ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
34 min

Bellinzona omaggia le associazioni locali

La Città ha ricevuto giovedì scorso circa 80 volontari attivi in varie realtà che si impegnano per la collettività
Luganese
1 ora

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
4 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
8 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
8 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
13 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
15 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
15 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
16 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
17 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
26.04.2021 - 12:55
Aggiornamento: 16:51

Lombardia in giallo da oggi, cosa cambia per i ticinesi

Resta qualche difficoltà per gli spostamenti verso l'Italia: fino al 30 aprile, oltre al test negativo, imposti 5 giorni di quarantena e un secondo tampone

lombardia-in-giallo-da-oggi-cosa-cambia-per-i-ticinesi
(Ti-Press)

Da oggi la Lombardia, insieme al Piemonte, passa in zona gialla alla pari di quasi tutte le regioni tranne la Sardegna, che resta in zona rossa, e Basilicata, Calabria Puglia, Sicilia e Valle d'Aosta che rimangono zona arancione. Il passaggio nella fascia di rischio minore comporta, fra gli altri allentamenti, l'apertura dei ristoranti a pranzo e cena ma solo all'aperto, analogamente a quanto avviene già in Svizzera da lunedi scorso, e soprattutto il via libera agli spostamenti fra regioni "gialle", con la fine del divieto in vigore fino a ieri e che era uno degli ostacoli principali al ritorno in Italia dei ticinesi per turismo e in generale per motivi che non fossero di lavoro, salute o assoluta urgenza. 

Rimangono però al momento delle limitazioni circa il ripristino della completa mobilità fra il nostro cantone e le regioni di confine, derivanti da una serie di provvedimenti e ordinanze che, emesse in modo irregolare e a volte anche "last minute", hanno creato un quadro di norme su cui c'è attualmente poca chiarezza, complice anche la suddetta stratificazione delle norme e la presentazione a volte poco chiara sui siti governativi italiani. 

Ciò che al momento, almeno fino al 30 aprile, e secondo il sito Viaggiaresicuri.it del ministero degli Esteri italiano, rende problematico lo spostamento verso l'Italia, è la disposizione contenuta nelle ordinanze del ministero della Salute del 30 marzo e 2 aprile 2021, che, come riporta ViaggiareSicuri, oltre all'obbligo di presentare l'esito negativo di un test Pcr o rapido (quest'ultimo, ricordiamolo, gratuito in Svizzera) effettuato nelle 48 ore precedenti, prevede, per chi ha soggiornato nei 14 giorni precedenti in uno dei Paesi dell'elenco C (in cui è attualmente inserita la Svizzera), quello di sottoporsi "anche a un periodo di cinque (5) giorni di quarantena presso l'abitazione o la dimora, previa comunicazione del proprio ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio. È obbligatorio, inoltre, effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni di quarantena".

Quindi, almeno fino al 30 aprile, stando al testo delle normative in vigore fra decreti e ordinanze, e salvo le eccezioni previste per motivi di lavoro, salute o assoluta urgenza, l'ingresso in Italia dalla Svizzera richiede: test negativo, 5 giorni di quarantena e altro test. Cosa succederà dal primo maggio in poi non è ancora chiaro: se l'ordinanza che impone la quarantena, emessa sull'onda massiccia delle prenotazioni all'estero in seguito al via libera di fine marzo, non dovesse venire prorogata ulteriormente, resterebbe in vigore (almeno in teoria) solo l'obbligo di presentare un test Pcr o rapido per l'ingresso in Italia. Sono tuttavia in discussione due proposte parallele: una, a firma del senatore del PD Alessandro Alfieri, che prevede una sorta di pass temporaneo che documenti l'avvenuta vaccinazione, il risultato negativo di un test covid, o di aver contratto il Covid ed essere guariti negli ultimi sei mesi; un'altra, del deputato leghista Matteo Bianchi, che chiede invece l'istituzione di una "zona franca" di 20 km in Italia e 20 in Svizzera entro la quale sia possibile circolare senza ulteriori restrizioni. Rimane dunque da attendere un'eventuale decisione nel corso della settimana sul rinnovo o meno della suddetta ordinanza.

A ciò bisogna aggiungere le restrizioni per chi arriva o rientra in Svizzera da una delle regioni italiane attualmente inserite nell'elenco dei Paesi a rischio, ovvero Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Toscana: sarà necessario presentare un test negativo all'arrivo e sottoporsi a 10 giorni di quarantena da cui si potrà uscire con un test negativo effettuato il settimo giorno.

 

Leggi anche:

'Una zona franca di 40 km attraverso la frontiera'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved