terrazze-aperte-ristoranti-presi-d-assalto
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
2 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
3 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
3 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
3 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
11 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
11 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
11 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
11 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
11 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
19.04.2021 - 16:47
Aggiornamento : 26.03.2022 - 14:49

Terrazze aperte: ristoranti presi d’assalto

Partita col botto la prima giornata di riaperture. Massimo Suter: ‘I clienti faticano a ricordarsi di portare la mascherina anche a tavola’

Sembra una normale giornata primaverile in Ticino. I turisti passeggiano curiosi, qualche corriere indaffarato distribuisce merci ai negozi; e le terrazze di ristoranti e bar sono piene di persone che hanno deciso di concedersi un pranzo al sole. Sembra un giorno come un altro, dicevamo, ma è, quello di oggi, il primo della riapertura, in Svizzera, di molte attività chiuse ormai da dicembre per contrastare la pandemia di coronavirus.

Come ci si attendeva, bar e ristoranti sono stati presi d’assalto, affluenza prevista anche dal presidente di GastroTicino Massimo Suter, gerente di un ristorante sul lago di Lugano: «Al di là della nostra voglia di ricominciare a lavorare, vi è quella del cliente di tornare a fare il cliente. Cioè potersi sedere a un tavolo e farsi servire, invece di stare in strada a mangiare alla bell’e meglio», e aggiunge: «Io sono sicuramente fra i fortunati che hanno potuto approfittare al massimo della riapertura, trovandomi in una destinazione turistica con una terrazza ampia». Le preoccupazioni però non mancano: «Aprile resta un mese pazzerello dal punto di vista meteorologico, quindi non poter servire la clientela all’interno strozza un po’ l’entusiasmo – prosegue Suter –. Inoltre, non dimentichiamo che alla sera diventa alquanto difficile poter star fuori in questo periodo. Insomma, ci sono ancora ampi margini di miglioramento per quanto concerne gli allentamenti».

Sia turisti che gente del posto

Ad affollare, si fa per dire, i tavoli, sono sia turisti che persone del posto: «C’è equilibrio fra le due tipologie di clienti, sono circa metà e metà. Il turista che è qua sicuramente ne approfitta. Il ticinese se è riuscito si è staccato dalla quotidianità dell’ufficio ed è andato a mangiare al ristorante», afferma il presidente di GastroTicino. «C’è chi addirittura mi ha telefonato mercoledì per riservare quando ancora non era terminata la conferenza stampa di Alain Berset», racconta.

Mascherina sì, mascherina no

Resta ancora un po’ d’incomprensione per quanto riguarda l’obbligo di mascherina, che può essere tolta, nei ristoranti e nei bar, unicamente mentre si consuma il cibo o la bevanda. «Si ha un po’ di remora delle regole, diverse da quelle dell’anno scorso – spiega Suter –. Quindi questo crea un po’ di tensione, ma credo che in un paio di giorni i clienti prenderanno l’abitudine. Sono già passati gli organi di polizia di controllo a ricordare le norme. C’è collaborazione tra ristoratori e polizia e anche il cliente reagisce bene». Ma ricorda: «Sto parlando pur sempre del servizio a mezzogiorno che è abbastanza tranquillo e dove principalmente servono pasti. Alla sera, in regime di aperitivo, potrebbe diventare un po’ più complicato far rispettare le direttive. Anche in questo caso però, prevedo solo qualche giorno di assestamento».

Pronti a ripartire ma ‘con la ruggine nelle gambe’

«Siamo tutti felici di aver potuto ricominciare, ristoratori e dipendenti, ma ci rendiamo conto che c’è un po’ di ruggine nelle gambe. Questo perché per mesi si è lavorato in regime di ‘take away’, in cui era il cliente a camminare per venire da noi. Adesso è il contrario. Probabilmente la sera saremo un po’ più doloranti del solito, ma comunque contenti».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mascherina ristoranti terrazze
Ti-Press
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved