divieto-di-punizioni-corporali-sui-bimbi-nel-codice-civile
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 min

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
3 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
3 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
3 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
3 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
4 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
4 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
4 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
4 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
4 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
5 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
5 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
5 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
10.05.2021 - 18:05

'Divieto di punizioni corporali sui bimbi nel Codice civile'

Il Consiglio di Stato risponde a una mozione dei popolari democratici Imelli e Dadò, ritenendola evasa, che chiede l'adesione all'Appello di Berna. E agirà

“Il Consiglio di Stato intende lanciare una segnale inequivocabile contro ogni forma di punizione corporale, confermando la volontà di profilarsi come Cantone particolarmente attento alla tematica dei diritti del bambino e del pieno rispetto della Convenzione Onu sui diritti del fanciullo”. Un impegno importante, messo nero su bianco dal governo in risposta a una mozione inoltrata nel dicembre scorso dai deputati del Ppd Sara Imelli e Fiorenzo Dadò. Un impegno che porterà lo stesso Consiglio di Stato “a comunicare la propria posizione al Consiglio federale e invitandolo a promulgare un messaggio che proponga alle Camere federali di iscrivere nel Codice civile svizzero il divieto delle punizioni corporali”. 

La mozione in pillole

Le richieste nella mozione Imelli-Dadò erano tre: inoltrare a Berna la richiesta da parte del Canton Ticino di adesione all'Appello di Berna, promosso dal Centre interfacultaire en droits de l'enfant (Cide), che ha lo scopo “di sensibilizzare le autorità federali e la società civile affinché il divieto delle punizioni corporali venga, appunto, iscritto nel Codice civile; creare un gruppo di lavoro interpartitico che possa aiutare il Ticino ad abolire le punizioni corporali su ogni bambino e a collaborare con una rete fitta di enti e associazioni; compiere concrete azioni sul territorio per sensibilizzare, promuovere e informare la popolazione per prevenire le punizioni corporali e ogni forma di educazione violenta contro i bambini. Il Consiglio di Stato, nel proprio messaggio in risposta a questa mozione, chiede di ritenere evaso l'atto poiché “ritiene di aver ottemperato alle richieste formulate”. Perché se si è pronti a chiedere al Consiglio federale dei passi decisi verso l'interruzioni delle punizioni corporali, sugli altri due punti della mozione c'è “un distinguo argomentato”. Ma non da poco.

Un Programma cantonale quadriennale

Perché dopo aver informato della propria intenzione di attivarsi con forza a livello federale, il governo cantonale - si legge nel rapporto - “parimenti dimostra la sua volontà di agire anche sul territorio cantonale con l'istituzione del ‘Programma cantonale di promozione dei diritti dei bambini, di prevenzione della violenza e di protezione di infanzia e gioventù (0-25 anni) 2021-2024’”. L'elaborazione di questo Programma, spiega il Consiglio di Stato, “prevede il coinvolgimento propositivo degli enti attivi sul territorio nell'ambito delle politiche per le famiglie, l'infanzia e la gioventù, sia per fornire utili spunti (attraverso audizioni) sia per sviluppare progetti di prevenzione o di formazione”. In particolare, è previsto il coinvolgimento della Commissione cantonale per le colonie, della Commissione cantonale per la gioventù, del Forum genitorialità, della Piattaforma infanzia coordinata dalla Supsi, dell'Osservatorio cantonale della politica familiare, della Piattaforma politiche giovanili, del Forum per la promozione della salute nella scuola ed del Forum 20 novembre. Oltre questa ricca partecipazione, si specifica che “in tutte le sue fasi il Programma prevede anche il coinvolgimento dei giovani e delle famiglie”. La creazione di un gruppo interpartitico per affrontare il tema, quindi, per il governo non c'è.

Esattamente come viene ritenuto evaso perché superato dai fatti l'invito a compiere azioni concrete anche di sensibilizzazione sul territorio. Questo Programma cantonale, infatti, “avrà tra i suoi principi faro la sensibilizzazione all'educazione senza ricorso ad alcuna forma di violenza e impostata sul buon trattamento. Di conseguenza - continua il governo nel proprio messaggio - sul tema verranno promosse iniziative e misure a carattere informativo, formativo, educativo e preventivo”. Gli ambiti d'intervento saranno cinque: famiglie, scuola, spazio sociale, settore socio-sanitario e settore socio-educativo.

Tra le sfide principali che si pone il Programma 2021-2024 ci sono “il rafforzamento della partecipazione dei bambini e dei giovani alle decisioni che li riguardano, la promozione delle politiche giovanili, la prevenzione del disagio giovanile e la prevenzione della violenza che coinvolge i giovani”.

Il Consiglio di Stato, come detto, ritiene evaso l'atto parlamentare. Ma stando a nostre informazioni, l'orientamento dei mozionanti sarebbe quello di andare comunque sia in Commissione sia in Gran Consiglio per ribadire l'importanza del tema e chiedere ulteriori passi avanti. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved