comunali-2021-elettori-piu-mobili-e-meno-fedeli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 min

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collauda coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
18 min

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
22 min

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni ticinesi in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘La polizia di prossimità ha un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
43 min

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
52 min

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
58 min

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
1 ora

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
1 ora

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
1 ora

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
1 ora

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
1 ora

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
2 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
2 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
2 ore

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
2 ore

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
Bellinzonese
2 ore

Ricca offerta culturale del Centro Pro Natura Lucomagno

La rinnovata infrastruttura di Acquacalda proporrà delle escursioni guidate nella regione e delle colonie estive
Luganese
3 ore

Lugano ha il suo nuovo vicecomandante, è Mauro Maggiulli

Il primo tenente, dal prossimo primo luglio, affiancherà Roberto Torrente andando ad assumere il grado di capitano
Mendrisiotto
4 ore

Torna a Chiasso l’appuntamento estivo Cinequartiere

Cinque proiezioni all’aperto in vari punti strategici della cittadina e a Pedrinate con pellicole di recentissima distribuzione
Mendrisiotto
5 ore

Dopo due anni ritorna a Bruzella la Sagra del formaggino

La festa inizierà alle 17 e si protrarrà per tutta la serata. Fra le novità un buon risotto con... formaggino
Mendrisiotto
5 ore

A Chiasso c’è da riconsiderare un’antenna: nessun permesso

Il Municipio disattende le indicazioni favorevoli del Dipartimento del territorio e rispedisce alla Swisscom la richiesta di licenza edilizia
laR
 
26.04.2021 - 05:15
Aggiornamento: 15:38

Comunali 2021: elettori più mobili e meno fedeli

Prende sempre più piede la scelta di dare il voto ai candidati a discapito delle liste. Il politologo Pilotti: ‘Ma i partiti hanno ancora ragion d’essere’

di Chiara Gallé
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Più persone e meno partiti. Dall’introduzione delle schede senza intestazione nel 2007, si tende a dare maggiormente il voto ai singoli candidati piuttosto che alle liste. Introdotte per incentivare al voto chi non si riconosce nei partiti, da allora alle elezioni comunali queste schede sono aumentate del 6% nei cinque maggiori centri urbani.

Il record va a Bellinzona dove per il Municipio ne sono state conteggiate 3’995, il 26% del totale, contro le 3’815 andate alla lista più votata, il Partito liberale radicale. Secondo il sindaco uscente della capitale Mario Branda (Ps) questa tendenza vede contrapposti «da un lato l’evidente segnale di una significativa perdita d’importanza della componente ideologica, effetto a lungo termine anche del crollo del muro di Berlino, dall’altro il tradizionale sentimento di appartenenza partitica». Renato Bison, municipale Plr, interpreta la situazione come un distacco da movimenti e partiti, dove sono presenti regole e programmi, per dare più valore alle persone. «Non penso sia voler andare contro la politica. Il sistema di elezione che abbiamo permette comunque di riprendere una parte dei voti. Se qualcuno vota un candidato, ma non il suo movimento qualcosa torna. Bisogna cercare di capire queste persone. Trattasi di un cambiamento di mentalità che va rispettato».

Nel 2008 a Lugano queste schede per l’esecutivo erano il 15%. Oggi sono il 21% e sfiorano il risultato di Lega dei ticinesi e Udc. Lorenzo Quadri, municipale leghista, ritiene la crescita «problematica nella misura in cui per sostenere le persone ritenute meritevoli esiste già la possibilità del panachage. Quale posizione hanno gli elettori delle schede senza intestazione in campo di fiscalità, viabilità, promozione dell’occupazione, eccetera? Impossibile saperlo». Per Cristina Zanini Barzaghi, municipale socialista, è pesata l’assenza di comizi e dibattiti sul territorio in cui «i candidati hanno la possibilità di farsi conoscere meglio. A Lugano in più si aggiunge la nascita di piccoli movimenti politici che crea ulteriore confusione. Una possibile risposta per migliorare la situazione potrebbe essere la reintroduzione della congiunzione delle liste, così da avere delle coalizioni con idee comuni chiare e più facili da comprendere».

A Mendrisio le schede senza intestazione per il Municipio sono passate dal 15 al 19%. «Credo che il successo sia dovuto principalmente alla visibilità e alla comunicazione che una persona può trasmettere personalmente ai cittadini, in particolar modo se attivo in alcune società della città di Mendrisio». Così il Plr Massimo Cerutti, eletto in municipio, secondo il quale, inoltre, non bisogna dimenticare che «per raggiungere un successo elettorale è importante una partecipazione attiva agli eventi sportivi, culturali e sociali presenti nella città». E per Françoise Gehring Amato, municipale di Insieme a Sinistra, quelle schede rappresentano «quasi un partito a sé stante. È ovvio che il massiccio ricorso alla scheda senza intestazione impone a tutti i partiti, le formazioni e i movimenti una profonda riflessione».

La situazione non disturba invece Bruno Arrigoni (Plr), sindaco di Chiasso, dove la tendenza è meno marcata, come d’altronde nella città di Locarno. «Non mi aspetto nei prossimi anni un aumento esponenziale, ma presumo che resteranno tra il 10 e il 20% dei votanti. Ritengo più preoccupante il fatto che circa il 40% degli aventi diritto non si rechi alle urne». Davide Lurati, municipale Ppd, crede d’altronde che «la singola persona che non si presenta alle elezioni in liste di partito, con l’attuale sistema, molto difficilmente riuscirà a essere eletta. Le schede senza intestazione contribuiscono sicuramente al successo dei candidati che su di esse ottengono molte preferenze, ma sono solo un piccolo pezzo del puzzle finale sinonimo di elezione».

L’indipendente Pierluigi Zanchi eletto a Locarno per i Verdi si smarca: «La gestione di un comune non dovrebbe dipendere dalle ideologie, ma dalle capacità e dalle competenze professionali e relazionali delle persone elette. La sfiducia nelle istituzioni è cosa gravissima e dovrebbe farci riflettere». La municipale di Sinistra Unita Nancy Lunghi crede che «i partiti devono impegnarsi a contrastare questo fenomeno cercando di diventare attrattivi anche e soprattutto per i giovani e per le persone tra i 35 e i 50 anni. A Locarno, con la nostra campagna di rinnovamento, stiamo provando ad andare in questa direzione. Siamo convinti che con una base forte si possano concretizzare progetti e idee più facilmente».

IL POLITOLOGO

‘Ma i partiti servono ancora’

Gli elettori che ricorrono alla scheda senza intestazione «sono poco o per nulla interessati alla politica e, ad esempio, sono insoddisfatti della propria situazione economica e di quella del Ticino», commenta il politologo Andrea Pilotti, ricercatore all’Istituto di studi politici dell’Università di Losanna. «Anche a livello svizzero l’elettorato di appartenenza tende al ribasso, mentre aumenta quello di opinione, molto più mobile e meno fedele». È nei partiti delle grandi famiglie tradizionali, come liberali, democristiani e socialisti che molti elettori non si sentono più rappresentati e che quindi rivendicano una propria indipendenza. La fascia d’età maggiormente interessata è la 18-30 anni, più portata a individualizzare la politica. Gli over 50 sono invece statisticamente più propensi a scegliere il partito. «Secondo le nostre inchieste di opinione», prosegue Pilotti, «i giovani tendono in misura maggiore rispetto ad altri gruppi di età a non situarsi né a destra né a sinistra. Per i partiti è una sfida riuscire a fidelizzarli. Per dialogare con loro stanno rilanciando i movimenti giovanili».

Come spiegato da Pilotti, a partire dagli anni 90 i partiti storici si sono confrontati con una crisi delle ideologie. Sono sopravvenuti cambiamenti repentini, contraddistinti, ad esempio, da tematiche legate all’ambiente e al ruolo della donna. «I partiti sono stati chiamati a rivedere le loro capacità di risposta e non sempre ci sono riusciti a causa delle loro strutture rigide», puntualizza il politologo. «Così una parte crescente dell’elettorato ha cominciato a riconoscersi in certe aree di pensiero, ma non in un partito specifico». Ad esempio, la Lega dei ticinesi nasceva 30 anni fa come movimento e ancora oggi si definisce tale. In origine il suo obiettivo era andare contro i partiti tradizionali e denunciarne le strutture datate. «Da un lato è una politica legittima», spiega Pilotti, «dall’altro penso sia un movimento che oggi dovrebbe darsi delle strutture organizzative più simili a un partito». Questo perché nelle ultime elezioni comunali la chiave di lettura di molti successi «è stata una certa struttura e organizzazione. Elementi che possono rivelarsi utili, anche nell’assicurare una comunicazione nelle sezioni locali». Per Pilotti i partiti sono chiamati a innovarsi e a rinnovarsi. «Hanno ancora una ragion d’essere. Idealmente è interessante dire che ogni cittadino possa comunicare individualmente con il governo, ma la Storia insegna che bisogna potersi unire per farsi sentire».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elezioni comunali schede senza intestazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved