partono-i-test-in-azienda-tra-diffidenza-e-autotest-in-farmacia
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

‘Salario minimo, Ccl e storture: tocca a noi dare la risposta’

Nella discussione generale in Gran Consiglio emerge un asse Ps-Lega. Fonio e Jelmini (Ppd) sulle barricate. Speziali (Plr): ‘Ombre, ma ci sono tante luci’
Bellinzonese
7 ore

Enti autonomi Bellinzona: qualche ombra, tanti ‘sì’

Votati i consuntivi 2020. Il gruppo Lega/Udc sollecita più trasparenza e intraprendenza per Musei e Teatro. Nuova illuminazione per i castelli
Locarnese
7 ore

Ascona, giù gli alberi pericolanti per proteggere la litoranea

Lavori urgenti su due ettari di bosco in zona Moscia, dopo la frana dello scorso 13 agosto
Bellinzonese
8 ore

Anche il Plr voterà 250’000 franchi per la nuova Valascia

Bellinzona: i liberali-radicali aderiscono alla proposta Ppd di dimezzare il mezzo milione ora sostenuto solo dalla Sinistra. Verdi/Mps/Fa contrari
Bellinzonese
9 ore

Lumino, via libera ai crediti legati al nubifragio di agosto

Il Consiglio comunale approva i messaggi municipali per i costi già sostenuti a la realizzazione di una vasca di contenimento sul riale Valentra
Mendrisiotto
9 ore

Un concerto per i 40 anni dell’orchestra ‘Arrigo Galassi’

L’appuntamento è per venerdì presso la chiesa Sant’Antonio Abate di Genestrerio. Le soliste saranno Daniela Zanoletti e Patrizia De Santis
Ticino
9 ore

Vendemmia al via nel Sopraceneri

Da domani è possibile consegnare le uve della sponda destra del Ticino
Ticino
9 ore

Centrale comune d’allarme: gli inquilini ora ci sono tutti

Dallo scorso aprile alla Cecal vengono gestite anche le chiamate al 144. ‘Oggi è un centro di competenze per gli enti di primo intervento, un unicum in Svizzera’
Luganese
10 ore

Rarità allo Zoo di Neggio: nati tre cuccioli di nasua albini

I piccoli sono nati lo scorso 31 maggio. La cucciolata è composta da cinque esemplari: tre albini come il papà e due no, come la mamma
Mendrisiotto
10 ore

A Riva San Vitale la Bottega del Mondo festeggia 30 anni

L’importante traguardo sarà celebrato sabato con un aperitivo accompagnato dalle note del ‘duo del lago’
Mendrisiotto
10 ore

Stabio avvia un primo progetto di contracting

L’iniziativa concerne la generazione di calore e la fornitura di energia fotovoltaica. Coinvolti anche i privati
Bellinzonese
10 ore

Biasca, ‘meno tempo tra la progettazione e la realizzazione’

Opere pubbliche: la Commissione della gestione auspica più velocità in futuro
Bellinzonese
10 ore

Caso targhe, Gobbi su Orlandi: ‘Era stato assunto regolarmente’

Il consigliere di Stato risponde infastidito all’Mps assicurando che il funzionario ‘non aveva con me alcun legame e non era mio corregionale’
Bellinzonese
10 ore

Vandalizzata la filiale Ubs di Bellinzona

Danneggiati tre vetri della sede di Largo Elvezia. La polizia ha nel frattempo individuato il giovane autore
Mendrisiotto
11 ore

Castel San Pietro ha presentato il vino comunale

Si tratta della 22ª vinificazione delle uve merlot prodotte dal vigneto situato nei pressi del centro scolastico
Luganese
11 ore

Massagno, passano crediti e consuntivi 2020

Conti in attivo e mantenimento del moltiplicatore d’imposta al 77%. Due nuovi ingressi nelle fila di Ps-Verdi-Indipendenti
Locarnese
11 ore

Locarno, nordic walking Pro Senectute

Al Parco della Pace, quattro gruppi e diversi itinerari
Locarnese
11 ore

Quartino, ultimo tiro obbligatorio

Organizzano le Società tiratori Campagna Contone-Quartino e Tiratori ‘La Pianturina’ Cadenazzo
Bellinzonese
11 ore

Luce verde ai 43,42 milioni per il nuovo Pretorio di Bellinzona

Il Gran Consiglio ha approvato con 74 sì, zero no e 4 astenuti la richiesta di credito per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’edificio in via Franscini
Ticino
23.04.2021 - 16:500
Aggiornamento : 17:27

Partono i test in azienda, tra diffidenza e autotest in farmacia

Presentato l'adeguamento del piano cantonale, con un cambio di paradigma e la scelta dei test molecolari. Ma Albertoni (Camera di commercio) non è convinto

Sui test di massa nelle aziende «c’è stato un cambio di paradigma». A distanza di quasi un mese dalla presentazione del Piano cantonale del Consiglio di Stato - era il 26 marzo - entra nel vivo uno strumento in più di contrasto al coronavirus con le ditte interessate che da lunedì potranno annunciarsi. Ma intanto qualcosa è cambiato, e da qui si è arrivati al cambio di rotta annunciato in conferenza stampa dal direttore della Divisione della salute pubblica Paolo Bianchi: «Siamo partiti dal presupposto di insistere con l’utilizzo dei test rapidi, ma nel frattempo in Ticino siamo arrivati ad avere cinque laboratori privati più quello dell’Eoc che hanno rinforzato la loro capacità di analizzare i test molecolari in pool, cioè dieci campioni insieme. Nel caso emerga una positività dal pool, viene fatta l’analisi dei singoli campioni. E si guadagna tempo». Il costo del test è coperto dalla Confederazione, aggiunge Bianchi. In aggiunta, il fatto che il test molecolare Pcr è anche più affidabile del semplice test rapido.

Paletti più stretti per i rimborsi

Ma ciò che è cambiato con l’aggiornamento dell’Ordinanza federale giunta da Berna, e che per usare un eufemismo non è stata accolta con entusiasmo da governo e aziende ticinesi, riguarda pure il capitolo rimborsi. Con la ridefinizione dei criteri di rischio, infatti, si va a restringere la platea di aziende che possono essere considerate ad alto rischio, quindi beneficiarie del rimborso di 34 franchi per ogni test svolto. Avranno questo riconoscimento, infatti, le imprese che dimostreranno di avere 10 o più collaboratori, con una partecipazione al test di almeno il 60% di loro, e di ottemperare a dei criteri cumulativi: telelavoro non possibile, numeri di contatti elevati tra dipendenti, distanze limitate, contatto permanente, luogo di lavoro al chiuso e scarsamente arieggiato. Con cumulativi da intendere con tutti, nessuno escluso. Perché sennò, se sono quindi invece che cumulativi alternativi (alcuni) si scende di rango. E scende anche il rimborso, non di poco. Si sarà azienda a rischio accresciuto con più di 10 collaboratori e la partecipazione di almeno sei dipendenti su dieci ai test, e l’indennizzo previsto sarà di 8 franchi a test più, per il primo mese, un piccolo incentivo cantonale di 4 franchi a test. Che non ci sarà per le aziende a basso rischio, quelle fra 5 e 10 collaboratori, che riceveranno solo gli 8 franchi a test dalla Confederazione.

L’altra novità giunta da Berna riguarda le quarantene: non sarà più prevista per i dipendenti nelle aziende che offrono test settimanali, quindi tutte quelle che vorranno partecipare a questo progetto poiché i test ogni 5-7 giorni per la durata di almeno un mese è una delle condizioni.

‘Finora 2mila aziende interessate, ma diminuiranno’

«La strategia per i test di massa nelle aziende viene messa in atto grazie alla preziosa collaborazione con le associazioni economiche», spiega l’aggiunto al direttore della Divisione dell’economia in seno al Dipartimento finanze ed economia Daniele Fumagalli. Una collaborazione «che consente di procedere con la concretizzazione della strategia elaborata. Secondo l’indagine condotta dal gruppo di lavoro, per il tramite delle associazioni di categoria, le aziende potenzialmente interessate ad aderire sono circa 2mila e appartengono a tutti i settori economici». Un dato, questo, che però risale a prima del lancio dei test rapidi in farmacia messi a disposizione dalla Confederazione e prima di alcune possibilità di test fai da te. «Questo numero probabilmente andrà a calare», ci risponde Fumagalli a margine della conferenza stampa. «È chiaro che da alcune settimane ci sono alternative come i test rapidi in farmacia e gli autotest, non sono raccomandati per questo processo di test ripetuti in azienda e non hanno la stessa efficacia di queste azioni svolte una volta a settimana che dovrebbero permettere di fare una fotografia di tutta l’azienda, non dei singoli dipendenti» ci risponde a sua volta Bianchi. Dal profilo della strategia della Confederazione gli autotest non sostituiscono un processo di test rapidi, insomma. Però «vi è anche la possibilità, soprattutto per le aziende piccole, di replicare quello che il Cantone fa con le scuole. In presenza di un caso positivo, fare un’azione estesa di depistaggio. Per aziende con pochi dipendenti si può chiedere loro di andare in farmacia e testarsi per capire come è la situazione tra i colleghi che hanno avuto contatti con un positivo. Per la Confederazione l’obiettivo è fare un’azione preventiva però, non di rincorsa».

Albertoni (Camera di commercio): ‘Ho l'impressione che Berna mascheri così ritardi con le vaccinazioni’

La sensazione, già dal mese scorso ma ancor più confermata oggi, è che questo piano appena nato sia già superato dagli eventi. Vuoi perché pensato in un contesto che non prevedeva ancora autotest o test rapidi in farmacia, vuoi perché i paletti sono davvero stretti. E il direttore della Camera di commercio Luca Albertoni, raggiunto dalla ‘Regione’ per un commento a caldo, ci conferma quanto aveva già detto il mese scorso, il giorno della presentazione del piano da parte del Consiglio di Stato: «Non è attrattivo per le aziende, lo ribadisco. Il Cantone ha fatto quello che poteva, facendo lo slalom tra paletti rigidissimi, perché l’Ordinanza federale è molto criticabile e l’origine dei problemi. A partire dalle definizioni: se un’azienda ha il piano di protezione come fa ad essere ad alto rischio, e quindi avere il relativo rimborso? Difatti, di focolai non ne registriamo. Perché dicono che sono test gratuiti quando invece li pagano i contribuenti o le aziende? Perché li chiamano test di massa quando invece non lo sono?». Insomma, Albertoni è tutto tranne che ottimista. Anzi: «Ho l’impressione che dietro questa campagna della Confederazione con un annuncio così grande ci sia un tentativo di mascherare il ritardo con le vaccinazioni».

Vaccinazioni, doppia dose per quasi il 10% della popolazione

Le farmacie autorizzate a fare test rapidi sono 68, circa un terzo del totale. Con personale formato e la giusta disposizione dei locali. E dal 7 aprile, informa Bianchi, le vendite di test fai da te hanno raggiunto le diverse decine di migliaia: quasi 100mila. La nota positiva, rileva il direttore della Divisione della salute pubblica, «è che dal 9 al 21 aprile 149 persone hanno preso appuntamento per un tampone ai checkpoint dopo essere risultate positive a un autotest». Infine, e qui si passa alle vaccinazione, in Ticino si è arrivati a 100mila dosi di vaccino inoculate. E quasi il 10% della popolazione ha ricevuto la doppia dose.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved