ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
2 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
4 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
4 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
12 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
12 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
13 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
13 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
13 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
13 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
13 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
13 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
13.04.2021 - 20:29

Prestazione ponte Covid, in marzo accolte 185 domande

Si tratta del 41% delle 456 richieste inoltrate. Ma con le consulenze e le 69 persone indirizzate ad altre indennità si arriva al 56%

prestazione-ponte-covid-in-marzo-accolte-185-domande
Ti-Press

Poco più di 450 domande accolte. 456, per la precisione. Per la prestazione ponte Covid, pensata dal Dipartimento sanità e socialità diretto da Raffaele De Rosa soprattutto per indipendenti e salariati che non hanno potuto beneficiare di alcuna indennità in precedenza dall'inizio della pandemia, il mese di marzo è stato il primo dei quattro previsti. I dati, aggiornati all'8 aprile e che fanno capo ai 78 Comuni che finora hanno trasmesso i rispettivi numeri, li snocciola il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi davanti al plenum del Gran Consiglio rispondendo a un'interpellanza del capogruppo leghista Boris Bignasca: di queste 456 domande ne sono state accolte 185, il 41%, e rifiutate 271, il 59%. Percentuali che, però, si ribaltano quando Gobbi annota come lo scopo dell'esercizio, con la collaborazione dei Comuni, era anche di fornire consulenza e dirottare magari alcuni richiedenti verso altri tipi di prestazioni e indennità. Ebbene, con le 69 persone che sono state indirizzate verso altri servizi si arriva a un 56% di richieste, 254, soddisfatte attraverso un contributo o un'altra prestazione. La somma finora erogata è di poco superiore ai 251mila franchi.

Più attenzione al clima di lavoro nell'Amministrazione

Il Gran Consiglio ha deciso anche di fare un passo verso il riconoscimento degli Uffici virtuosi nell’Amministrazione cantonale e per ridurre l’assenteismo dal posto di lavoro. Raccogliendo e conducendo in porto una mozione con primo firmatario Boris Bignasca (Lega), il relatore del rapporto commissionale Bixio Caprara (Plr) afferma che «la questione delle assenze è importante, e l’indicatore relativo alle assenze per malattia deve essere monitorato con attenzione». Nell’Amministrazione, premette, «non c’è un problema generalizzato» ma l’auspicio è quello di «un monitoraggio grazie all’inserimento nell’allegato statistico dell’indicatore delle assenze nei diversi ambiti dello Stato, nel rispetto della privacy. La gestione delle risorse umane - prosegue Caprara - presuppone il proseguire nella formazione dei quadri». A tutto guadagno, va da sé, del clima di lavoro. La risposta del direttore del Dfe Christian Vitta arriva a stretto giro di posta: «Dal 2022 inseriremo quanto richiesto nell’allegato statistico, ed entro la metà di quest’anno svolgeremo un sondaggio presso impiegati e docenti sul clima di lavoro». Ma non basta: nella discussione su un emendamento dell’Mps che chiedeva di affidare a un istituto indipendente esterno il mandato per uno studio approfondito annuale, poi respinto, il presidente della commissione parlamentare della Gestione Matteo Quadranti (Plr), il capogruppo Ps Ivo Durisch e il presidente popolare democratico Fiorenzo Dadò ricordano con fermezza al Consiglio di Stato i due atti parlamentari, uno socialista e uno del Ppd, su molestie e clima nell’Amministrazione cantonale: la richiesta è quella di una celere risposta, la risposta di Vitta è la garanzia «dell’impegno del Consiglio di Stato a evadere le due mozioni, e rassicuro che sul tema del personale siamo attivi». Una risposta che convince fino a un certo punto Dadò: il termine per evadere la richiesta di un audit esterno su come si affrontano le molestie nell’Amministrazione cantonale, ricorda, «scadrà a fine maggio. I tempi celeri devono essere questi».

Parti naturali, stop al disincentivo finanziario

Via libera unanime, poiché ritenuta evasa, alla mozione con primo firmatario Nicola Pini (Plr) che chiedeva un sostegno fattivo ai parti naturali. «L'obiettivo era eliminare un disincentivo finanziario per chi decide di partorire in una casa nascita, scelta che anche il Consiglio di Stato e le autorità sanitarie dicono che non pone nessun tipo di problema - ricorda Pini in aula -. In più volevamo eliminare il paradosso che questa scelta costava meno al sistema ma più a chi lo sceglieva, e lo abbiamo voluto fare per tre ragioni: favorire una vera libertà di scelta per il parto, valorizzare una formazione importante come quella della levatrice, ridurre sensibilmente i costi della sanità». La mozione è ritenuta evasa, conclude Pini, «perché il disincentivo è eliminato dalla copertura delle casse malati». Infine, bocciata la richiesta dell'Mps di istituire un ente cantonale case anziani e cure a domicilio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved