ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
24 min

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
2 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
2 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
2 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
2 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
Luganese
3 ore

Lugano, si misurano pressione e glicemia

Il controllo, gratuito, è organizzato dalla sezione del Sottoceneri della Croce Rossa Svizzera
Luganese
3 ore

Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario

La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
3 ore

‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’

Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
3 ore

I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni

Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
Locarnese
4 ore

Apertura al pubblico della miniferrovia Minusio Mappo

Nel fine settimana in circolazione treni a vapore, diesel ed elettrici provenienti anche da Oltralpe e dalla Germania
Luganese
5 ore

Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori

Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico
01.06.2021 - 17:08
Aggiornamento: 18:32

Valore locativo, passa lo sgravio dell'Udc. Ma non è finita

Sì del Gran Consiglio alla modifica proposta da Pamini. Ma Durisch (Ps) non ci sta: ‘Proposta incostituzionale, valutiamo ricorso al Tribunale federale’

valore-locativo-passa-lo-sgravio-dell-udc-ma-non-e-finita
Ti-Press

In caso di una sostanza imponibile inferiore a 500mila franchi e su richiesta del contribuente, il valore locativo imponibile può ammontare al massimo al 30 per cento delle entrate in contanti. È quanto deciso dal Gran Consiglio con 42 favorevoli (Plr, Ppd, Udc, Più donne) e 23 contrari (Ps, Verdi, Mps, Pc). Il parlamento dà quindi il proprio semaforo verde all'iniziativa parlamentare elaborata di Paolo Pamini (Udc) che, così, va a modificare l'articolo 20 della Legga tributaria inserendo una norma presente già in altri cantoni. Dal 1° gennaio 2022, trascorsi i termini per chiamare un referendum, insomma si cambia.

A essere tutto tranne che convinto è il relatore del rapporto di minoranza Ivo Durisch (Ps): «È sbagliato usare la fiscalità per fare socialità, per noi questa è una proposta incostituzionale e non raggiunge l’obiettivo. Il vantaggio per le persone coinvolte sarebbe di circa 70 franchi al mese, non cambierebbero la qualità della loro vita e anzi, ad avvantaggiarsi della modifica sarebbero i proprietari degli immobili più cari. La nostra proposta - riprende il capogruppo socialista - è quella, già formulata, del prestito vitalizio ipotecario a beneficio di persone con più di 60 anni».

Maderni (Plr): ‘Importante supportare chi è svantaggiato’

Ma il sostegno alla proposta di Pamini è ampio. A partire dai liberali radicali, con Cristina Maderni che rileva come «il valore locativo da sempre è una voce della dichiarazione fiscale che viene discussa, e la ragione principale è che viene considerato un reddito imponibile mentre nella realtà non lo è, non costituisce un’entrata monetaria: è evidente a tutti che si tratta di una voce importante di aggravio soprattutto per il ceto basso e medio». Il sostegno del Plr è motivato dal fatto che «sia importante supportare al più presto coloro che vengono più svantaggiati, come i pensionati che hanno già pagato la proprietà e non possono dedurre gli interessi passivi. A beneficiarne sarebbero 3’500 contribuenti». E punzecchia la Lega, appena uscita dal Gran Consiglio per protesta sul caso Molino: «Oggi la presenza in aula ai lavori parlamentare permette di prendere tutte quelle decisioni utili che quando si annunciano occorre anche difendere e portare avanti».

A favore anche il Ppd, con il capogruppo Maurizio Agustoni che afferma si tratti di «una vera e propria misura di sostegno al ceto medio e basso, a chi ha risparmiato tutta la vita per comprarsi una casa e si vede imporre un reddito fittizio con un aggravio fiscale che difficilmente riesce a sostenere».

Pollice verso dai Verdi, perché per Samantha Bourgoin «la proposta potrebbe sembrare interessante, ma per chi fa fatica perché non ha abbastanza liquidità e non può far capo agli aiuti tenendo conto della sostanza 700 franchi l’anno sono positivi ma non sufficienti». 

Morisoli (Udc): ‘La proprietà privata è un valore’

Sugli scudi a difesa della proprietà privata è il capogruppo Udc Sergio Morisoli, che festeggia: «Questo è un piccolo sgravio fiscale e, guardando alla storia, il primo dal 2001 a favore del ceto medio basso di origine puramente cantonale senza pressione federale. Un primo passo dopo vent’anni per fare una cosa buona e giusta, valorizzando la proprietà privata del cittadino comune, che è un’istituzione virtuosa, va salvata e difesa a ogni costo. Non deve diventare qualcosa da strizzare o eliminare. E ai Verdi dico che 700 franchi è meglio di zero».

Dopo la bocciatura della proposta giunta dal Consiglio di Stato, il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta annota che la richiesta di aspettare è dovuta al fatto che dai lavori commissionali del Consiglio degli Stati è emersa la proposta di abolire tout court il valore locativo, e il Consiglio federale dovrebbe presto chinarsi sulla questione per un parere. Tant’è, la modifica (anche senza la Lega) è passata con agio.

Durisch (Ps): ‘Valutiamo il ricorso’

Ma non è detto che sia finita. «Stiamo valutando di inoltrare un ricorso al Tribunale federale - spiega Durisch alla ‘Regione’ nei corridoi del Gran Consiglio -. Con una sentenza è stato messo nero su bianco che non si possa andare sotto al 60%, quindi quella appena votata è una proposta anticostituzionale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved