no-e-no-oggi-la-manifestazione-femminista
Ti–Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
6 ore

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
6 ore

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
9 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
9 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
9 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
9 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
9 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
9 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Ticino
12.04.2021 - 18:310
Aggiornamento : 04.05.2021 - 19:17

‘No è no’, oggi la manifestazione femminista

Una revisione in materia di crimini sessuali che non convince il collettivo ‘Io l'8 ogni giorno’ che chiede l'introduzione del concetto di ‘consenso’

Una ‘x’ rossa dipinta sulle mascherine e una frase urlata all’unisono: “No è no”. È con questo slogan che il collettivo femminista ‘Io l’8 ogni giorno’ ha manifestato oggi a Bellinzona contro la revisione del diritto penale in materia di crimini sessuali. Il progetto prevede la creazione dell’infrazione ‘aggressione sessuale’ nel quale rientrano gli atti sessuali compiuti contro la volontà della persona o a sorpresa.

Il collettivo contesta il fatto che si tratterebbe di un delitto, per il quale è prevista una pena di massimo 3 anni, e non un crimine, il cui massimo sarebbe di 10 anni. “Ciò che distingue questa nuova categoria ‘aggressione sessuale’, da quella già esistente ‘violenza carnale’ non è la natura o la gravità del reato, bensì il comportamento, la reazione, della vittima”, ha spiegato il collettivo. “In questo modo si rischia di creare una sorta di gerarchia tra le brave vittime, quelle che si sono difese dibattendosi, urlando (...) e le altre, quelle che non avrebbero reagito con sufficiente forza per impedire di essere stuprate”.

‘Io l'8 ogni giorno’ ricorda che per la convenzione di Istanbul, riconosciuta dalla Svizzera nel 2018, deve essere considerato stupro ogni rapporto sessuale non consensuale. Anche l’attuale codice penale non soddisfa le manifestanti: “Per vedere riconosciuto il fatto di aver subito una qualche forma di violenza sessuale, la vittima è tenuta a dimostrare di essersi opposta in ogni modo al suo autore. L’assenza del consenso della vittima, come anche un suo ‘no’, non sono infatti ritenuti sufficienti all’interno del nostro ordinamento penale”. Non tutte le donne, ricorda il collettivo femminista, reagiscono allo stupro nello stesso modo. Alcune si difendono fisicamente, altre si ‘dissociano’ dal proprio corpo, c’è chi preferisce non reagire perché teme per la propria vita, mentre talune sono come paralizzate. “Il progetto proposto – proseguono – presuppone una visione per cui il corpo femminile sia per sua natura sempre accessibile, a meno che la donna non lo difenda opponendosi con la forza”.

Io l’8 ogni giorno’ ha realizzato un Piano d’azione femminista contro la violenza sulle donne, nel quale chiedono che venga introdotto nel codice penale svizzero il concetto di ‘consenso’ e che dunque le definizioni di ‘coazione sessuale’ e ‘violenza carnale’ vengano sostituite con una nuova categoria di reato sessuale che includa gli atti ottenuti senza il benestare della vittima. In definitiva il collettivo chiede di smettere con la vittimizzazione secondaria, e di comprendere che il sesso senza consenso è stupro.

Ti–Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved