assembramenti-bertini-importante-l-aiuto-fattivo-del-cantone
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
1 ora

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
8 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
8 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
8 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
10 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
10 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
11 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
11 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
11 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
11 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
11 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
24.03.2021 - 19:53
Aggiornamento : 25.03.2021 - 00:01

Assembramenti, Bertini: importante l'aiuto fattivo del Cantone

Il vicesindaco di Lugano: 'Si è capito che le città da sole non possono farcela'. Galli (polcom): 'Valida l'idea del Dipartimento, pronti a fare la nostra parte'

«L’obiettivo era fare il punto della situazione e presentare la strategia dal punto di vista della Polizia cantonale», spiega il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Una strategia che «si focalizza molto sulla prevenzione e sul far comprendere che non si tratta di un tema solo locale, considerata l’alta mobilità dei giovani e della popolazione in generale», sottolinea il presidente del Consiglio di Stato, raggiunto dalla 'Regione' al termine della seduta della Conferenza cantonale consultiva sulla sicurezza in cui il Dipartimento ha illustrato la strategia per scongiurare in Ticino il ripetersi di tensioni e scontri, come quelli avvenuti sabato sera alla Foce di Lugano, tra giovani e forze dell'ordine. Una strategia basata soprattutto sulla prevenzione e sul "dialogo costruttivo" per informare e sensibilizzare al rispetto delle regole per arginare la diffusione della pandemia, scongiurando fra l'altro gli assembramenti. Nell’ambito della prevenzione, riprende Gobbi, «l’obiettivo è evitare che certe situazioni che abbiamo visto si ripresentino. Marcando presenza, presidiando ma anche, in caso di necessità, nell’avere un dispositivo di intervento che possa essere messo in piedi in tempi brevi». Chiaro, se si parla di prevenzione «non si parla solo di un compito di polizia. Ci vuole dialogo e quindi occorre che collaborino anche tutti gli altri attori coinvolti, per far comprendere ai giovani che in questo momento nel quale si chiedono sforzi e limitazioni a tutti è importante rispettare le regole per continuare a godere delle libertà che comunque ci sono ancora». L’obiettivo finale, assicura il capo del Dipartimento istituzioni, «non è reprimere, ma evitare appunto che certe situazioni si ripresentino».

Si dichiara «soddisfatto» il vicesindaco di Lugano e responsabile del Dicastero sicurezza Michele Bertini, tra i partecipanti alla seduta della Conferenza. «Il Cantone ha preso coscienza, non soltanto a parole ma anche con i fatti, che le città, al momento quelle maggiormente toccate dal problema, non possono farcela da sole a fronteggiare il fenomeno degli assembramenti e le tensioni che ne possono derivare - dice Bertini alla 'Regione' -. Questo aiuto fattivo da parte del Cantone è dunque molto importante. E mi rallegra che si sia capito che sarebbe stato sbagliato focalizzarsi sulla Foce e i giovani di Lugano. Non è infatti un fenomeno locale. Un fenomeno che va affrontato non solo in termini repressivi ma anche in termini di prevenzione, dialogando e agendo sulle sue cause».   

«È senz'altro una buona idea quella del Dipartimento istituzioni - sostiene, da noi interpellato, il presidente dell'Associazione delle polizie comunali Orio Galli, vicecomandante della Polcom di Torre di Redde, reduce dalla riunione della Conferenza -.  E siamo pronti a fare la nostra parte, collaborando attivamente a questo progetto». Del resto, rileva Galli, «quello che si è chiamati ad assolvere è un compito di prossimità: con il supporto di associazioni e di altri partner cantonali e comunali si vuole dialogare con i giovani in un'ottica preventiva, per scongiurare tensioni e scontri, per evitare che si ripeta quanto accaduto lo scorso fine settimana a Lugano». Si tratterà, aggiunge il responsabile dell'Apcti, «di spiegare, di sensibilizzare al rispetto delle disposizioni anti-Covid allo scopo di contenere i casi di contagio. Non si vuole fare di tutta un'erba un fascio, molti adolescenti sono infatti consapevoli della necessità di queste norme. È che in questo particolare momento dobbiamo tutti, ripeto tutti, attenerci alle disposizioni». Il piano d'azione promosso dal Dipartimento interessa l'intero territorio cantonale. «Oggi il problema degli assembramenti riguarda soprattutto le città - riprende Galli -. Le persone, giovani e non, però si spostano e il problema potrebbe pertanto manifestarsi anche nelle zone periferiche. Occorre allora agire preventivamente, dialogando, spiegando e convincendo. Come polizie comunali e come è stato durante la prima ondata pandemica, collaboreremo con la Polizia cantonale. Attendiamo ora di conoscere i dettagli operativi».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bertini giovani norman gobbi orio galli polizia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved