cassa-pensioni-i-sindacati-quel-mezzo-miliardo-serve
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
57 min

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
10 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
10 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
10 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
11 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
11 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
11 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
11 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
11 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
11 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
12 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
12 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
12 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
laR
 
20.04.2021 - 19:57
Aggiornamento : 23:39

Cassa pensioni, i sindacati: quel mezzo miliardo serve

Le associazioni del personale oggi sono state sentite in audizione dalla commissione della Gestione. Il presidente Quadranti: ‘Diventerà una priorità’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il dossier riguardante l’iniezione di mezzo miliardo di franchi all’Istituto di previdenza del Cantone Ticino (attuale denominazione della cassa pensioni dei dipendenti dello Stato) è tornato stamattina sui tavoli della commissione parlamentare della Gestione, con l’audizione delle associazioni del personale. I sindacati appoggiano il messaggio governativo, ovvero l’attribuzione all’Ipct del contributo integrativo di 500 milioni “per la copertura del costo supplementare delle garanzie di pensione concesse agli assicurati con più 50 anni” nel quadro della riforma entrata in vigore nel 2013.

Il tema, pendente da tempo in Gestione, era stato politicamente congelato a causa della pandemia e delle conseguenze economiche sui conti del Cantone. Tolto dal freezer? «Sì, già la settimana scorsa abbiamo ricevuto in audizione il Consiglio di Stato e i dirigenti della cassa. Oggi con i sindacati siamo andati avanti», ci risponde il presidente della Gestione Matteo Quadranti (Plr). «Non è un tema che possiamo lasciare lì così, si tratta di impegni presi», continua. E qual è il clima in commissione? La Lega si è opposta a più riprese minacciando referendum nel caso si decidesse di andare in questa direzione. «Beh, anche Lugano ha messo a posto la sua cassa pensione...» replica Quadranti alludendo al fatto che si tratta di una città con - appena riconfermati - sindaco e altri due municipali leghisti. «Una convergenza si troverà, almeno di maggioranza» spiega il deputato liberale radicale: «Diventerà una priorità della commissione, ci andrà messo impegno. Noi e i socialisti sicuramente ci siamo. Magari si comincerà non col mezzo miliardo ma con la metà, però intanto il discorso è stato riaperto e si andrà avanti anche se di certo la questione non si esaurirà in poche settimane».

'Evitiamo scontri intergenerazionali'

«Pur comprendendo il difficile momento finanziario e il peso di questa richiesta, sosteniamo la misura proposta del Consiglio di Stato, che è inevitabile dover attuare se si vuole scongiurare danni peggiori», afferma Lorenzo Jelmini, membro popolare democratico della Gestione ma sentito dalla commissione in veste di sindacalista dell’Ocst. «Di questa situazione, che va risanata, evidentemente non sono responsabili gli assicurati e nemmeno coloro che gestiscono la cassa. Nel 2012, quando si è discussa la riforma, nessuno aveva la sfera di cristallo». La Lega ha minacciato il referendum. «Siamo pronti a sostenere davanti al popolo la necessità di questo intervento, ma mi sembra un’assurdita che si speculi politicamente su questo tema», osserva Jelmini. Per il sindacalista della Vpod e deputato socialista Raoul Ghisletta «non si può far pagare i debiti dei vecchi ai giovani, queste garanzie ai pensionati non le hanno decise i giovani: sono il Consiglio di Stato il Gran Consiglio che nel 2012 le hanno date e sta a loro finanziarle. Senza questi 500 milioni si rischia di scatenare una sorta di guerra intergenerazionale». Ricorda Ghisletta: «A Lugano, a Bellinzona, a Locarno, a Chiasso e a Mendrisio hanno risanato le casse pensioni comunali e non ci sono stati referendum». Tornando al dossier di cui si sta occupando la Gestione, «è chiaro che se ci fossero state due casse, una con il primato delle prestazioni e l’altra col primato dei contributi, questo pasticcio non sarebbe successo». I 500 milioni, evidenzia Mattia Bosco, presidente del Ccs, il Comitato di coordinamento sindacale, «sono assolutamente necessari per far sì che il peso del mancato finanziamento non ricada sugli attivi, su coloro che lavorano. Per non penalizzarli ulteriormente».

Stamane dal democentrista Paolo Pamini è giunta una proposta. «Consiste nell’investire per alcuni decenni un’importante somma presa in prestito dal Cantone - annota Pamini, da noi interpellato -. Con un po’ di pazienza e grazie ai ricavi finanziari maggiori del costo di finanziamento dovrebbe essere possibile generare un guadagno sufficiente a colmare la sottocopertura dell’Ipct». Una proposta che secondo Pamini «avrebbe il vantaggio di evitare ulteriori grossi sacrifici da parte dei funzionari e prelievi sui contribuenti». Lo scenario prospettato dal parlamentare Udc sarà oggetto di approfondimenti giuridici.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cassa pensioni dipendenti pubblici
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved