ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
21 min

Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl

Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
24 min

Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento

Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
Ticino
37 min

La Lega dei Ticinesi lancia la campagna elettorale con 4 feste

Si parte da Giubiasco per poi toccare Mendrisio, Quartino e Pregassona. Come consuetudine, alla parte politica è abbinato un pranzo conviviale offerto
Muralto
40 min

Corso di cajon con la Scuola di musica

Cinque sedute per apprendere l’uso di questo strumento musicale con la Sam. Lezioni al via il 9 febbraio
Mendrisiotto
59 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
1 ora

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
1 ora

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
1 ora

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
1 ora

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
2 ore

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
4 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
4 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
4 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
10.05.2021 - 18:05

'Divieto di punizioni corporali sui bimbi nel Codice civile'

Il Consiglio di Stato risponde a una mozione dei popolari democratici Imelli e Dadò, ritenendola evasa, che chiede l'adesione all'Appello di Berna. E agirà

divieto-di-punizioni-corporali-sui-bimbi-nel-codice-civile
Ti-Press

“Il Consiglio di Stato intende lanciare una segnale inequivocabile contro ogni forma di punizione corporale, confermando la volontà di profilarsi come Cantone particolarmente attento alla tematica dei diritti del bambino e del pieno rispetto della Convenzione Onu sui diritti del fanciullo”. Un impegno importante, messo nero su bianco dal governo in risposta a una mozione inoltrata nel dicembre scorso dai deputati del Ppd Sara Imelli e Fiorenzo Dadò. Un impegno che porterà lo stesso Consiglio di Stato “a comunicare la propria posizione al Consiglio federale e invitandolo a promulgare un messaggio che proponga alle Camere federali di iscrivere nel Codice civile svizzero il divieto delle punizioni corporali”. 

La mozione in pillole

Le richieste nella mozione Imelli-Dadò erano tre: inoltrare a Berna la richiesta da parte del Canton Ticino di adesione all'Appello di Berna, promosso dal Centre interfacultaire en droits de l'enfant (Cide), che ha lo scopo “di sensibilizzare le autorità federali e la società civile affinché il divieto delle punizioni corporali venga, appunto, iscritto nel Codice civile; creare un gruppo di lavoro interpartitico che possa aiutare il Ticino ad abolire le punizioni corporali su ogni bambino e a collaborare con una rete fitta di enti e associazioni; compiere concrete azioni sul territorio per sensibilizzare, promuovere e informare la popolazione per prevenire le punizioni corporali e ogni forma di educazione violenta contro i bambini. Il Consiglio di Stato, nel proprio messaggio in risposta a questa mozione, chiede di ritenere evaso l'atto poiché “ritiene di aver ottemperato alle richieste formulate”. Perché se si è pronti a chiedere al Consiglio federale dei passi decisi verso l'interruzioni delle punizioni corporali, sugli altri due punti della mozione c'è “un distinguo argomentato”. Ma non da poco.

Un Programma cantonale quadriennale

Perché dopo aver informato della propria intenzione di attivarsi con forza a livello federale, il governo cantonale - si legge nel rapporto - “parimenti dimostra la sua volontà di agire anche sul territorio cantonale con l'istituzione del ‘Programma cantonale di promozione dei diritti dei bambini, di prevenzione della violenza e di protezione di infanzia e gioventù (0-25 anni) 2021-2024’”. L'elaborazione di questo Programma, spiega il Consiglio di Stato, “prevede il coinvolgimento propositivo degli enti attivi sul territorio nell'ambito delle politiche per le famiglie, l'infanzia e la gioventù, sia per fornire utili spunti (attraverso audizioni) sia per sviluppare progetti di prevenzione o di formazione”. In particolare, è previsto il coinvolgimento della Commissione cantonale per le colonie, della Commissione cantonale per la gioventù, del Forum genitorialità, della Piattaforma infanzia coordinata dalla Supsi, dell'Osservatorio cantonale della politica familiare, della Piattaforma politiche giovanili, del Forum per la promozione della salute nella scuola ed del Forum 20 novembre. Oltre questa ricca partecipazione, si specifica che “in tutte le sue fasi il Programma prevede anche il coinvolgimento dei giovani e delle famiglie”. La creazione di un gruppo interpartitico per affrontare il tema, quindi, per il governo non c'è.

Esattamente come viene ritenuto evaso perché superato dai fatti l'invito a compiere azioni concrete anche di sensibilizzazione sul territorio. Questo Programma cantonale, infatti, “avrà tra i suoi principi faro la sensibilizzazione all'educazione senza ricorso ad alcuna forma di violenza e impostata sul buon trattamento. Di conseguenza - continua il governo nel proprio messaggio - sul tema verranno promosse iniziative e misure a carattere informativo, formativo, educativo e preventivo”. Gli ambiti d'intervento saranno cinque: famiglie, scuola, spazio sociale, settore socio-sanitario e settore socio-educativo.

Tra le sfide principali che si pone il Programma 2021-2024 ci sono “il rafforzamento della partecipazione dei bambini e dei giovani alle decisioni che li riguardano, la promozione delle politiche giovanili, la prevenzione del disagio giovanile e la prevenzione della violenza che coinvolge i giovani”.

Il Consiglio di Stato, come detto, ritiene evaso l'atto parlamentare. Ma stando a nostre informazioni, l'orientamento dei mozionanti sarebbe quello di andare comunque sia in Commissione sia in Gran Consiglio per ribadire l'importanza del tema e chiedere ulteriori passi avanti. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved