vendita-serale-di-alcol-si-ai-fermentati-dopo-le-19
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

Iniziano le serate dell’Mps sul Polo sportivo di Lugano

La prima avrà luogo domani sera all’aula magna delle scuole di Besso. Seguono incontri a Carona, Sonvico e Molino Nuovo
Bellinzonese
8 min

Mostra alla casa comunale di Olivone

L’inaugurazione si terrà venerdì 29 ottobre alle 17
Luganese
8 min

Agno, in prova l’area di socializzazione per cani

L’autorità ha messo a disposizione una zona in via della Campagna. Gli animali con il loro padrone possono accedervi e restarci nopn più di mezz’ora
Locarnese
35 min

Locarnese, i campeggi han fatto faville

Nella regione Lago Maggiore e valli, per la stagione 2021, pernottamenti da primato
Locarnese
38 min

Tenero, tutti i talenti ticinesi a raccolta

Un centinaio i partecipanti iscritti all’undicesima edizione del campo 4T al centro sportivo
Luganese
1 ora

Camera di consiglio per l’accoltellamento di Pregassona

È tornato in aula, davanti alla Corte di Appello di Locarno, il 38enne iracheno accusato di tentato omicidio intenzionale e lesioni
Locarnese
1 ora

Ad Ascona settimana del jazz classico

Nel programma della 25esima edizione ‘lunch concert’ e jam session
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona, buon successo di pubblico per ‘Sapori e Saperi’

Da una valutazione sulla sostenibilità è emerso che i prodotti ticinesi hanno conseguito dei risultati che vanno da buono a molto buono
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, il cantiere di via Livio entra nel vivo

Da mercoledì strada chiusa, sarà creata una piazza di giro sul parcheggio ‘Gambrinus’ e cambiamenti alla viabilità in via Lavizzari e vicolo dei Calvi
Luganese
2 ore

Alberto Stival nuovo presidente del Panathlon Club Lugano

Stival succede a Claudio Ortelli. Lasciano anche Roberto Mazza e Christian Crivelli, ai quali subentrano Ivan Degliesposti e Mauro Terribilini
Grigioni
2 ore

Roveredo, pranzo della Classe 1950 di Mesolcina e Calanca

Appuntamento per venerdì 5 novembre dalle 11 al grotto San Fedele di Roveredo
Locarnese
2 ore

Minusio: il camionista era ubriaco, addio patenti

Scattate le manette per l’autista polacco autore della folle corsa sabato a Minusio. Le scorrettezze avrebbero anche potuto causare un frontale
Mendrisiotto
2 ore

Castel San Pietro: da ex scuole a uffici amministrativi

Inaugurato l’edificio, completamente ristrutturato per ospitare – oggi interamente e dall’anno prossimo parzialmente – l’amministrazione comunale
Luganese
2 ore

Paradiso, sciopera la squadra esterna degli operai

Bloccato per qualche ora l’accesso ai magazzini comunali. Le parti hanno poi trovato un canale di dialogo.
Mendrisiotto
2 ore

Il terzetto preso a Chiasso con 9 chili di coca svela il piano

Il 70enne svizzero, titolare di una ditta di trasporti, voleva sdebitarsi dagli albanesi e sperava di non destare sospetti al valico
Locarnese
2 ore

Losone, cantiere in via Lusciago

Lavori per due mesi, tra marciapiede passante, asfalto e nuova piazza all’entrata del nucleo
Locarnese
2 ore

Locarno, la ‘maledetta solitudine’ nell’Alzheimer

Incontro sulla malattia al Ristorante Vallemaggia, interverrà un’infermiera esperta in geriatria
Bellinzonese
2 ore

Annullato il mercatino di Natale di Chironico

Malgrado ‘il grande impegno per trovare delle soluzioni’, l’evento non avrà luogo a causa delle restrizioni e delle direttive anti-Covid
Locarnese
2 ore

Solduno, alambicco in funzione

Da oggi, lunedì 25 ottobre, la struttura è aperta alla distillazione
Ticino
12.04.2021 - 20:010
Aggiornamento : 21:14

Vendita serale di alcol, sì ai fermentati dopo le 19

In Gran Consiglio passa la proposta di Speziali (Plr). Resta il divieto di vendita per i distillati

È giunta la parola fine per il divieto di vendita serale di birra e vino. Il Gran Consiglio con 42 sì (Lega, Plr, Udc, Pc) e 29 no (Ppd, Ps, Verdi, Mps, Più donne) aderisce al rapporto di maggioranza della commissione parlamentare ‘Economia e lavoro’ redatto da Alessandro Speziali (Plr) e quindi allenta parzialmente la legge in vigore. Parzialmente, perché il divieto di vendere i distillati resta fissato. Ed è lo stesso Speziali a rimarcare che «con la proposta di vendere i fermentati e mantenere il divieto per i distillati ci sembra di mediare tra la volontà di combattere il consumo eccessivo di alcolici e quella di adattarci alle esigenze dei consumatori». Con l'obiettivo pure di ribadire che «la libertà di commercio è da sempre un caposaldo del nostro modo liberale di intendere l'economia, limitando il ruolo un po' parternalista dello Stato sia nei confronti di chi vende, sia di chi compra». E, ribadisce Speziali, «l'intenzione non è quella di sopravvalutare l'impatto economico, a differenza dell'approccio turbosanitario di chi si oppone. Noi abbiamo parlato di impulsi, che possono andare anche nella direzione di un gesto utile verso la stagione turistica che nei prossimi mesi entrerà nel pieno. Nei distributori, ma non solo, troviamo vini e birre locali, pensando alle innumerevoli difficoltà e limitazioni pensiamo ad aiutare la microeconomia locale». Speziali non nega «le teorie, gli studi e le evidenze. Ma li metto nella giusta proporzione, i giovani e meno giovani che abusano di alcol sono una minoranza ristretta: non possiamo dipingerli come una generazione attaccata alla bottiglia. I problemi vanno risolti con la sensibilizzazione e con interventi tempestivi per una presa a carico immediata se del caso». Infine, «questo divieto non può giustificarsi con la pandemia: l'antidoto è riappropriarsi il prima possibile della normalità e della libertà. Spiace vedere alcuni progressisti che individuano, invece, nel proibizionismo lo strumento adatto».

Sirica (Ps): ‘Gli studi scientifici dicono che è una misura preventiva efficace’

È ovviamente di tutt'altro avviso il correlatore del rapporto di minoranza Fabrizio Sirica: «Rendere meno accessibile l'alcol a basso prezzo non è una misura che risolve tutti i problemi, ma è indubbio che ha un ruolo complementare nel combattere l'abuso di alcol». Nel senso che «si tratta di una prevenzione strutturale che nel concreto riduce i rischi di assumere alcol, e che sia la miglior misura politica di prevenzione lo dicono degli studi scientifici. Nel Canton Vaud si sono ridotte di 200 le ospedalizzazioni di giovani con elevato grado alcolico». E ancora, per Sirica «bisogna ascoltare quello che ci dicono gli addetti ai lavori, le associazioni, il magistrato dei minorenni. Mettiamo al centro questi punti di vista per mettere al centro la salute dei giovani, al posto di un interesse economico che è di poche persone come padroni di benzinai che non firmano neppure contratti collettivi» (il riferimento neanche troppo velato è al consigliere nazionale Plr Rocco Cattaneo, ndr.).

Gli fa eco il correlatore del rapporto che chiedeva di mantenere il divieto, il popolare democratico Fiorenzo Dadò: «Non si può cancellare con un colpo di spugna un divieto che ha senso e raggiunge gli obiettivi che si pone: tutelare la salute dei giovani, in altri cantoni sono in vigore da tempo divieti come questi e danno risultati». Per Dadò «se questa limitazione salvasse anche solo un giovane varrebbe già così il suo mantenimento». E sulla questione meramente commerciale, mostra al plenum una serie di fotografie scattate in alcuni distributori di benzina dove a suo dire «ci sono pochissimi vini e pochissime birre ticinesi in commercio, è impossibile pensare a questa proposta come un contributo in favore dell'economia locale».

Käppeli (Plr): ‘Divieto inutile e incomprensibile’

Il dibattito, considerati tema e posta in gioco, non è stato privo di affondi. Il primo è dell'iniziativista Fabio Käppeli (Plr): «Si tratta di un divieto inutile e incomprensibile, non mi si venga a dire che serve a combattere gli abusi. La differenza qui è tra chi vuole uno Stato paternalista e proibizionista, e chi ha più a cuore le libertà». Quello di Speziali è «un buon compromesso, frutto di un'analisi pragmatica».

Usa l'artiglieria pesante l'altro iniziativista, Andrea Censi (Lega): «Non capisco se l’opposizione di alcuni è dovuta alle imminenti elezioni o se col Covid la parola libertà è divenuta una sconosciuta ai più, a suon di limitazioni». Censi si dice «ancor più esterrefatto dal Ps, che storicamente si è sempre battuto per le libertà individuali. Vederlo schierato col proibizionismo mi fa pensare, anche perché questa iniziativa va oltre le libertà personali, permetterebbe di migliorare la condizione dell'economia locale e togliere discriminazione tra commerci locali e quelli presenti sul territorio che devono sottostare alla legge federale». Per il deputato leghista «il disagio giovanile arriva dalle proibizioni che abbiamo, non dal consumo di alcol. Questo divieto non ha valenza di prevenzione, ma è solo proibizionista: è ora di tornare a dare fiducia ai cittadini e che lo Stato la smetta di regolare ogni cosa».

Prova una contraerea il popolare democratico Giorgio Fonio, che dal canto suo annota come «il momento storico che stiamo vivendo obbliga la politica a fare attenzione, in particolare se a essere coinvolte sono le fasce più precarie. Questo divieto non limita in alcun modo la nostra possibilità di accedere a buoni vini locali, chi lo dice mente sapendo di mentire cercando di dividere il parlamento tra progressisti e cavernicoli trogloditi. Da una parte abbiamo chi propone modifiche su emozioni e sensazioni, dall'altro chi con studi e pareri autorevoli mostra che questo divieto ha un senso». 

Per il capogruppo Udc Sergio Morisoli «il problema non è vendere o no birra dopo le 19, il problema è più a monte: l'educazione, l'esempio, i modelli di vivere non si imparano chiudendo il frigo a una certa ora. Continuiamo a produrre leggi per penalizzare la stragrande maggioranza di cittadini e giovani che si comportano bene, con l'illusione che così cambiamo i comportamenti di chi invece non vuole cambiarli». Marco Noi, per i Verdi, sostiene che «questa misura è un piccolo esempio di approccio concertato tra economia, socialità e sanità: togliere questa limitazione vorrebbe dire togliere questa concertazione o fragilizzarla. Il messaggio politico che dobbiamo dare è che possiamo metterci dei limiti, non è proibizionismo ma una funzione regolatrice». La maggioranza del Gran Consiglio non l'ha pensata così.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved