la-giustizia-e-diritti-propone-l-elezione-di-nicola-respini
Nicola Respini (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
25 min

Frontalieri col reddito di cittadinanza: ‘Via il permesso G’

Il granconsigliere della Lega dei Ticinesi Massimiliano Robbiani interroga il Consiglio di Stato sul caso dei lavoratori d’oltreconfine accusati di truffa
Luganese
1 ora

La Polizia Ceresio Nord più capillare sul territorio

Il servizio di pattuglia si dota di un’ulteriore vettura efficiente a vantaggio del comprensorio sotto sorveglianza
Bellinzonese
2 ore

Quasi 500 abitanti in più a Bellinzona in un anno

Il 31 dicembre 2021 si contavano in totale 44’530 residenti nella città aggregata, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima
Ticino
2 ore

In Ticino 2 decessi e -4 pazienti Covid (-1 in cure intense)

Resta sostanzialmente stabile il livello dei contagi. Nelle case anziani un decesso e ben 33 ospiti dichiarati guariti in 24 ore: 85 ad oggi i positivi
Bellinzonese
2 ore

Colline antirumore fattibili ma solo in un parco fluviale

Bellinzona-Riviera: lo studio piace al Cantone ma pone alcuni vincoli per una valorizzazione paesaggistica, naturalistica e fruitiva del fiume Ticino
Luganese
2 ore

A Pura diatriba sulle campane a suon di... petizioni

Dopo una raccolta di firme per far ridurre i rintocchi il Municipio ha disposto alcune concessioni, che ‘non soddisfano’. E ora c’è una contropetizione
Locarnese
3 ore

Cugnasco-Gerra, il ‘verde’ dei vicini è diventato oramai troppo

La piazza di raccolta da tempo accoglie scarti vegetali dalla regione. Valutate contromisure al problema, che determina costi maggiori per lo smaltimento
Locarnese
3 ore

Soccorso alpino, più interventi lungo i corsi d’acqua

Bilancio d’attività 2021 della Colonna di soccorso regione di Locarno. Casistica sui livelli degli scorsi anni, si avvicina la realizzazione della sede
Mendrisiotto
3 ore

Ricetta anti-decrescita a Chiasso, il bonus famiglia divide

Fa discutere la proposta dal Ppd. Nel frattempo, il sindaco Arrigoni prospetta uno studio a tutto campo
Mendrisiotto
7 ore

Attraverso i boschi di Stabio, in cerca della salvezza

Bruna Cases è fuggita da Milano con la famiglia per scappare ai rastrellamenti. Il diario dove racconta il passaggio da Montalbano è stato pubblicato
Luganese
14 ore

Pestaggio di Cadempino, slitta ancora il processo

Si sarebbe dovuto aprire domani alle 9.30. Il motivo è il medesimo del primo rinvio: uno dei sei imputati è risultato positivo al Covid.
Luganese
16 ore

Lugano, ‘i giovani vengono ascoltati’

Il Municipio assicura il loro coinvolgimento, mantiene attivi i canali di comunicazione e annuncia la possibile riattivazione del Parlamento
07.06.2021 - 13:340
Aggiornamento : 20:58

La 'Giustizia e diritti' propone l'elezione di Nicola Respini

La maggioranza sceglie l'attuale sost pg per la successione di Mauro Mini alla testa della Corte dei reclami penali. Non firmano il rapporto Verdi, Udc e Corti (Ps)

La maggioranza della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ propone l’elezione di Nicola Respini, oggi sostituto procuratore generale, alla successione del giudice d’Appello e presidente della Corte dei reclami penali Mauro Mini, che ha rassegnato le dimissioni per fine agosto dopo diciassette anni in magistratura. La parola passa quindi al plenum del Gran Consiglio, cui compete la nomina dei magistrati, che si riunirà dal 21 giugno: sarà l’ultima seduta prima della pausa estiva.

Alla chiusura del concorso, lo scorso aprile, erano dodici i candidati. Alla fine sono rimasti in cinque: oltre a Respini, Sonia Giamboni, Carlo Iazeolla, Alessandra Mondada e Claudia Solcà. Attualmente Giamboni è pretore di Leventina, Iazeolla e Mondada vicecancellieri della Corte dei reclami penali mentre Solcà, in passato procuratrice pubblica e giudice dei provvedimenti coercitivi, è giudice del Tribunale penale federale, con sede a Bellinzona, dove fa parte della Corte d'appello, della quale è stata anche presidente.

Verso il voto del Gran Consiglio

Stamane la maggioranza ha firmato il rapporto allestito dalla presidente della 'Giustizia e diritti', la leghista Sabrina Aldi. Rapporto - Udc, Verdi e Nicola Corti (Ps) non lo hanno sottoscritto - con cui si propone al Gran Consiglio l’elezione di Nicola Respini, di area Ppd, la stessa area politica di Mini. I giochi però non sono del tutto fatti. Sulla proposta della commissione dovrà pronunciarsi il plenum del parlamento, con voto segreto. Bisogna inoltre vedere cosa faranno gli altri quattro aspiranti giudici d'Appello: manterranno la candidatura, sottoponendosi così al giudizio del Gran Consiglio, o la ritireranno? Una mancata adesione del parlamento alla proposta commissionale, osserva poi qualcuno, rappresenterebbe un atto di sfiducia nei confronti della 'Giustizia e diritti', cosa che potrebbe incrinare i già non facili rapporti fra i partiti. Non resta che attendere l'esito della votazione in Gran Consiglio.

Al Ministero pubblico da oltre vent'anni

Classe 1961, Nicola Respini è stato eletto procuratore pubblico nel dicembre del 2000. In precedenza, dal 1991, ha lavorato come vicecancelliere redattore in quella che all’epoca, in seno al Tribunale d'appello, si chiamava Camera dei ricorsi penali. Erano gli anni, fra l’altro, delle rogatorie inoltrate dai pubblici ministeri di Milano del pool ’Mani pulite’ che indagavano sul giro di tangenti che aveva investito i partiti italiani, con una parte importante del denaro finita su conti ticinesi. Da qui le molteplici richieste di assistenza giudiziaria per raccogliere nella vicina Svizzera le prove della corruzione, vera o presunta.

Oggi Respini è sostituto pg. Ed è anche vicepresidente del Consiglio della magistratura. Se verrà designato dal parlamento giudice d'Appello, subentrando a Mauro Mini, la commissione 'Giustizia e diritti' dovrà aprire un concorso per l'elezione di colui o colei che gli succederà al Ministero pubblico.

Potenziamenti, concorsi e nomine

Ministero pubblico che è stato di recente potenziato (la decisione del Gran Consiglio è di metà marzo), con due magistrati inquirenti in più. Dunque, da ventuno pp (procuratore generale compreso) a ventitré. Il 18 giugno scadrà il concorso per la nomina dei due procuratori. L'elezione avverrà dopo la pausa estiva. Ma di questi tempi la Procura non è l'unica autorità giudiziaria interessata da potenziamenti e relative nomine. Una settimana fa il parlamento ha reintrodotto il quarto giudice dei provvedimenti coercitivi, dopo che nel 2016, nell'ambito della manovra di risparmio per risanare le finanze cantonali, la politica aveva ridotto di un'unità l'organico dei magistrati dell'Ufficio dei gpc. Il bando di concorso per la designazione del quarto giudice di garanzia uscirà prossimamente. E sempre prossimamente il Gran Consiglio sarà alle prese con un'altra nomina riguardante l'apparato giudiziario cantonale: in ballo c'è infatti la sostituzione di Marco Kraushaar, presidente della Pretura penale dal 2003, da quando è operativa. Il giudice, di area Plr, ha rassegnato le dimissioni per la fine di febbraio del 2022.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved