sirica-il-plr-ha-pagato-una-sua-certa-arroganza
Fabrizio Sirica e Alessandro Speziali (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
14 min

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
47 min

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
54 min

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
54 min

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
1 ora

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
1 ora

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
1 ora

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
1 ora

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
Locarnese
1 ora

Orselina chiede un ritorno agli orari Fart su carta

Dopo Losone, un secondo Municipio sostiene la richiesta del Guastafeste
Locarnese
1 ora

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
2 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
Ticino
2 ore

Legionellosi, il Ticino e il Moesano i più colpiti

Lo indica l’Ufsp. La malattia, un’infezione polmonare causata dal batterio Legionella, non si trasmette da persona a persona ma tramite flussi di aerosol
Bellinzonese
3 ore

Natale in Città, calo dei visitatori ma record di pattinatori

Un’edizione caratterizzata da adattamenti logistici implementati a causa del repentino evolversi della situazione sanitaria
Luganese
4 ore

Associazione sportiva Cademario: i numeri della lotteria

Per il ritiro dei premi telefonare allo 079 785 72 10 (Zanotti) oppure inviare una e-mail a: info@ascademario.ch
16.05.2021 - 18:400
Aggiornamento : 20:37

Sirica: il Plr ha pagato una sua certa arroganza

'Opportuno il ballottaggio a Bellinzona e la nostra è stata una campagna corretta', ribatte il presidente dei liberali radicali Speziali all'omologo socialista

«È andata alla grande, al di là delle attese. Una vittoria su tutta la linea!». Gongola Fabrizio Sirica nel commentare la riconferma del socialista Mario Branda alla carica di sindaco di Bellinzona nella sfida con il municipale liberale radicale Simone Gianini. Un responso delle urne così chiaro, il copresidente cantonale del Ps non se l'aspettava. «Nessuno se lo aspettava. I più ottimisti fra i sostenitori di Branda - aggiunge Sirica - prevedevano uno scarto di 1'500 voti. Invece Branda ne ha ottenuti oltre 3mila in più di Gianini. Un risultato netto. È un successo davvero notevole per Mario. Che per giunta ha vinto praticamente ovunque nei quartieri, anche nelle roccaforti liberali degli ex Comuni».

Il ballottaggio a Bellinzona: fra quelli svoltisi in Ticino, il più importante politicamente, pensando anche alle elezioni cantonali del 2023. «Mi dicono che ho poco 'fair play'. Sarà. Tuttavia la mia analisi è questa: il Plr, secondo me, ha pagato una certa arroganza - riprende il copresidente dei socialisti ticinesi -. I liberali radicali hanno voluto il ballottaggio, ma non si è mai capito bene il senso politico di questa mossa. Nelle loro proposte non c'è stata discontinuità rispetto al passato». Un passato in cui Branda «si è sempre comportato in maniera responsabile», in cui «ci ha messo sempre la faccia come sindaco, anche per errori o manchevolezze da parte del Municipio, sebbene fossero attribuibili non al Ps bensì ad altri partiti», osserva Sirica alludendo in particolare alla vicenda dei sorpassi di spesa. E allora quella del Plr, rincara, «è stata una mossa dettata dalla voglia di potere, finalizzata unicamente a riconquistare la poltrona di sindaco persa anni fa».

Speziali: avremmo forse dovuto profilarci maggiormente

Nessuna arroganza, ribatte Alessandro Speziali. «Ho già sentito un sacco di reazioni provenienti dal nostro partito e da fuori che smentiscono l'aggettivo usato da Sirica - sostiene il presidente cantonale del Plr -. Ci siamo buttati nel ballottaggio con coraggio e in tanti all'interno e all'esterno del partito ritenevano opportuno questo passo. Peraltro la campagna di Simone è stata corretta, tutt'altro che arrogante». Le urne hanno comunque premiato Branda. Una domenica avara di sole e politicamente amara per Gianini e il suo partito. «Ci aspettavamo qualche punto percentuale in più per il nostro candidato alla carica di sindaco, pur essendo consapevoli - puntualizza Speziali - dell'estrema difficoltà dell'impresa, dato che Mario Branda, va riconosciuto, è stato ed è un bravo sindaco, è riuscito a intercettare il consenso dei quartieri e anche delle cosiddette roccaforti liberali: quello odierno è stato un voto di stima per la sua conduzione del Municipio. Insomma, nei prossimi tre anni a Bellinzona dovremo come Plr lavorare ancor di più e meglio». Stiamo al presente, scontata la domanda: cosa non ha o non avrebbe funzionato in casa liberale radicale nell'elezione per il sindaco? «Ho visto un partito compatto, che ha lavorato molto. Però non è bastato. Forse - continua il presidente del Plr - avremmo dovuto profilarci maggiormente nel proporre una visione alternativa di Bellinzona, con qualche progetto forte per la Città. Ma col senno di poi siamo tutti allenatori». 

Sirica sulle 'cantonali' 2023: quello di Branda è uno dei nomi da considerare

Dal presente al futuro. Al rinnovo dei poteri cantonali del 2023 e in particolare alla corsa per il Consiglio di Stato. Nel Ps c'è l'annunciata non ricandidatura del titolare del Dipartimento educazione cultura e sport Manuele Bertoli. Ma c'è anche questa brillante rielezione di Branda a sindaco.... «Adesso cogliamo e ci godiamo il momento, cioè la bella vittoria di oggi - afferma un diplomatico Sirica -. Come Direzione e come Ufficio presidenziale non abbiamo ancora abbozzato la discussione per il 2023. È però chiaro - precisa - che quello di Mario Branda, la cui forza politica è ulteriormente aumentata con il voto odierno, è uno dei nomi che non si potrà non prendere in considerazione nella composizione della lista per il governo. Una riflessione su di lui e con lui andrà quindi sicuramente fatta. Ora però le sue priorità sono altre. Il lavoro in Municipio e come sindaco non gli mancherà davvero. Saprà ripagare la fiducia accordatagli dagli elettori. Nel partito inizieremo ad affrontare il tema delle elezioni cantonali - argomenti, nomi ed eventuali alleanze - a breve, medio termine: nel giro di un anno bisognerà infatti avere in chiaro gran parte delle idee. Il 2023 non è lontano». Nel Plr, fa sapere Speziali, «non si sta ancora pensando alle persone da mettere in lista per le 'cantonali', il vivaio comunque lo abbiamo. Stiamo però già coltivando i temi e le proposte sui quali concentrare l'azione del partito: preferisco che il Plr ragioni prima di tutto sui contenuti». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved