NJ Devils
5
PHI Flyers
2
fine
(1-1 : 1-0 : 3-1)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
2
fine
(0-0 : 0-1 : 0-1)
BOS Bruins
3
VAN Canucks
2
fine
(1-1 : 0-1 : 2-0)
ANA Ducks
1
TOR Leafs
3
3. tempo
(0-0 : 0-2 : 1-1)
divieto-di-punizioni-corporali-sui-bimbi-nel-codice-civile
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
6 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
9 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
10 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
10 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
10 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
10 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
11 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
11 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
11 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
11 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
11 ore

Offerta professionale di base, al via un ciclo di webinar

Dalle formazioni sanitarie, a quella della logistica passando per l’informatica: l’appuntamento è online alla Città dei mestieri
Luganese
11 ore

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del Sì
Bellinzonese
12 ore

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Ticino
10.05.2021 - 18:050

'Divieto di punizioni corporali sui bimbi nel Codice civile'

Il Consiglio di Stato risponde a una mozione dei popolari democratici Imelli e Dadò, ritenendola evasa, che chiede l'adesione all'Appello di Berna. E agirà

“Il Consiglio di Stato intende lanciare una segnale inequivocabile contro ogni forma di punizione corporale, confermando la volontà di profilarsi come Cantone particolarmente attento alla tematica dei diritti del bambino e del pieno rispetto della Convenzione Onu sui diritti del fanciullo”. Un impegno importante, messo nero su bianco dal governo in risposta a una mozione inoltrata nel dicembre scorso dai deputati del Ppd Sara Imelli e Fiorenzo Dadò. Un impegno che porterà lo stesso Consiglio di Stato “a comunicare la propria posizione al Consiglio federale e invitandolo a promulgare un messaggio che proponga alle Camere federali di iscrivere nel Codice civile svizzero il divieto delle punizioni corporali”. 

La mozione in pillole

Le richieste nella mozione Imelli-Dadò erano tre: inoltrare a Berna la richiesta da parte del Canton Ticino di adesione all'Appello di Berna, promosso dal Centre interfacultaire en droits de l'enfant (Cide), che ha lo scopo “di sensibilizzare le autorità federali e la società civile affinché il divieto delle punizioni corporali venga, appunto, iscritto nel Codice civile; creare un gruppo di lavoro interpartitico che possa aiutare il Ticino ad abolire le punizioni corporali su ogni bambino e a collaborare con una rete fitta di enti e associazioni; compiere concrete azioni sul territorio per sensibilizzare, promuovere e informare la popolazione per prevenire le punizioni corporali e ogni forma di educazione violenta contro i bambini. Il Consiglio di Stato, nel proprio messaggio in risposta a questa mozione, chiede di ritenere evaso l'atto poiché “ritiene di aver ottemperato alle richieste formulate”. Perché se si è pronti a chiedere al Consiglio federale dei passi decisi verso l'interruzioni delle punizioni corporali, sugli altri due punti della mozione c'è “un distinguo argomentato”. Ma non da poco.

Un Programma cantonale quadriennale

Perché dopo aver informato della propria intenzione di attivarsi con forza a livello federale, il governo cantonale - si legge nel rapporto - “parimenti dimostra la sua volontà di agire anche sul territorio cantonale con l'istituzione del ‘Programma cantonale di promozione dei diritti dei bambini, di prevenzione della violenza e di protezione di infanzia e gioventù (0-25 anni) 2021-2024’”. L'elaborazione di questo Programma, spiega il Consiglio di Stato, “prevede il coinvolgimento propositivo degli enti attivi sul territorio nell'ambito delle politiche per le famiglie, l'infanzia e la gioventù, sia per fornire utili spunti (attraverso audizioni) sia per sviluppare progetti di prevenzione o di formazione”. In particolare, è previsto il coinvolgimento della Commissione cantonale per le colonie, della Commissione cantonale per la gioventù, del Forum genitorialità, della Piattaforma infanzia coordinata dalla Supsi, dell'Osservatorio cantonale della politica familiare, della Piattaforma politiche giovanili, del Forum per la promozione della salute nella scuola ed del Forum 20 novembre. Oltre questa ricca partecipazione, si specifica che “in tutte le sue fasi il Programma prevede anche il coinvolgimento dei giovani e delle famiglie”. La creazione di un gruppo interpartitico per affrontare il tema, quindi, per il governo non c'è.

Esattamente come viene ritenuto evaso perché superato dai fatti l'invito a compiere azioni concrete anche di sensibilizzazione sul territorio. Questo Programma cantonale, infatti, “avrà tra i suoi principi faro la sensibilizzazione all'educazione senza ricorso ad alcuna forma di violenza e impostata sul buon trattamento. Di conseguenza - continua il governo nel proprio messaggio - sul tema verranno promosse iniziative e misure a carattere informativo, formativo, educativo e preventivo”. Gli ambiti d'intervento saranno cinque: famiglie, scuola, spazio sociale, settore socio-sanitario e settore socio-educativo.

Tra le sfide principali che si pone il Programma 2021-2024 ci sono “il rafforzamento della partecipazione dei bambini e dei giovani alle decisioni che li riguardano, la promozione delle politiche giovanili, la prevenzione del disagio giovanile e la prevenzione della violenza che coinvolge i giovani”.

Il Consiglio di Stato, come detto, ritiene evaso l'atto parlamentare. Ma stando a nostre informazioni, l'orientamento dei mozionanti sarebbe quello di andare comunque sia in Commissione sia in Gran Consiglio per ribadire l'importanza del tema e chiedere ulteriori passi avanti. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved