bellinzona-manifestazione-per-il-personale-sociosanitario
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Pandemia, sette persone in più negli ospedali ticinesi

Due in più nei reparti di cure intensive. Stabile il numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore: aumentati di quattro unità (1’266)
Luganese
4 ore

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.
Mendrisiotto
8 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Locarnese
8 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
8 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Ticino
16 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
18 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
18 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
18 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
19 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
29.05.2021 - 18:340
Aggiornamento : 30.05.2021 - 15:16

Bellinzona, manifestazione per il personale sociosanitario

L'evento si è svolto questo pomeriggio in Piazza Governo e ha visto la partecipazione di circa 200 persone

a cura de laRegione

Sono circa 200 le persone che questo pomeriggio si sono ritrovate in Piazza Governo a Bellinzona, a partire dalle 14, per chiedere migliori condizioni contrattuali e nuove assunzioni all'interno del settore sociosanitario. La manifestazione è stata organizzata e sostenuta dai Sindacati Ocst, Sit, Vpod, dall’Associazione Infermieri, da Labmed e da altre associazioni del personale medico-tecnico.

"Il virus Covid-19 mette a dura prova il personale sociosanitario. In questo periodo di crisi pandemica, noi operatrici e operatori del settore siamo più volte stati considerati indispensabili e visti come eroi(ne) di guerra", si legge in un comunicato. "Tuttavia, va ricordato che indipendentemente dalla pandemia, siamo confrontati giornalmente con situazioni complesse, gioie e dolori. Dobbiamo cercare il giusto equilibrio tra professionalità ed empatia verso i pazienti, altrimenti rischiamo di diventare noi stessi quelli che avranno bisogno di cure".

L’opinione pubblica e la politica "si dimenticano spesso che quanto viene fatto giornalmente nelle strutture ospedaliere, nelle case anziani, nei servizi di assistenza e cura a domicilio, nelle istituzioni sociali e nelle strutture sociopsichiatriche è la norma, da quando esistono queste professioni". Prosegue il comunicato. "I turni nei giorni festivi e di notte, la burocrazia, lo spostamento frequente dei giorni di riposo, i picchetti cui siamo sottoposti… spiegano perché noi operatrici e operatori sociosanitari siamo sovente stanchi".

"Essere compresi e valorizzati"
"Abbiamo scelto questo lavoro perché ci dà soddisfazione, perché essere al servizio di chi ha bisogno delle nostre cure è fonte di gioia e ci fa sentire utili" si legge ancora. "Ma per essere performanti abbiamo bisogno di essere compresi e valorizzati, riconoscendo quanto facciamo tutti i giorni. Desideriamo essere adeguatamente considerati in termini di salario e di tempo libero. Abbiamo bisogno di forme generalizzate di prepensionamento per il personale anziano logorato ed esaurito. Vogliamo avere a disposizione più effettivi per poter disporre di turni di lavoro meno pesanti e con i giusti tempi di recupero". E, inoltre, "chiediamo una ripartizione dei compiti nelle strutture sociosanitarie che permetta di prendere a carico i pazienti con la calma e l’attenzione che si meritano, così come abbiamo imparato a fare. Senza tutto ciò, un personale stanco e demotivato rischia di commettere errori e di entrare nella routine, che è il vero veleno per la qualità delle cure".

Viene poi sottolineata anche l’importanza di "avere il tempo per introdurre i nuovi assunti e per insegnare bene agli allievi, che rappresentano il nostro futuro. Oggi manifestiamo affinché le nostre bellissime professioni vengano pienamente riconosciute e speriamo che i miglioramenti per i quali lottiamo possano stimolare altre/i giovani a intraprendere questo cammino professionale".

Per questo "ci appelliamo al Cantone e ai Comuni chiedendo loro di migliorare il finanziamento dei contratti di prestazione con le strutture ospedaliere, con le case anziani, con i servizi territoriali, con le istituzioni sociali e con le strutture e i servizi sociopsichiatrici". Si chiede inoltre alle autorità di "deliberare finalmente i mezzi economici necessari per migliorare le condizioni di lavoro e per garantire la qualità delle cure e della presa a carico di pazienti, di anziani e di invalidi".

 

 


 

 

Ti Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved