Aarau
1
Xamax
1
fine
(0-1)
Langnau
4
Lugano
7
fine
(1-3 : 2-3 : 1-1)
Ginevra
3
Zurigo
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Friborgo
5
Bienne
3
fine
(2-0 : 2-2 : 1-1)
Davos
4
Berna
3
fine
(2-0 : 1-2 : 1-1)
Zugo
11
Ajoie
0
fine
(2-0 : 3-0 : 6-0)
Visp
2
Turgovia
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Olten
2
Zugo Academy
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
fine
(2-0 : 0-1 : 0-0)
Ticino Rockets
1
Langenthal
8
fine
(0-3 : 1-2 : 0-3)
Sierre
4
GCK Lions
2
fine
(2-1 : 1-1 : 1-0)
quei-giovani-in-una-societa-sempre-piu-competitiva
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
32 min

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
2 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
2 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
3 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
3 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
3 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
4 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
4 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
02.04.2021 - 11:460
Aggiornamento : 15:03

Quei giovani 'in una società sempre più competitiva'

Disagio, pandemia e restrizioni. Il capo dell'Antidroga: la situazione odierna non li aiuta a stare lontani dalle sostanze, che vedono - a torto - come un sostegno

Delle 1'482 persone denunciate lo scorso anno in Ticino per infrazione alla Legge sugli stupefacenti, duecentosettanta erano minorenni. Questo e altri i dati contenuti nel rapporto, pubblicato nei giorni scorsi, sull’attività svolta durante il 2020 della Sezione antidroga (Sad) della Polizia cantonale, sezione diretta dal commissario Paolo Lopa.

Commissario capo Lopa, dal suo osservatorio, quello appunto dell'Antidroga, come valuta il fenomeno del disagio giovanile in Ticino?

È un tema del quale tutti gli attori in campo, ripeto tutti, devono e dovranno occuparsene. Attorno al tavolo dovremo sederci anche noi della polizia, affiancando la prevenzione alla repressione. Ritengo che la situazione in cui si trovano oggi i giovani, rapportata all’epoca che stiamo vivendo, non li faciliti sicuramente a star lontani dalle sostanze. Si tratta di capire dove nasce il disagio e intervenire all’origine: sembra una banalità ma agendo in questo modo possiamo probabilmente contenere problematiche future.

In questo periodo pandemico, caratterizzato anche da chiusure di luoghi di ritrovo come bar e ristoranti e da una serie di restrizioni in fatto di mobilità e assembramenti, avete notato un maggior ricorso degli adolescenti all'uso di stupefacenti?

Per quanto concerne la nostra Sezione, non posso affermare di aver constatato un incremento nell’assunzione di sostanze stupefacenti da parte dei giovani. È però sempre importante sottolineare che il nostro è un osservatorio particolare: le persone infatti non si rivolgono a noi spontaneamente e pertanto i nostri dati vanno contestualizzati e presi in considerazione con quelli di altri enti, segnatamente di quelli che si occupano di prevenzione e cura. Ritengo comunque che non solo la situazione dovuta all’emergenza Covid, ma altresì quella che vede i giovani sempre più confrontati con una società competitiva, dalla scuola allo sport, passando per la famiglia, avvicini malauguratamente i giovani a sostanze che, a torto, vedono come un sostegno.

Quale ruolo può comunque svolgere la Sezione antidroga della Polizia cantonale sul fronte della prevenzione?

Nonostante la nostra attività verta maggiormente sulla repressione dei reati legati al traffico degli stupefacenti, la prevenzione, come ho detto prima, è determinante, soprattutto nell’ambiente giovanile. Da parte nostra interveniamo con presentazioni sull’argomento, in particolare negli istituti scolastici dove si presentano problemi in quest'ambito e siamo sempre a disposizione per portare il tema non solo nelle scuole ma anche verso tutti coloro che ne fanno richiesta, come associazioni, imprese e via dicendo. Credo che l'aspetto della prevenzione debba essere preso sempre più in considerazione e uno dei nostri obiettivi è proprio di ampliare questo tipo di attività. Anche in tale ambito è però indispensabile lavorare coinvolgendo i genitori e gli enti preposti principalmente alla presa a carico delle persone. Con quest'ultimi - Ingrado, Icaro eccetera - si collabora rispettando ognuno la confidenzialità e intervenendo quando e dove si manifesta un problema, quale ad esempio l’immissione sul mercato illegale di una sostanza particolarmente pericolosa o di droga tagliata in malo modo.   

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved