioni seguano risposte».

Sulle questioni ancora aperte De Rosa è netto: «Ci soddisfa che venga riconosciuto come queste misure proposte siano positive, ma vanno inserite all’interno di un contesto più ampio di interventi anche in altri settori: penso ad esempio in un ambito fondamentale come la conciliabilità famiglia lavoro/formazione, ci sono richieste e sollecitazioni di investire ancora di più e ricordo che Consiglio di Stato e parlamento hanno già fatto molto, con l’obiettivo di fare di più. Ad esempio è previsto un potenziamento degli asili nido ben ripartiti sul territorio, come il sostegno ai famigliari curanti cui destiniamo risorse e intendiamo farlo ancora più in futuro».

Ghisletta, Vpod: ‘Speriamo in rapida evasione da parte del Gran Consiglio’

Per il segretario della Vpod Raoul Ghisletta, ‘Pro San 2021-2024’ «rappresenta un passo nella giusta direzione, per cercare di finalizzare delle proposte che invero sono sul tappeto da tanto tempo e che la pandemia ha rilanciato, accelerandone, come si spera, l’evasione. Mi auguro che il Piano vada in porto rapidamente, già il prossimo autunno: d’altronde credo che vi sia una convergenza in Gran Consiglio considerato il tenore degli atti parlamentari. Fra le misure prospettate è senz’altro positivo il minimo vitale, sul quale è importante che gli studenti possano contare dato che studiare e dover lavorare per mantenersi non è sempre l’ideale». Secondo il sindacalista «l’impresa più ardua sarà quella di riuscire a evitare gli abbandoni precoci della professione, qui il discorso concerne le condizioni di lavoro, non solo sul piano retributivo ma anche su quello organizzativo».

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved