levatrici-figura-importante-ma-poco-considerata
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
20 min

Due laboratori per avvicinare le ragazze al digitale

È l’iniziativa promossa dal Politecnico federale di Losanna. Il primo appuntamento si è tenuto il 16 ottobre a Lugano.
Luganese
1 ora

Il patriziato di Lugano in assemblea

L’appuntamento è previsto a Palazzo dei congressi per giovedì 28 ottobre alle 17.45. Servirà un certificato covid.
Locarnese
1 ora

Adolescenza e comportamenti a rischio, una conferenza

Lunedì 25 ottobre alle Medie di Cevio si parla di prevenzione con l’Assemblea Genitori e l’Associazione Radix della Svizzera italiana
Ticino
1 ora

In Ticino 20 contagi, 2 persone in più in ospedale

Aumentano da 7 a 9 le persone ricoverate per Covid, di cui una ancora in cure intense
Locarnese
2 ore

Ascona-Brissago, automobilisti armatevi di pazienza

Da oggi iniziano i lavori per accrescere la sicurezza del pendio soprastante la cantonale a Moscia. Gli interventi saranno svolti prevalentemente la notte
Video
Mendrisiotto
3 ore

Nebiopoli 2022 si farà con il certificato Covid

Discusso il piano di protezione che permetterà lo svolgimento della manifestazione dal 10 al 14 febbraio 2022
Locarnese
6 ore

Locarno, estetica solidale per i malati tumorali

Una nuova associazione no profit raccoglie fondi per rendere più accessibili i trattamenti contro alcuni effetti delle terapie farmacologiche
Locarnese
6 ore

Locarnese, 35 anni fa lo schianto sui monti di Mondovì

Nell’incidente aereo persero la vita 6 persone conosciute della regione. Il velivolo, decollato da Ascona e diretto in Spagna, perse la rotta nella nebbia
Luganese
6 ore

Autosilo di Carabbia, monta il malcontento dei residenti

Dopo il voto del legislativo, la soluzione della Città non piace ai promotori della petizione, né alla commissione di quartiere né ai mozionanti
Mendrisiotto
14 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
15 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
15 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
16 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Ticino
 
05.05.2021 - 05:300

Levatrici, figura importante ma poco considerata

La commissione parlamentare: ‘Auspicato un maggior riconoscimento del ruolo e una migliore comunicazione’

Ansie, dubbi, paure e gioie. Tutte le famiglie, al momento dell’arrivo di un figlio, provano questi sentimenti, ma non sono sole. Accanto a loro c’è la figura della levatrice, ruolo che però va rafforzato. A chiederlo con una mozione, nel maggio dell’anno scorso, sono stati alcuni deputati al Gran Consiglio con prima firmataria la socialista Gina La Mantia. Il rapporto commissionale su tale mozione, firmato da Sara Imelli (Ppd) auspica “un maggior coinvolgimento delle levatrici nelle informazioni necessarie e nel riconoscimento del loro ruolo”. Maggior coinvolgimento, sì, perché a numerose richieste della sezione ticinese della Federazione svizzera delle levatrici (Fsl–Ti), l’Ufficio del medico cantonale e quello del farmacista cantonale non hanno mai dato seguito o solo con tempi lunghi.

Materiale sanitario: ‘Non siamo state considerate nel contingente’

«All’inizio della pandemia da coronavirus non eravamo calcolate nelle figure di base, per cui quando c’era difficoltà nel reperire materiale non siamo state considerate nel contingente», spiega Francesca Coppa Dotti, co–presidente della Fsl–Ti. «Grazie a colloqui telefonici siamo riusciti a trovare un compromesso, ma l’interazione è sempre molto faticosa. Non riceviamo le comunicazioni ufficiali e della riapertura dei reparti di maternità presso gli ospedali di Locarno e Mendrisio ne siamo venute a conoscenza tramite i giornali».

Riguardo al materiale, la federazione ha sollevato altre perplessità: «Non ci è sembrato sensato il fatto che le levatrici indipendenti dovessero avere delle mascherine di tipo ffp2 in riserva quando le colleghe in sala parto non avevano il diritto di utilizzarle. Nemmeno quando la donna in travaglio era positiva al Covid–19», fa presente Coppa Dotti che aggiunge: «Non tutte le levatrici lavorano alla stessa percentuale, con il medesimo numero di pazienti, quindi i dispositivi individuali in riserva non possono essere gli stessi».

Il momento del parto è molto delicato e per una donna è importante poter contare sulla presenza di una persona di fiducia. A causa delle disposizioni sanitarie, alle partorienti positive al coronavirus non è però possibile essere accompagnate in sala parto. È pure vietato l’accesso a un’altra persona positiva. «L’idea di rimanere ‘sole’ in quel momento fa molta paura – dice la levatrice –. E noi possiamo solo dire che sono le regole. Ci piacerebbe però avere delle spiegazioni da parte delle autorità sanitarie, in modo da poter parlare in modo chiaro alla donna che stiamo seguendo». Per Coppa Dotti è necessario rendersi conto che l’arrivo di un figlio è un momento molto speciale della vita e che con piccoli aggiustamenti esso può essere vissuto in maniera serena nonostante la pandemia.

Figure di riferimento per le donne

Le levatrici, al riguardo, fanno molto e spesso sostituiscono le figure di riferimento che alcuni anni fa erano maggiormente presenti in una famiglia. «C’erano magari una zia, una sorella, una mamma, che con la loro esperienza sostenevano la donna. Ora le famiglie sono sempre più piccole e ‘isolate’, dunque il lavoro della levatrice diventa ancor più fondamentale», dice Francesca Coppa Dotti che spiega perché è importante rinforzare questo ruolo: «Ci occupiamo di donne sane e promuoviamo la salute di tutta la famiglia a partire dal concepimento fino al termine dell’allattamento. Con una presa a carico unicamente medica, si rischia di cercare principalmente quello che non funziona». Le gravidanze seguite totalmente in autonomia da una levatrice sono poche, spiega Coppa Dotti, ma si sta affermando sempre di più una presa a carico mista fra levatrice e medico: «Noi abbiamo l’autonomia di seguire tutte le situazioni fisiologiche, cioè normali, della mamma e del bambino. Deferendo al medico quando riscontriamo delle variazioni o problematiche».

Una presa a carico generale che include tutto il nucleo familiare: «Il nostro lavoro comprende un aspetto educativo, di accompagnamento e salute pubblica. L’arrivo di un bambino è un momento particolarmente recettivo per fare delle scelte che vanno nel senso di una migliore salute. Si è spinti e pronti a prendere delle decisioni che nella vita frenetica quotidiana non si prenderebbero. Un esempio può essere diminuire o smettere di fumare».

Una presenza importante, ribadita in occasione della giornata internazionale delle levatrici in calendario oggi. “I numeri parlano chiaro: rafforzando l’assistenza perinatale gestita dalle levatrici si potrebbero evitare dai due ai tre milioni di decessi in tutto il mondo da qui al 2035”, comunica la Fsl.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved