Zurigo
1
Young Boys
0
2. tempo
(0-0)
Lucerna
Basilea
16:30
 
Losanna
Servette
16:30
 
Milan
1
Sassuolo
2
2. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
1. tempo
(0-0)
Lakers
1
Ajoie
1
1. tempo
(1-1)
Zugo Academy
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
0
La Chaux de Fonds
1
1. tempo
(0-1)
il-rilancio-economico-non-passa-dal-gruppo-strategico
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
9 min

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
31 min

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
43 min

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
50 min

‘Il governo agisca subito contro la ripresa della pandemia’

Lo chiedono i deputati in Gran Consiglio dell’Mps che propongono la mascherina obbligatoria nelle scuole elementari e durante eventi pubblici
Luganese
1 ora

Rossi (No): ‘Intercettata la forte perplessità dei cittadini’

Colui che ha impersonificato con Fulvio Pelli il fronte contrario al Polo sportivo ed eventi di Lugano commenta la sconfitta del referedum
Ticino
1 ora

Ocst, Fabiola Gnesa presidente del comitato statali

L’ha eletta l’assemblea tenutasi lo scorso 24 novembre. Subentra all’uscente Enrico Pusterla
Luganese
1 ora

Manno, i giovani con Fazzini, Pestoni e Roos

Ricevimento a tinte sportive per i 18enni del Comune sul Vedeggio
Ticino
1 ora

In Ticino 65,3% di Sì alla Legge Covid, solo 3 comuni per il No

Il 56,1% dei ticinesi ha inoltre approvato l’iniziativa sulle cure infermieristiche. No al 63,4% all’iniziativa Giustizia, con soli due comuni favorevoli
Luganese
1 ora

Lugano dice ‘sì’ al Polo sportivo e degli eventi (Pse)

A votare a favore della realizzazione dell’opera quasi il 57% degli elettori luganesi. Partecipazione del 62,52% degli elettori
Luganese
2 ore

Il pugilato tra suoni e parole

Incontro pubblico martedì nella Biblioteca cantonale di Lugano
Luganese
2 ore

Paolo Beltraminelli eletto alla testa del Ppd di Lugano

Tutto come da pronostico all’assemblea sezionale; la presidenza era vacante da quasi due anni
Locarnese
5 ore

Locarno, in ricordo di Pierre Codiroli

Al Liceo di Locarno martedì vi sarà un incontro-tributo al docente, ricercatore e scrittore scomparso nel 1996
Locarnese
5 ore

Brissago, famiglie patrizie riunite in assemblea

L’ente terrà una seduta martedì prossimo alle 20, nella sala del Consiglio comunale
Locarnese
5 ore

Locarno, pranzo Atte e tombola

Appuntamento giovedì prossimo al Centro diurno. Iscrizioni entro martedì
Ticino
21 ore

L’UDC non commenterà con la RSI i risultati delle votazioni

I democentristi: ‘Professionalità e imparzialità non sono garantite’. L’emittente respinge le accuse
Bellinzonese
22 ore

Nuovo Irb: ‘Sogno realizzato’ a favore delle scienze della vita

Oggi si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione del nuovo edificio a Bellinzona. Una giornata di festa che permette di guardare ‘al futuro con ottimismo’
Bellinzonese
23 ore

Morena Pedruzzi, la vita dopo l’attentato, diretta streaming

Sabato 27 novembre 2021 - dalle 17 presentazione del libro Risollevarsi
Locarnese
1 gior

Incendio a Cugnasco

In un’abitazione in via al Bosco si sono sviluppate delle fiamme dalla canna fumaria del camino
Ticino
 
27.05.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:29

‘Il rilancio economico non passa dal Gruppo strategico’

Il segretario di Unia Gargantini, a più di un anno dall’apertura del tavolo di lavoro per la ripartenza del Cantone: ‘Non arriveranno soluzioni condivise’

È ormai da più di un anno che c’è un convitato di pietra nelle discussioni che riguardano il futuro economico e sociale del Cantone dopo la fase acuta della pandemia: il Gruppo di lavoro per il rilancio del paese. Una task-force composta da politici e associazioni imprenditoriali, sindacali, professionali promossa dal Consiglio di Stato lo scorso aprile. A cercare lumi è un’interpellanza di Più donne che chiede conto al governo di questo anno di lavori e vuole sapere quali proposte siano emerse per il rilancio economico. Il tema si pone, e a colloquio con ‘laRegione’ il segretario di Unia Giangiorgio Gargantini è netto: «Non ci sono e non potranno esserci soluzioni condivise a nome di questo Gruppo strategico poiché non è possibile che ci siano. Anche perché non era questo il nostro l’obiettivo».

In che senso?

Noi abbiamo dato la nostra disponibilità all’inizio di questi lavori, abbiamo partecipato e continueremo a farlo. Ma è difficile oggi fare un bilancio, perché un bilancio si deve fare in base a quali erano le attese. Queste erano probabilmente molto diverse a seconda dei vari attori. Le nostre si limitavano all’avere un luogo di discussione e confronto su una situazione che è oggettivamente straordinaria. Da questo punto di vista il bilancio è positivo.

E per il resto?

Evidentemente noi non abbiamo la speranza che da questo tavolo escano proposte travolgenti o piani di sviluppo consensuali tra i vari attori, perché non è semplicemente possibile per due ragioni: la prima è che i presenti non hanno le stesse ricette e non potranno avere soluzioni unanimi, la seconda è che questo non è il luogo. Ci sono parlamento e commissioni per avere il confronto politico, le leggi e proposte concrete, come ci sono le discussioni tra partner sociali riguardo al mercato del lavoro. Non posso essere deluso verso qualcosa per cui non avevo aspettative concrete.

Quindi chi credeva che uscisse qualcosa di sostanzioso si è fatto soverchie illusioni?

Temo di sì. Ritengo fosse sbagliato immaginare che da questo gremio uscissero proposte incisive.

Proposte incisive, dice. Quali sono quelle di Unia, da portare nei consessi giusti?

Partirei da quello che dicevamo un anno fa e che diciamo ancora oggi: protezione al lavoro e protezione del lavoro. Vale a dire la necessità di lavorare in sicurezza anche sanitaria, e il mantenimento dei posti di lavoro. Che si traduce in protezione contro il licenziamento soprattutto in quelle realtà economiche che hanno beneficiato di importanti sussidi statali e sostegno economico ai lavoratori e alle lavoratrici per mantenere e sviluppare e rilanciare il potere d’acquisto: è una misura chiave questa, mesi e mesi di lavoro ridotto sui magri salari ticinesi hanno inciso in maniera enorme. Ora si discute in modo grottesco sul perché i negozi sono stati chiusi nel fine settimana di Pentecoste: beh, chi ha un’attività sa che la popolazione fa fatica a fare la spesa, perché c’è una diminuzione netta del potere d’acquisto. Quindi il sostegno economico deve essere diretto non soltanto all’economia, ma anche al mondo reale di chi lavora.

Per quanto concerne il rilancio economico, invece?

È assolutamente prioritario capire quale sarà la portata della crisi e quali settori saranno i più colpiti. Prima della cura bisogna fare bene la diagnosi, perché l’impressione è che le difficoltà non siano generalizzate e che siamo confrontati con settori sotto pressione e altri meno. Sarà importante avere politiche economiche anticicliche con investimenti statali, come molti economisti sostengono dall’inizio di questa crisi. E ci vorrà un impegno del Cantone: proteggere il lavoro significa maggiori diritti, è innegabile quanto i lavoratori siano spesso abbandonati a loro stessi e quanto ci vogliano più protezione e diritti a livello giuridico. Come una garanzia di protezione dell’impiego per permettere di denunciare quando si vivono queste situazioni. Il tutto in opposizione alle misure già evocate da qualcuno come più flessibilità, dogma ideologico visto da alcuni come panacea di tutti mali, quando ci vogliono più paletti per regolamentare un mercato del lavoro in sofferenza. Anticamera dei tagli e dei regali fiscali che arriveranno alle aziende, pretendendo che portino a un rilancio dell’economia.

Mentre cosa servirebbe invece?

Che lo Stato, sapendo come buona parte del mondo economico abbia fatto importanti guadagni in questo anno pandemico, ragionasse in termini di imposte straordinarie sui benefici avuti in questo anno o sui grandi capitali. Ormai non siamo più uguali neanche davanti alla morte, considerato come le disuguaglianze in questa pandemia si sono acuite e hanno dimostrato che meno sei abbiente più rischi non solo di perdere il lavoro, ma di perdere la vita.

Lei mette sul piatto molti temi e molte proposte che verteranno anche su cifre ingenti e misure strutturali. La politica cantonale, poche settimane fa, si è spaccata su zero, uno, due o tre mesi di retroattività, della prestazione ponte Covid.

Ripenso anche alle prime discussioni sul piano nazionale, quando il Consiglio federale propose un piano di aiuti nell’ordine delle decine di milioni quando chi aveva capito già l’aria che tirasse parlava di decine di miliardi. Ogni settimana si è aggiunto uno zero prima di accorgersi della reale situazione. C’è sempre una specie di ritardo della politica, e purtroppo temo ci sarà poco coraggio a portare misure incisive. La prova è che a parlare di azioni dirette verso il potere d’acquisto della popolazione ci si senta come una mosca bianca, perché parte subito il mantra che in momenti di crisi si debba stringere la cintura. No: queste sono scelte politiche. Se le discussioni dovessero continuare a vertere su un mese o due mesi di retroattività per misure importanti, necessarie e fondamentali per alcune persone come la Prestazione ponte Covid, ma secondarie per montante se confrontate con i veri capitali che andranno messi sul tavolo, saremo ulteriormente in ritardo e pagheranno i lavoratori. Siamo un paese molto ricco, possiamo permetterci di agire con misure strutturali importanti di sostegno economico. Se non lo facciamo oggi, quando lo faremo? Siamo appoggiati su montagne enormi di riserve, quelle monetarie accumulate nella Banca nazionale sono maggiori del Pil annuale. È un dato di fatto: se non si usano nel momento di maggiore difficoltà, quando intendono farlo? Bisogna aprire i forzieri e investire per aiutare la popolazione e i lavoratori. A oggi alcuni indipendenti ancora aspettano delle indennità, e altre categorie di lavoratori e soprattutto lavoratrici non hanno addirittura ricevuto nessun tipo di sostegno: è una vergogna assoluta. Altro che tirare la cinghia...

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved