va-abolito-pure-il-divieto-di-vendita-serale-dei-distillati
Per ora il divieto è saltato solo per birra e vino (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
19 min

Lavagne che cadono a Sementina: ‘Ora tutte ricontrollate’

L’episodio del 21 ottobre si è verificato nonostante la manutenzione estiva fatta dopo il primo caso primaverile. Per il Municipio un fatto inspiegabile
Mendrisiotto
54 min

Chiasso, ‘le ferie natalizie saranno sul ghiaccio’

Entro sera il danno all’impianto di CO2, trovato da una ditta specializzata, verrà riparato. La riapertura della struttura è prevista prima di Natale
Bellinzonese
1 ora

Aiuti alle associazioni, Bellinzona dovrà regolamentare

Accolta un po’ a sorpresa dal Cc la mozione Deraita-Calanca, contro il parere del Municipio e della Commissione legislazione
Ticino
1 ora

Studi medici e farmacie a disposizione per la dose di richiamo

Il Cantone potenzia il dispositivo per la somministrazione della dose di richiamo agli over 65 e si prepara per l’apertura a tutta la popolazione
Bellinzonese
1 ora

Patriziato di Carasso, via libera al preventivo 2022

L’assemblea ordinaria ha approvato i conti che prevedono un avanzo di esercizio di 271mila franchi
Bellinzonese
1 ora

Due serate sulla musica sul grande schermo

Organizza Abcd video Bellinzona. Due appuntamenti previsti il 2 e il 9 dicembre al centro civico di Gorduno
Bellinzonese
2 ore

Pranzo Atte a Faido

L’appuntamento è venerdì 10 dicembre alle 12
Mendrisiotto
2 ore

In vista del Natale a Mendrisio si avrà il posteggio gratuito

La concessione è valida per i due autosili nel centro del Borgo. L’intento? Favorire la clientela dei commerci locali
Ticino
14.04.2021 - 20:180

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale

Si dice «soddisfatto» della decisione del Gran Consiglio. «Ma solo in parte», precisa. Ha perciò deciso di non ritirare il ricorso. Lui è il commerciante ticinese che nel gennaio dello scorso anno ha impugnato davanti al Tribunale federale la legge cantonale sull’apertura dei negozi, sollecitando la rimozione dalla normativa delle limitazioni orarie nello smercio delle bevande alcoliche. Un divieto di vendita serale (dopo le 19 il lunedì, il martedì, il mercoledì e il venerdì; le 21 il giovedì; le 18.30 il sabato e dopo le 18 la domenica) nei negozi, compresi quelli annessi ai distributori di benzina, che lunedì il Gran Consiglio ha abolito parzialmente. Nel senso che lo ha tolto per i fermentati, ovvero birra e vino, mentre lo ha mantenuto per i distillati. È il compromesso che aveva proposto Alessandro Speziali (Plr), in commissione relatore di maggioranza sull’iniziativa di Andrea Censi (Lega) e Fabio Käppeli (Plr), e che liberali radicali, leghisti, democentristi e comunisti hanno avallato.

«È sicuramente un passo nella direzione da me auspicata - riprende il commerciante, da noi contattato in seguito al recente voto parlamentare -. Per vino e birra è perlomeno caduto questo assurdo divieto. Ma il mio ricorso chiede, come l'iniziativa, che salti anche per i distillati. Ecco perché quanto deciso dal Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte. Ragion per cui non ritiro il ricorso». Al quale i giudici di Mon Repos, con decisione del febbraio 2020, non hanno conferito l’effetto sospensivo, respingendo così la richiesta del commerciante di ’congelare’ le restrittive disposizioni concernenti la vendita serale degli alcolici, contenute nella legge sull’apertura dei negozi entrata in vigore il 1° gennaio di quell’anno, in attesa della sentenza di merito. Che il Tf non ha ancora pronunciato. Nel frattempo si è pronunciato il parlamento cantonale, abrogando il divieto della vendita serale dei fermentati. «Capisco le preoccupazioni di chi si è opposto all'abolizione del divieto, ma i minorenni sono già protetti sul piano legislativo - ricorda il commerciante -. È proibito vendere loro alcol, inclusi, in Ticino, i fermentati, quando in altri cantoni è possibile se l'acquirente ha almeno 16 anni. I chioschi annessi alle stazioni di servizio si attengono scrupolosamente alle norme vigenti, anche perché i controlli non mancano. E non è impedendo lo smercio serale di alcol che si risolve il problema della dipendenza. I ragazzi, se vogliono, l'alcol se lo procurano comunque». Il commerciante sollecita la cancellazione anche del divieto di vendita serale dei distillati, perché «si tratta di salvaguardare la libertà e le responsabilità individuali». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved