consuntivo-2020-si-chiude-con-165-1-milioni-di-disavanzo
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 min

Aggiornato il preventivo, disavanzo stimato di -175.5 milioni

L'aumento di ricavi rispetto al previsto disavanzo di 230,7 milioni è dovuto soprattutto alla quota sull’utile di Bns, che cresce di 80,4 milioni più del previsto
Luganese
38 min

Uffici vuoti a Lugano: 'Facciamoci residenze primarie'

Municipio e Commissione della pianificazione aderiscono parzialmente alla richiesta formulata tramite mozione da Lukas Bernasconi
Grigioni
1 ora

Incidente aereo di Bivio, identificate le vittime

Si tratta di tre uomini di 44,51, 72 anni, una donna di 41 anni e un bambino di 6 anni
Ticino
2 ore

Covid-19: numeri ancora bassi, in attesa del... cocktail

Sono 9 le persone che hanno contratto il virus nelle ultime 24 ore, due in più rispetto a ieri. Tre le persone ricoverate.
Bellinzonese
4 ore

Non dire gatto se... non trova il padrone

Un micio castrato, grigio e beige è stato trovato dalla Spab in via Portone a Bellinzona: si cerca il proprietario
Gallery
Locarnese
4 ore

Quel che resta del Monna Lisa. E spuntano i militari.

Si sono concluse nella notte le opere di spegnimento dell'incendio divampato ieri in serata nello stabile che ospitava il locale notturno di Gambarogno
Bellinzonese
7 ore

Appalto milionario ad Airolo: un ricorso contro Valbianca

Si è rivolta al Taf una delle cinque concorrenti per il servizio decennale di vitto e alloggio degli operai impiegati sotto il Gottardo
Locarnese
13 ore

Violento incendio all'ex Monna Lisa di Contone

La zona è stata isolata dalla Polizia cantonale. Sul posto sono intervenuti i pompieri di Cadenazzo e Bellinzona. Non vi sono persone ferite.
Locarnese
16 ore

Sul sedime della cappelletta di Gordola 'c'è un piano in più'

Un presunto abuso edilizio viene denunciato dal presidente della Stan Benedetto Antonini: 'Ma nessuno risponde'
Mendrisiotto
16 ore

Mendrisio: 'In via Vela non si vive dal rumore'

Un residente nella parte alta della strada chiede da tempo al Municipio di introdurre una zona 30. 'Oggi c'è troppo traffico, senza contare i bus'
Ticino
16 ore

Autogestione, Schnellmann ritira la mozione

Il deputato del Plr: 'Risposte del governo all'atto parlamentare già esaustive, e settimana prossima si sarebbe parlato di tutto fuorché di questo'
Ticino
14.04.2021 - 13:160
Aggiornamento : 21:05

Consuntivo 2020, si chiude con 165,1 milioni di disavanzo

La pandemia influenza i conti del Cantone, per i quali era previsto un avanzo, nel preventivo, di 4,1 milioni di franchi. Spesi 13,1 milioni più del previsto

Il Consiglio di Stato ha approvato il messaggio riguardante il Consuntivo 2020 che, influenzato dalla pandemia di COVID-19, chiude con un disavanzo d’esercizio di 165.1 milioni di franchi a fronte di un avanzo previsto nel preventivo di 4.1 milioni di franchi; l’autofinanziamento si attesta a 48.8 milioni di franchi. Il debito pubblico aumenta rispetto all’anno precedente superando la soglia di 2.1 miliardi di franchi. Gli investimenti netti ammontano a 251.8 milioni di franchi. Il capitale proprio ritorna in cifre negative e si assesta a -39.6 milioni di franchi.

Sul fronte delle spese, il consuntivo 2020 registra un aumento rispetto al preventivo di 13.1 milioni di franchi; rispetto al consuntivo 2019 la crescita è di 183 milioni di franchi. L’aumento delle spese rispetto al preventivo è determinato dagli oneri che il Cantone ha dovuto assumere per far fronte alla pandemia COVID-19, in particolare nell’ambito ospedaliero, per assicurare le necessarie misure sanitarie e di protezione della popolazione e dell’amministrazione, e per il sostegno ai settori economici particolarmente colpiti dalla pandemia. Globalmente le spese supplementari nette generate da questa situazione eccezionale sono quantificate in 89.1 milioni di franchi. Le minori spese riguardano in particolare le spese per beni e servizi (-20.8 milioni di franchi) e i contributi ad enti pubblici e terzi, che, senza considerare i maggiori costi per le ospedalizzazioni e per il sostegno ai settori economici particolarmente colpiti dalla pandemia, sarebbero stati inferiori rispetto al preventivo di 54 milioni di franchi.

Il consuntivo 2020 registra poi minori ricavi rispetto al preventivo di 156.1 milioni di franchi. L’incidenza su questo fronte della pandemia è stata particolarmente importante e riguarda sia le imposte, sia le tasse varie e le multe; l’impatto complessivo sui ricavi conseguente alla crisi in atto è stato valutato dall’Amministrazione in 132.6 milioni di franchi; il gettito di competenza 2020 delle imposte sulle persone fisiche e sulle persone giuridiche si riduce di 155.7 milioni di franchi, di cui 75.8 milioni sono ascrivibili alla contrazione dei gettiti fiscali delle persone fisiche e giuridiche dovuta alla riduzione del PIL del 2020, valutato attualmente al -3.7% (il preventivo 2020 considerava una progressione del PIL del 2%).

La rottura rappresentata dal consuntivo 2020 rispetto ai risultati soddisfacenti degli ultimi 3 anni, pur essendo determinata da una situazione eccezionale, avrà con tutta probabilità un impatto anche nei prossimi anni come mostrano i dati aggiornati di piano finanziario presentati unitamente al preventivo 2021 lo scorso autunno. Sebbene la situazione sia ancora molto incerta, in particolare per quanto riguarda l’andamento economico e conseguentemente le entrate fiscali, difficilmente si potrà assistere a un recupero nel corto-medio termine delle perdite subite nel 2020 e previste nel 2021. In questo senso, una prima verifica potrà essere effettuata nell’ambito del preventivo 2022 e dell’aggiornamento del piano finanziario, che dovranno essere elaborati su basi aggiornate.

La solidità finanziaria costruita con fatica in questi ultimi anni permette in parte di far fronte alla situazione negativa che emerge dal consuntivo 2020 e dal preventivo 2021. Se temporaneamente un peggioramento del capitale proprio e un aumento del debito pubblico sono inevitabili, non sarà tuttavia possibile sostenere nel medio termine e in modo duraturo risultati negativi come quello del 2020. Dovrà quindi essere scongiurata nel medio termine una divaricazione tra entrate e uscite, condizione imprescindibile per mantenere la progettualità dell’azione politica. Questo potrebbe richiedere un intervento attivo per riportare le finanze su un binario di equilibrio, prestando anche attenzione alla sopportabilità degli eventuali interventi da parte della collettività e delle istituzioni. Le incognite sono molte, ragione per la quale sarà importante mantenere monitorata la situazione nell’ambito di un dialogo costante tra Consiglio di Stato e Parlamento.

Il documento riguardante il Consuntivo 2020 può essere consultato sul sito: http://www.ti.ch/finanze-pubbliche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved