lombardia-in-giallo-da-oggi-cosa-cambia-per-i-ticinesi
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

Gli allievi della Commercio presentano le loro mini imprese

La Fiera regionale Ticino avrà luogo il 18 e 19 febbraio al Mercato Resega di Canobbio
Mendrisiotto
23 min

All’Obv il progetto di ospedale di giorno diventa realtà

Dopo la nuova ala, l’Ente ospedaliero fa un passo avanti in vista delle altre ristrutturazioni e strutture. Pubblicata la domanda di costruzione
Locarnese
27 min

‘No ai nostri bimbi salvagente del mondo economico!’

Mascherine alle Elementari: sono già più di 600 le firme, partite da Locarno, della ‘contestazione collettiva’ che andrà al Consiglio di Stato
Locarnese
33 min

Locarno, chiusura momentanea di Via delle Vigne

Giovedì 27 gennaio all’altezza del numero civico 31 si procederà allo smontaggio di una gru da cantiere
Locarnese
43 min

Scuola Svizzera di Sci Bosco Gurin, uscite giornaliere

In febbraio tre date da agendare per i bambini desiderosi di divertirsi e imparare sulla neve. Iscrizioni aperte da subito
Locarnese
57 min

Locarno, ‘ti lascio perché ho finito l’ossitocina’

Lo spettacolo di e con Giulia Pont sarà di scena sabato 29 gennaio alle 20.30 alla Cambusateatro
Mendrisiotto
1 ora

Tre Quartieri, altrettanti cantieri a Mendrisio

In vista opere di pavimentazione stradale a Capolago, Arzo e nel Borgo a partire dalla fine del mese
Locarnese
1 ora

Maggia, il preventivo per il 2022 chiude in pari

La contabilità per l’anno in corso stima un avanzo di 83’743 franchi. Moltiplicatore d’imposta invariato al 90 per cento
Ticino
1 ora

Forme di lavoro post Covid al centro del Festival dell’economia

Organizzati dalla Scuola cantonale di commercio quattro incontri tra il 3 febbraio e il 31 marzo
Locarnese
1 ora

Polcom, Minusio ha scelto l’Intercomunale del Piano

Scampato a una richiesta di rinvio del messaggio, il Municipio ottiene il via libera alla convenzione transitoria con Gordola
Bellinzonese
1 ora

Dentro le mura del Collegio delle Orsoline a Bellinzona

Serata pubblica di presentazione del volume ‘Un’illusione di femminile semplicità’, cronistoria di vita e cultura delle donne tra Settecento e Ottocento
26.04.2021 - 12:550
Aggiornamento : 16:51

Lombardia in giallo da oggi, cosa cambia per i ticinesi

Resta qualche difficoltà per gli spostamenti verso l'Italia: fino al 30 aprile, oltre al test negativo, imposti 5 giorni di quarantena e un secondo tampone

a cura de laRegione

Da oggi la Lombardia, insieme al Piemonte, passa in zona gialla alla pari di quasi tutte le regioni tranne la Sardegna, che resta in zona rossa, e Basilicata, Calabria Puglia, Sicilia e Valle d'Aosta che rimangono zona arancione. Il passaggio nella fascia di rischio minore comporta, fra gli altri allentamenti, l'apertura dei ristoranti a pranzo e cena ma solo all'aperto, analogamente a quanto avviene già in Svizzera da lunedi scorso, e soprattutto il via libera agli spostamenti fra regioni "gialle", con la fine del divieto in vigore fino a ieri e che era uno degli ostacoli principali al ritorno in Italia dei ticinesi per turismo e in generale per motivi che non fossero di lavoro, salute o assoluta urgenza. 

Rimangono però al momento delle limitazioni circa il ripristino della completa mobilità fra il nostro cantone e le regioni di confine, derivanti da una serie di provvedimenti e ordinanze che, emesse in modo irregolare e a volte anche "last minute", hanno creato un quadro di norme su cui c'è attualmente poca chiarezza, complice anche la suddetta stratificazione delle norme e la presentazione a volte poco chiara sui siti governativi italiani. 

Ciò che al momento, almeno fino al 30 aprile, e secondo il sito Viaggiaresicuri.it del ministero degli Esteri italiano, rende problematico lo spostamento verso l'Italia, è la disposizione contenuta nelle ordinanze del ministero della Salute del 30 marzo e 2 aprile 2021, che, come riporta ViaggiareSicuri, oltre all'obbligo di presentare l'esito negativo di un test Pcr o rapido (quest'ultimo, ricordiamolo, gratuito in Svizzera) effettuato nelle 48 ore precedenti, prevede, per chi ha soggiornato nei 14 giorni precedenti in uno dei Paesi dell'elenco C (in cui è attualmente inserita la Svizzera), quello di sottoporsi "anche a un periodo di cinque (5) giorni di quarantena presso l'abitazione o la dimora, previa comunicazione del proprio ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio. È obbligatorio, inoltre, effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni di quarantena".

Quindi, almeno fino al 30 aprile, stando al testo delle normative in vigore fra decreti e ordinanze, e salvo le eccezioni previste per motivi di lavoro, salute o assoluta urgenza, l'ingresso in Italia dalla Svizzera richiede: test negativo, 5 giorni di quarantena e altro test. Cosa succederà dal primo maggio in poi non è ancora chiaro: se l'ordinanza che impone la quarantena, emessa sull'onda massiccia delle prenotazioni all'estero in seguito al via libera di fine marzo, non dovesse venire prorogata ulteriormente, resterebbe in vigore (almeno in teoria) solo l'obbligo di presentare un test Pcr o rapido per l'ingresso in Italia. Sono tuttavia in discussione due proposte parallele: una, a firma del senatore del PD Alessandro Alfieri, che prevede una sorta di pass temporaneo che documenti l'avvenuta vaccinazione, il risultato negativo di un test covid, o di aver contratto il Covid ed essere guariti negli ultimi sei mesi; un'altra, del deputato leghista Matteo Bianchi, che chiede invece l'istituzione di una "zona franca" di 20 km in Italia e 20 in Svizzera entro la quale sia possibile circolare senza ulteriori restrizioni. Rimane dunque da attendere un'eventuale decisione nel corso della settimana sul rinnovo o meno della suddetta ordinanza.

A ciò bisogna aggiungere le restrizioni per chi arriva o rientra in Svizzera da una delle regioni italiane attualmente inserite nell'elenco dei Paesi a rischio, ovvero Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Toscana: sarà necessario presentare un test negativo all'arrivo e sottoporsi a 10 giorni di quarantena da cui si potrà uscire con un test negativo effettuato il settimo giorno.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved