ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
14 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
15 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
16 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
laR
 
25.05.2021 - 18:34
Aggiornamento: 19:21

Tamponi per l'estero, boom in farmacia: 'Sempre più richieste'

Il portavoce dell'Ordine dei farmacisti Tamò: 'Ogni posto disponibile viene preso in poco tempo. Più ci si avvicina al weekend più son gettonati e si fatica'

tamponi-per-l-estero-boom-in-farmacia-sempre-piu-richieste
Ti-Press

«Scusi, può richiamare nel pomeriggio che al momento siamo impegnatissimi?». La risposta che ci dà il portavoce dell’Ordine dei farmacisti ticinesi Federico Tamò quando lo cerchiamo verso le 12 per chiedergli come sta andando con la gestione del boom di richieste di tamponi antigenici per andare all’estero - leggasi, in Italia - parla da sola. E quando nel primo pomeriggio riusciamo a raggiungerlo in un momento di pausa nella sua farmacia di Bellinzona ce lo conferma: «Sono giorni intensi. La richiesta di tamponi sta aumentando ogni giorno in modo esponenziale, e sicuramente tutte le farmacie stanno cercando di aumentare le proprie capacità». Aumenti che, rileva Tamò, «non si possono decidere da un giorno all’altro, ci vuole più tempo per organizzarsi. Ma ci siamo. Dall’anno scorso, dall’arrivo della pandemia - continua il portavoce dell’Ordine dei farmacisti - abbiamo cominciato ad aumentare il personale della farmacia. Questo per essere al riparo da eventuali quarantene e pronti alle richieste in arrivo. Adesso, per tutto quello che riguarda il drive-in dei tamponi, ci stiamo affidando a infermieri, personale di studi medici, personale sanitario che si mette a disposizioni».

‘Buona la collaborazione con gli infermieri’

Non solo la sua farmacia sta procedendo in questa direzione, ma molte, moltissime altre: «Partiamo dal fatto che con le risorse normali è impossibile far fronte a tutta questa domanda. Quando tutti vogliono la stessa cosa allo stesso momento non si può far altro che cercare soluzioni agili, e la collaborazione con gli infermieri è ottima - annota Tamò -. L’unico modo per uscirne è, a livello sanitario, metterci tutti insieme e trovare soluzioni da proporre alla popolazione. Stiamo avendo buoni risultati, e il nostro auspicio è che questa collaborazione vada avanti anche in futuro, e su altri progetti».

‘Ogni disponibilità viene riservata’

La domanda di tamponi cresce esponenzialmente, e quando si pensa alla stagione estiva in arrivo e alle regole che, prima del Green pass europeo, ogni Stato sta decidendo per gli ingressi dentro i propri confini viene da chiedersi anche quanto sia sostenibile per le farmacie questo sforzo e se si riesca, davvero, a far fronte alla richiesta. «Bella domanda», sospira Tamò in risposta. E aggiunge: «Adesso ogni disponibilità che viene messa fuori dalle farmacie viene presa. Ne creiamo di nuove ogni giorno, e vengono subito prenotate. Oggi verso mezzogiorno era ancora possibile riservare un tampone per il pomeriggio, abbiamo ancora qualche posto per giovedì, ma è chiaro che andando verso il fine settimana la situazione diventa molto più complessa essendo quelli più gettonati. Non siamo ancora al tutto esaurito nell’arco dei sette giorni, si riesce ancora a trovare qualche buco, ma è chiaro che occorre flessibilità. Quello che posso garantire è che le farmacie si stanno impegnando molto per offrire il servizio a più persone possibile». 

‘È importante sia riconosciuto anche l'essersi vaccinati o l'aver contratto il virus da meno di sei mesi’

Al Green pass europeo guarda con fiducia anche Tamò, quando ricorda che «nelle prossime settimane non saranno solo i tamponi a essere riconosciuti, ma è importante che lo siano anche le vaccinazioni e lo status di chi ha contratto il virus da meno di sei mesi. Questo dovrebbe compensare un po’ la richiesta di tamponi». Chiaro, per arrivare a questa situazione «ci vuole un po’ di clinica. Gli studi sui vaccini sono stati fatti principalmente sulla riduzione della mortalità e delle patologie gravi, tutti gli altri dati stanno arrivando adesso. Ci vuole del tempo, ma quelli finora giunti sono tutti positivi. Quando saranno sufficientemente robusti la speranza è che potranno essere cambiate anche le direttive».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved