Spagna
0
Polonia
0
1. tempo
(0-0)
santa-chiara-alla-moncucco-a-sfavore-della-popolazione
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Onsernone, la scuola dell'infanzia 'traballa'

Mancano i bambini e c'è il rischio che i pochi alunni debbano lasciare la valle per recarsi in un istituto del piano. Trattative col Decs in corso
Luganese
6 ore

Scudo: la pandemia porta più incertezza ma più utenti

Il servizio di cure a domicilio del Luganese chiude il 2020 con un volume d'affari di circa 20 milioni e un utile di oltre 300mila franchi
Mendrisiotto
6 ore

Giovani rubano un furgone e lo fanno affondare nel Ceresio

La vicenda è avvenuta nella notte tra lunedì e martedì. È stata aperta un'inchiesta
Bellinzonese
8 ore

Serravalle, un sentiero interattivo fra natura e storia

Il progetto 'Salamandra Vagabonda' partirà la prossima primavera e permetterà di scoprire le ricchezze del territorio delle frazioni di Ludiano e Semione
Ticino
15 ore

‘Avvocati, meno generalisti e sempre più specialisti’

Gianluca Padlina alla sua ultima partecipazione in veste di presidente dell’Ordine a una cerimonia per l’avvenuta promozione di nuovi legali. A ventotto il brevetto
Locarnese
15 ore

Isole, un rilancio da primato storico assoluto

Dall'apertura della stagione sfondato il tetto dei 50mila visitatori. Il coordinatore Veronese: “Passione, collaborazione e impegno ampiamente condivisi”.
Ticino
16 ore

In Marocco perseguitano i gay, ma non per la Sem

La Segreteria della migrazione svizzera vuole rimandare in patria un ragazzo che per la sua omosessualità rischia le botte e la galera.
Mendrisiotto
20 ore

‘Scontro’ tra giovani e polizia al campus

‘In una ventina si sono scagliati contro gli agenti’. Ma gli studenti contestano: ‘Non è andata così’
Ticino
1 gior

Un fondo più corposo per i ‘dezonamenti’

Presentati due emendamenti per potenziare il credito dedicato allo sviluppo territoriale ‘centripeto’. Chiesti da 20 a 50 milioni di franchi
Ticino
16.05.2021 - 12:330
Aggiornamento : 17.05.2021 - 16:28

Santa Chiara alla Moncucco, 'a sfavore della popolazione'

La dirigenza socialista esprime preoccupazione per l'acquisizione temendo 'un'inutile concorrenza che avvelana il settore'

L'acquisizione della clinica Santa Chiara da parte della Clinica Moncucco "impedisce uno sviluppo sinergico dell’ospedale pubblico sulle rive del Verbano, segnatamente con il rafforzamento e il completamento del settore mamma-bambino, inaugurando invece un periodo di concorrenza tra ospedali che alla fine non andrà a favore della popolazione del Locarnese e delle sue valli e arrischierà di costare a tutti i cittadini ticinesi". Esprimono preoccupazione Laura Riget e Fabrizio Sirica, co-presidenti del Partito socialista e il capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch che considerano "stupefacenti alcune dichiarazioni della maggioranza degli attuali proprietari della clinica e del presidente del Cda della Clinica Luganese, che ammettono candidamente che a contare non sia stato il prezzo offerto, ma le possibilità di sviluppo della clinica. Sembrerebbe infatti che l’offerta dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) fosse chiaramente più elevata di quella, accettata, della Clinica Moncucco".

'Politica sanitaria: e il bisogno dei pazienti?'

I tre dirigenti del Ps Ticino scrivono anche: "Dopo averci sempre insegnato come funziona la concorrenza, improvvisamente in questa trattativa il prezzo offerto dai vari candidati all’acquisto sembra essere stato trattato come un criterio secondario, mentre a prevalere sarebbero stati non ben conosciuti sviluppi futuri dell’attività del nosocomio, che però non dipendono dalle scelte di venditori e acquirenti, ma dalla pianificazione ospedaliera cantonale che sarà decisa dalle competenti autorità politiche. Spiegazioni poco convincenti, che mostrano una visione della politica sanitaria per nulla orientata al bisogno dei pazienti". Il Ps Ticino "chiede un sistema sanitario ben presente nelle regioni, adeguato ai bisogni e scevro da inutili concorrenze che avvelenano solo il settore, si adopererà per ridurre al massimo la nefasta concorrenza tra ospedali, benché le pessime regole federali, del tutto ideologiche, siano state costruite proprio per incentivare questo meccanismo del tutto negativo per la popolazione". Da qui, la richiesta di porre in primo piano la qualità delle prestazioni negli ospedali nell'affrontare la prossima pianificazione ospedaliera.

Sostegno all'iniziativa popolare

Questo, sempre secondo Riget, Sirica e Durish, "implica un’adeguata disponibilità di medici specialisti, una presenza del pronto soccorso, un'adeguata presenza della medicina intensiva, un numero minimo di casi trattati per avere una certa massa critica, ecc., venga privilegiato rispetto al criterio della semplice economicità delle prestazioni". Per queste ragioni, i tre dirigenti ribadiscono "il sostegno all’iniziativa popolare 'Per la qualità e sicurezza delle cure ospedaliere' auspicando che il Gran Consiglio dia finalmente seguito alle richieste sottoscritte da oltre 13'000 cittadini. Il sistema sanitario ticinese merita di meglio che una sterile concorrenza tra pubblico e privato sulle spalle di pazienti e contribuenti e il PS sarà in prima fila per cercare di evitare che questo accada".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved