Spagna
1
Polonia
0
1. tempo
(1-0)
in-ticino-test-di-massa-in-aziende-e-scuole-con-convitto
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Onsernone, la scuola dell'infanzia 'traballa'

Mancano i bambini e c'è il rischio che i pochi alunni debbano lasciare la valle per recarsi in un istituto del piano. Trattative col Decs in corso
Luganese
6 ore

Scudo: la pandemia porta più incertezza ma più utenti

Il servizio di cure a domicilio del Luganese chiude il 2020 con un volume d'affari di circa 20 milioni e un utile di oltre 300mila franchi
Mendrisiotto
6 ore

Giovani rubano un furgone e lo fanno affondare nel Ceresio

La vicenda è avvenuta nella notte tra lunedì e martedì. È stata aperta un'inchiesta
Bellinzonese
8 ore

Serravalle, un sentiero interattivo fra natura e storia

Il progetto 'Salamandra Vagabonda' partirà la prossima primavera e permetterà di scoprire le ricchezze del territorio delle frazioni di Ludiano e Semione
Ticino
16 ore

‘Avvocati, meno generalisti e sempre più specialisti’

Gianluca Padlina alla sua ultima partecipazione in veste di presidente dell’Ordine a una cerimonia per l’avvenuta promozione di nuovi legali. A ventotto il brevetto
Locarnese
16 ore

Isole, un rilancio da primato storico assoluto

Dall'apertura della stagione sfondato il tetto dei 50mila visitatori. Il coordinatore Veronese: “Passione, collaborazione e impegno ampiamente condivisi”.
Ticino
16 ore

In Marocco perseguitano i gay, ma non per la Sem

La Segreteria della migrazione svizzera vuole rimandare in patria un ragazzo che per la sua omosessualità rischia le botte e la galera.
Mendrisiotto
21 ore

‘Scontro’ tra giovani e polizia al campus

‘In una ventina si sono scagliati contro gli agenti’. Ma gli studenti contestano: ‘Non è andata così’
Ticino
1 gior

Un fondo più corposo per i ‘dezonamenti’

Presentati due emendamenti per potenziare il credito dedicato allo sviluppo territoriale ‘centripeto’. Chiesti da 20 a 50 milioni di franchi
Ticino
1 gior

Eoc, trattative salariali ferme al palo

La maggioranza dell’assemblea dei dipendenti rappresentati da Vpod e Ocst chiede aumenti più sostanziosi
Luganese
1 gior

Tito obbligatorio al poligono del Monte Ceneri

Lo organizzano i Tiratori del Vedeggio mercoledì 23 giugno al poligono militare. Si sparerà dalle 17 alle 18.30
Ticino
26.03.2021 - 14:070
Aggiornamento : 16:03

In Ticino test di massa in aziende e scuole con convitto

Al via l'annuncio delle aziende da metà aprile, nelle scuole test di massa solo nelle strutture con convitto. Test rapidi immediati in caso di positivi a scuola

Il Consiglio di Stato ha approvato il piano cantonale per i test di massa, che verranno svolti in aziende e scuole e strutture educative con convitto.  Test che verranno svolti in modo ripetuto e in gruppi mirati, fra i quali le aziende, suddivise in aziende ad alto rischio e basso rischio, le strutture scolastiche ed educative con convitto e le strutture per persone vulnerabili.

Raffaele De Rosa «L'obiettivo della strategia dei test ripetuti e mirati, da compiere in aziende e in strutture scolastiche e strutture educative con convitto, è agire in maniera preventiva interrompendo precocemente le catene di contagio. Non è uno strumento sostitutivo ma uno strumento in più»

Necessaria adesione spontanea di almeno il 60% dei collaboratori dell'azienda

Per stabilire se un'azienda è a basso o alto rischio i criteri sono: il tipo di attività, la mobilità significativa dei propri dipendenti, i contatti e le distanze tra i dipendenti laddove le distanze non possono essere sempre garantite, il luogo di lavoro (ambito aperto o chiuso), l'impossibilità di svolgere il telelavoro. 

I criteri di inclusione o esclusione per beneficiare del rimborso finanziario, di 8 o 34 franchi a seconda della categoria: il numero dei dipendenti, almeno 10 per le aziende ad alto rischio, almeno 5 per le aziende a basso rischio; l'adesione almeno al 60% dei collaboratori che diano il proprio consenso spontaneamente; almeno un mese di continuità nella procedura dei test, da fare a cadenza settimanale. Il piano dovrà essere inserito nel piano di protezione aziendale.

Si è deciso di ricorrere ai test antigenici rapidi, effettuati da parte di un operatore sanitario qualificato a cui competerà l’acquisto, il prelievo, l’esecuzione dei test, la comunicazione dei risultati e la gestione dei casi positi. In caso di positività di una collaboratrice o un collaboratore, bisognerà procedere all'isolamento della persona e a una conferma tramite test Pcr. Per quanto riguarda la logistica, ci sarà una valutazione da parte dell'azienda se partecipare al piano o meno, con la richiesta che andrà inoltrata elettronicamente tramite un formulario. La domanda verrà valutata da un gruppo di lavoro, seguirà la fase di implementazione, comunicazione dell'esito e avvio dei test in azienda, comunicazione dei risultati.

Entro Pasqua ci sarà un sondaggio per una valutazione dell'interesse delle aziende a partecipare ai test mirati e ripetuti; entro metà aprile sarà possibile stabilire il dispositivo comunicativo e organizzativo, e iniziare con l'annuncio online da parte delle aziende. Si cercherà di avere un'evasione delle richieste snella e il più veloce possibile.

Test rapidi immediati nelle classi in caso di casi positivi. Test di massa solo nelle scuole con convitto

Stesse disposizioni per quanto riguarda le strutture scolastiche ed educative con convitto, che dovranno anch'esse inoltrare una richiesta al Cantone.

Manuele Bertoli «La situazione nelle scuole è sotto controllo, e anche quando ci sono state situazioni particolari, come a Morbio, la situazione è stata comunque gestibile, con pochi casi su centinaia di scolari testati nei casi di test voluti in cui c'erano segnali di anomalia. La conseguenza dei test a tappeto e ripetuti nelle scuole senza convitto non ci convince perchè i dati dicono altro». Bertoli ha anche annunciato una modifica del sistema di quarantene da mettere in atto dopo le vacanze di Pasqua: l'idea è che qualora si verificasse un caso positivo si farà intervenire subito il gruppo della Federazione ticinesi dei servizi di ambulanza per fare dei test rapidi, in modo da vedere subito se ci sono casi positivi da confermare con un eventuale test Pcr e rimandare immediatamente a scuola tutti i casi negativi. Per le scuole con convitto, poche realtà in Ticino, vale invece l'idea dei test di massa ripetuti data la maggior intensità dei contatti fra gli allievi. 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved