il-traffico-di-armi-si-e-quasi-azzerato-tra-ticino-e-lombardia
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
27 min

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l‘uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ’Controlli delle paritetiche senza senso e vessatori’
Ticino
1 ora

Finiscono le vacanze, ricominciano le colonne al Gottardo

Il rientro dal ponte dell’Ascensione sta causando colonne fino a 11km fra Faido e Airolo con tempi di attesa intorno alle 2 ore
Locarnese
2 ore

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
2 ore

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
2 ore

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
19 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
20 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
1 gior

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
laR
 
06.04.2021 - 05:30

Il traffico di armi si è quasi azzerato tra Ticino e Lombardia

È quanto emerge da un’analisi della Questura di Como sui reati a cavallo della frontiera. Una volta il centro lariano era snodo importante per le varie mafie

di Marco Marelli
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

C’è un reato che sembra essere definitivamente uscito dai radar delle forze dell’ordine comasche: il commercio clandestino di armi dal Canton Ticino, pistole, mitragliette e soprattutto Kalashnikov impugnate nel corso degli anni dai killer della criminalità organizzata. Anche il traffico internazionale di droga lungo la dorsale ferroviaria del Gottardo è quasi sparito. Sono, infatti, scomparsi i corrieri di stupefacenti che viaggiavano sui treni in transito dalla stazione di Chiasso con decine ovuli in pancia.

È quanto emerge da una indagine della Questura di Como sull’evoluzione dei reati nella provincia lariana negli ultimi vent’anni. «I dati stanno a dimostrare che per quanto riguarda i delitti rispetto a venti anni fa si sta decisamente meglio – commenta Giuseppe De Angelis, questore di Como –. Incominciando dai reati legati alla frontiera. Non c’è dubbio che essendo il capoluogo lariano città di frontiera è stato chiamato a fare i conti con pericolosi traffici internazionali, come sono stati per lunghi anni quelli di armi e droga».

Per capire cosa ha significato per Como il traffico di armi dal Canton Ticino è sufficiente consultare gli archivi dei giornali. O, a maggior regione, i resoconti delle audizioni davanti alla ‘Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle associazioni criminali similari’. Come quella del 4 dicembre 1992, protagonista Leonardo Messina, il primo pentito di mafia a nominare mafioso Giulio Andreotti. Dalle confessioni di ‘Narduzzo’, raccolte da Paolo Borsellino, scaturì il 17 settembre 1992 l’operazione ‘Leopardo’ (oltre duecento arresti, numerosi dei quali a Como e Varese), considerata fra le più importanti inchieste antimafia in Italia. Nel corso della lunga audizione Messina dedicò un capitolo importante alle armi. A una domanda di Luciano Violante, presidente della Commissione antimafia, il collaboratore di giustizia rispose: “Sono tutte fesserie gli articoli giornalistici che parlano di navi che arrivano a Palermo carichi di armi. Anche per le armi, come per la droga, la mafia di avvale di mille strade: quando non può disporne le ruba oppure le compra al nord, in Svizzera, nelle armerie del Canton Ticino. Negli anni in cui ero al confine obbligato a Bulgarograsso, nel comasco, ho acquistato in Ticino armi per centinaia di milioni di lire. A Lugano era come andare a comperare le caramelle. In Ticino se si conosceva l’armiere, si otteneva tutto ciò che si voleva. Un Kalashnikov costava un milione e mezzo, due milioni e trecento mila lire con due caricatori con trecento colpi”. 

In quegli anni, una volta fatto il pieno di armi in Ticino, il problema era attraversare la frontiera, anche perché allora c’erano serrati controlli. La droga ha scelto altre via. Incominciando da quella dei balcani. L’indagine della Questura lariana si è focalizzata su un ampio ventaglio di reati, fra cui alcuni abitualmente considerati minori, ma che minori non lo sono, come ben sanno coloro che li hanno subiti, in cominciando dai furti in abitazioni. Un reato odioso che nell’ultimo quinquennio si è quasi dimezzato. Stessa tendenza per le rapine. In crescita le truffe e le violenze sessuali. In calo anche le denunce per stupefacenti. In questo ambito negli ultimi anni si è registrato una attività di spaccio nelle zone boschive con il Canton Ticino. E ciò lo si deve alla clientela ticinese.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi frontiera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved