coi-ristoranti-chiusi-aumentano-i-rifiuti
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale
Ticino
5 ore

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
6 ore

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
6 ore

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
6 ore

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
6 ore

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
6 ore

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
7 ore

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
7 ore

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
7 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Ticino
08.04.2021 - 19:090

Coi ristoranti chiusi aumentano i rifiuti

Gli imballaggi dei take away vengono abitualmente gettati nei cestini pubblici, spesso stracolmi. Okkio: ‘Viene a mancare il principio chi più inquina più paga’

Cestini che strabordano, confezioni di cibo take away in bilico, sacchetti coi rifiuti del pranzo sistemati alla bell’e meglio vicino ai cassonetti. Scene che in questo periodo si vedono spesso nelle città ticinesi. A giocare un ruolo importante sono le temperature primaverili, che spingono maggiormente le persone a stare all’aria aperta, e la pandemia che ha portato alla chiusura dei ristoranti, autorizzati unicamente a servire cibo e bevande d’asporto. Al riguardo l’Osservatorio per la gestione ecosostenibile dei rifiuti Okkio, lancia un appello ai politici: “È ora d'intervenire alla fonte”.

«I rifiuti che non entrano più nei cassonetti vanno a finire nell’ambiente, un pericolo per quest’ultimo», afferma Daniele Polli co–coordinatore e segretario di Okkio. «Aumentare i cestini pubblici o la frequenza degli svuotamenti è una soluzione momentanea, ma il problema va risolto all'origine». In che modo? «Un buon esempio è quello di fruire dei servizi della start up svizzera reCIRCLE che mette a disposizione imballaggi lavabili e riutilizzabili. I clienti dei take away e dei negozi possono poi riportare le confezioni presso qualsiasi punto vendita convenzionato. Purtroppo in Ticino sono solo dodici, mentre la rete conta già più di 1'300 ristoranti e punti vendita in Svizzera».

Le soluzioni per produrre meno scarti ci sono, ma per quale motivo non attecchiscono nel nostro cantone? «È una questione di abitudine – prosegue Polli –. Fa comodo continuare col vecchio sistema. Una situazione analoga l'abbiamo vissuta con le feste campestri. Per anni si è continuato a fornire pasti e bibite in contenitori usa e getta, finché noi di Okkio abbiamo dimostrato che ci sono delle alternative che non costano di più. In Ticino c’è chi offre il servizio di lavaggio di queste stoviglie».

Abitudini che in altri Paesi stanno cambiando. “In Germania è appena stata approvata una legge (Verpackungsgesetz) che obbliga i take away ad abbandonare già quest’anno i contenitori in sagex, materiale che da noi è il più usato, e dal 2022 a offrire, a un costo adeguato e non superiore all’usa e getta, il servizio con contenitori multiuso”, si legge nel comunicato dell’Osservatorio.

Oltre alla questione ambientale, per quale motivo la maggiore mole di rifiuti gettati nei cestini pubblici crea problemi? «Viene a mancare il principio di causalità ‘chi più inquina più paga’ – ci spiega Polli –. Quello che succede è che i rifiuti provocati da un’azienda o dai privati diventano rifiuti pubblici. Il sovrappiù di spazzatura che viene raccolto nei cestini viene pagato dai cittadini con le imposte comunali».

Per Okkio il problema va risolto alla fonte: «Non diciamo che deve essere una tassa, una coercizione. Ci sono altre soluzioni come appunto il multiuso. Adesso tocca ai politici mettersi in moto per proporre delle soluzioni e trovare collaborazioni per cambiare rotta», dice Polli. L’Osservatorio afferma che in materia di produzione di rifiuti, la Svizzera è fra le peggiori nazioni al mondo. In particolare per ciò che concerne la plastica. “Ed è sempre almeno un passo in ritardo rispetto a paesi più eco–evoluti – si legge nel comunicato –. Per esempio, il Ruanda ha introdotto il divieto dei sacchetti di plastica già nel 2006, mentre da noi si è tergiversato fino a due anni fa”.

© Regiopress, All rights reserved