16.04.2021 - 11:36

Via libera alle vaccinazioni del personale sanitario

Il personale nelle strutture ospedaliere verrà vaccinato sul posto, gli operatori in ambito ambulatoriale potranno iscriversi per la vaccinazione nei centri

via-libera-alle-vaccinazioni-del-personale-sanitario
(Ti-Press)

La campagna di vaccinazione in Ticino compie oggi un nuovo importante passo, grazie alle prospettive di fornitura di vaccino per le prossime settimane, come annuncia il Dss in un comunicato odierno: via libera alle vaccinazioni per il personale sanitario a diretto contatto con i pazienti (si intende il personale sanitario e di assistenza a contatto diretto con i pazienti nell’ambito delle cure, dei trattamenti e dell’assistenza). Indicativamente si tratta di circa 12 mila persone, per le quali la vaccinazione avverrà essenzialmente in due modalità. 

Il personale sanitario che lavora nelle strutture ospedaliere sarà vaccinato direttamente sul posto. Gli ospedali e le cliniche si stanno occupando di raccogliere l’adesione dei propri collaboratori e, d’intesa con l’Ufficio del farmacista cantonale, stanno pianificando la loro vaccinazione già a partire da lunedì 19 aprile 2021.

Per tutti gli altri operatori sanitari attivi in ambito ambulatoriale, da oggi è possibile iscriversi sulla piattaforma www.ti.ch/vaccinazione per mettersi in lista d’attesa nei quattro centri cantonali, attualmente impegnati nella vaccinazione degli ‘over 65’. Questa popolazione sta aderendo in modo significativo alla campagna vaccinale, con oltre il 70% di persone che si sono già iscritte.

Una volta terminata la loro vaccinazione, il sistema assegnerà gli appuntamenti al personale sanitario che si sarà annunciato come tale. La condizione vincolante è quella di essere in possesso del necessario formulario per comprovare l’appartenenza alla categoria professionale: l’apposito certificato dovrà essere esibito al momento della vaccinazione nei centri e può essere scaricato dal sito www.ti.ch/vaccinazione. 

Sul sito citato è possibile consultare la situazione di occupazione dei centri: a Locarno e Mendrisio vi è in generale meno richiesta, e quindi i tempi di attesa sono più contenuti. Considerata la flessibilità in termini di mobilità, si consiglia al personale sanitario di prediligere questi due centri per la vaccinazione.

Il Dss informa inoltre che questa settimana è iniziata la distribuzione di vaccino negli studi medici per completare la vaccinazione delle persone con malattie ad alto rischio (già avviata nei centri). Settimana prossima saranno inoltre distribuite le ultime seimila dosi per la seconda somministrazione agli ‘over 75’ che hanno preferito la vaccinazione di prossimità. Terminerà così la fase della vaccinazione nei comprensori comunali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved