lavoro-difendere-i-salari-in-seno-alla-costituzione-federale
Archivio Ti-Press
Un argine costituzionale contro le derive nel mercato del lavoro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
4 ore

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
Luganese
10 ore

Lugano, piazza Riforma celebra i suoi campioni

Serata di festa sfrenata a Lugano in piazza Riforma. La Città ha concesso una serata di notte libera. Guarda le foto.
Luganese
10 ore

Accoltellamento in piazza Dante, autore in fuga

Le informazioni sono ancora frammentarie, ma un uomo avrebbe aggredito un giovane con un taglierino. Polizia e ambulanza sono sul posto.
Mendrisiotto
11 ore

Morbio Superiore: si rovescia col trattore, arriva la Rega

L’uomo non ha riportato ferite che ne mettono in pericolo la vita. Da stabilire la dinamica dell’incidente.
Ticino
12 ore

Vitta: Preventivo 2023 primo step, disavanzo massimo 80 milioni

Il direttore del Dfe: il pareggio nel 2025 è già un obiettivo del governo. Il voto di oggi responsabilizza non solo l’Esecutivo, ma anche il parlamento
Bellinzonese
14 ore

A Bellinzona tornano i Beatles Days

Da giovedì 19 a sabato 21 maggio in Piazza del Sole si terrà la ventesima edizione della manifestazione musicale
Bellinzonese
14 ore

Patriziato di Daro, il consuntivo 2021 si è chiuso in attivo

Conti positivi grazie alla squadra che si è occupata dei primi interventi sui Monti di Daro e alla collaborazione del Comune di Bellinzona e dei pompieri
Ticino
15 ore

Pamini: si è capito che i conti pubblici devono tornare

Il sì al decreto. Il deputato Udc: ora c’è un chiaro indirizzo politico. Ghisletta (Ps): pronti a dare battaglia
Mendrisiotto
16 ore

Ecocentro di Morbio, ‘non ci aspettavamo un no così netto’

Le reazione alla bocciatura del progetto da oltre 2 milioni di franchi. ‘Ora aspettiamo delle altre proposte dal Municipio‘
Locarnese
16 ore

Associazione Cristiano Castelletti in assemblea a S. Nazzaro

Venerdì 10 giugno dalle 19 uno sguardo sulle attività nel ricordo dello studioso, divulgatore e giornalista di Minusio, prematuramente scomparso
Locarnese
16 ore

Parte al galoppo il Circolo ippico Piano di Magadino

L’equitazione a tutto tondo per il sodalizio appena ufficialmente riconosciuto e accolto dalla Federazione ticinese sport equestri
08.04.2021 - 17:08
Aggiornamento : 18:52

Lavoro, difendere i salari in seno alla Costituzione federale

È quanto chiede un’iniziativa cantonale presentata dal gruppo socialista per contrastare il fenomeno del dumping e gli effetti negativi della libera circolazione

Inserire nella Costituzione federale un articolo per tutelare le condizioni di lavoro d’uso. E questo per proteggere i lavoratori residenti dalla crescente della liberalizzazione del mercato del lavoro. È il tenore di un’iniziativa cantonale presentata dal gruppo socialista in Gran Consiglio. I firmatari sono i deputati Raoul Ghisletta, Anna Biscossa, Carlo Lepori e Fabrizio Sirica. In pratica si chiede che il Cantone Ticino inoltri all’Assemblea federale la richiesta di modifica della Costituzione federale. Una strada, quella dell’iniziativa cantonale, solitamente lunga e che non sempre porta a risultati.

A ogni modo l’articolo proposto (il 110a), reciterebbe: “La Confederazione e i Cantoni adottano misure affinché ognuno possa sopperire ai suoi bisogni con un lavoro svolto in condizioni salariali, assicurative e lavorative corrispondenti a quelle vigenti nella professione e nel ramo, le quali gli consentano un tenore di vita dignitoso per vivere nel luogo di lavoro, senza subire una pressione al ribasso del salario”.

“In caso d’inosservanza delle condizioni salariali, assicurative e lavorative usuali un Cantone può stabilire condizioni minime legali per una professione o un ramo. Queste ultime valgono come limite inferiore vincolante. Per rapporti di lavoro particolari, un Cantone può emanare normative derogatorie”.

“Il salario d’uso legale è adeguato periodicamente all’evoluzione dei salari e dei prezzi, ma almeno nella misura dell’indice delle rendite dell’assicurazione vecchiaia e superstiti”.

“Le normative derogatorie e gli adeguamenti del salario d’uso legale all’evoluzione dei salari e dei prezzi sono emanati con la collaborazione delle parti sociali’.

“La Confederazione può emanare prescrizioni specifiche con la collaborazione dei Cantoni e delle parti sociali”.

Infine le disposizioni transitorie all’articolo 197 n. 10 (nuovo): “I Cantoni designano l’autorità competente per l’esecuzione delle condizioni d’uso legali”.

“Il Consiglio federale pone in vigore l’articolo 110a al più tardi tre anni dopo la sua accettazione da parte del Popolo e dei Cantoni”.

“Se entro tale termine non sarà posta in vigore una legge d’esecuzione, il Consiglio federale emana mediante ordinanza, con la collaborazione delle parti sociali, le necessarie disposizioni esecutive”.

Si tratta, si specifica nelle motivazioni dell’iniziativa, “di tutelare la maggioranza dei lavoratori dal livellamento verso il basso delle condizioni di lavoro, che deriva dalla stipulazione di un numero sempre maggiore di contratti di lavoro con livelli salariali, assicurativi e lavorativi inferiore allo standard in essere”. Si sottolinea come il livellamento verso il basso dei salari non avvenga solamente per i salari inferiori, “ma anche per i salari delle professioni con retribuzioni situate tra il livello medio-inferiore e quello medio-superiore”.

In quasi dieci anni, salario mediano fermo solo in Ticino

Si porta l’esempio del salario mediano in Ticino tra il 2010 e il 2018 (fonte Ufficio federale di statistica) che è calato leggermente, mentre in tutte le altre regioni svizzere è in progressione. Per il 2018 questo salario mediano era pari a 5'363 franchi in Ticino, mentre era pari a 5’377 franchi nel 2010. In nove anni è rimasto praticamente fermo. A livello nazionale lo stesso dato è passato dai 6’219 franchi del 2010 ai 6’538 franchi del 2010 con scarti regionali più consistenti. A Zurigo, per citare una regione, il salario mediano era di 6’556 franchi nel 2010 e di 6’965 franchi nel 2018. 

Per ora il problema del dumping salariale, fanno notare i quattro gran consigliere socialisti, sembra colpire solamente il Cantone Ticino che è inserito geograficamente nel Nord Italia, “ma non è detto che un domani anche altri Cantoni potranno essere toccati dal problema a dipendenza dell’evoluzione delel regole afferenti la libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’Unione europea/Aels”.

“L’iniziativa darebbe ai Cantoni e sussidiariamente alla Confederazione la facoltà d’intervenire per tutelare le condizioni di lavoro dei residenti contro il dumping consentendo agli stessi Cantoni di far fronte all’evoluzione del loro mercato del lavoro” si commenta.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
costituzione federale dumping iniziativa cantonale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved