va-abolito-pure-il-divieto-di-vendita-serale-dei-distillati
Per ora il divieto è saltato solo per birra e vino (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
1 ora

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
11 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
13 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
13 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
13 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
14.04.2021 - 20:18

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale

Si dice «soddisfatto» della decisione del Gran Consiglio. «Ma solo in parte», precisa. Ha perciò deciso di non ritirare il ricorso. Lui è il commerciante ticinese che nel gennaio dello scorso anno ha impugnato davanti al Tribunale federale la legge cantonale sull’apertura dei negozi, sollecitando la rimozione dalla normativa delle limitazioni orarie nello smercio delle bevande alcoliche. Un divieto di vendita serale (dopo le 19 il lunedì, il martedì, il mercoledì e il venerdì; le 21 il giovedì; le 18.30 il sabato e dopo le 18 la domenica) nei negozi, compresi quelli annessi ai distributori di benzina, che lunedì il Gran Consiglio ha abolito parzialmente. Nel senso che lo ha tolto per i fermentati, ovvero birra e vino, mentre lo ha mantenuto per i distillati. È il compromesso che aveva proposto Alessandro Speziali (Plr), in commissione relatore di maggioranza sull’iniziativa di Andrea Censi (Lega) e Fabio Käppeli (Plr), e che liberali radicali, leghisti, democentristi e comunisti hanno avallato.

«È sicuramente un passo nella direzione da me auspicata - riprende il commerciante, da noi contattato in seguito al recente voto parlamentare -. Per vino e birra è perlomeno caduto questo assurdo divieto. Ma il mio ricorso chiede, come l'iniziativa, che salti anche per i distillati. Ecco perché quanto deciso dal Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte. Ragion per cui non ritiro il ricorso». Al quale i giudici di Mon Repos, con decisione del febbraio 2020, non hanno conferito l’effetto sospensivo, respingendo così la richiesta del commerciante di ’congelare’ le restrittive disposizioni concernenti la vendita serale degli alcolici, contenute nella legge sull’apertura dei negozi entrata in vigore il 1° gennaio di quell’anno, in attesa della sentenza di merito. Che il Tf non ha ancora pronunciato. Nel frattempo si è pronunciato il parlamento cantonale, abrogando il divieto della vendita serale dei fermentati. «Capisco le preoccupazioni di chi si è opposto all'abolizione del divieto, ma i minorenni sono già protetti sul piano legislativo - ricorda il commerciante -. È proibito vendere loro alcol, inclusi, in Ticino, i fermentati, quando in altri cantoni è possibile se l'acquirente ha almeno 16 anni. I chioschi annessi alle stazioni di servizio si attengono scrupolosamente alle norme vigenti, anche perché i controlli non mancano. E non è impedendo lo smercio serale di alcol che si risolve il problema della dipendenza. I ragazzi, se vogliono, l'alcol se lo procurano comunque». Il commerciante sollecita la cancellazione anche del divieto di vendita serale dei distillati, perché «si tratta di salvaguardare la libertà e le responsabilità individuali». 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commerciante distillati divieto vendita gran consiglio ricorso tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved