ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
11 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
12 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
12 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
12 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
12 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
12 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
13 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
13 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
13 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
13 ore

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
13 ore

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
14 ore

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
laR
 
25.03.2021 - 05:20
Aggiornamento: 11:23

Uno spiraglio di luce per l’iniziativa popolare 'Spazi verdi'

La commissione 'Ambiente' ha inviato il rapporto agli iniziativisti sulla proposta di salvaguardare le aree di fondovalle risparmiate finora dal cemento

uno-spiraglio-di-luce-per-l-iniziativa-popolare-spazi-verdi
Ti-Press

A oltre sei anni di distanza per l’iniziativa popolare ‘Spazi verdi per i nostri figli’ si vede un barlume di luce. Era il 15 dicembre 2014 quando Cittadini per il territorio, Unione contadini e Agrifutura con il sostegno di altre associazioni tra cui Wwf, Pro Natura, Società per l’arte e la natura (Stan) e Associazione per un Piano di Magadino a misura d’uomo (Apm) depositarono - forte di 14’064 firme consegnate alla Cancelleria dello Stato nel dicembre 2014 - la richiesta di modificare la Legge cantonale sullo sviluppo territoriale per salvaguardare le aree verdi di fondovalle risparmiate finora dal cemento. «Abbiamo elaborato un rapporto, una sorta di compromesso, che è stato spedito poche settimane fa agli iniziativisti» dice alla ‘Regione’ il presidente della commissione parlamentare ‘Ambiente, territorio ed energia’ Henrik Bang (Ps). L’ultimo inghippo - si spera, l’ultimo - è rappresentato dal fatto che relatore di questo rapporto è il leghista Fabio Badasci, che però dalla scorsa sessione di Gran Consiglio non è più deputato. «Lo riattribuiremo, non cambierà nulla» taglia corto Bang. Che guarda al futuro, soprattutto «facendo un discorso di area». Nel senso che «noi come Ps e Verdi siamo riusciti a ottenere questo compromesso. Se dagli iniziativisti arrivasse una bocciatura molto probabilmente ragionerei su una firma con riserva, e l’argomento entrerebbe nel dibattito in aula. Come presidente della commissione sono contento che questo tema abbia avuto un’accelerata, mi sono impegnato per portare a termine alcuni dossier aperti da tanto tempo e questo era uno di quelli che mi stavano a cuore».

L’iniziativa, di cui ha scritto anche Fabio Dozio nel commento su ‘laRegione’ di ieri, propone di inserire nella Legge sullo sviluppo territoriale un nuovo articolo, composto di tre capoversi. Il primo: “Gli spazi verdi di fondovalle non edificabili o non edificati in larga misura sono paesaggi di importanza cantonale e vanno tutelati come zona agricola o forestale, zona di protezione, zona degli spazi liberi o zona per il tempo libero”. Il secondo: “Negli spazi verdi di fondovalle non edificati in larga misura, in particolare se in presenza di terreni non ancora urbanizzati, la zona edificabile va ridotta”. Terzo capoverso: “Il Cantone identifica e tutela gli spazi verdi non edificabili o non edificati in larga misura dei fondivalle della Riviera, del Piano di Magadino, del Piano del Vedeggio e del Piano del Laveggio e del Gaggiolo con lo strumento del Piano di utilizzazione cantonale”.

Il primo firmatario Ivo Durisch: ‘Mi sembra un passo avanti, ma valuteremo’

Ora c'è una bozza di rapporto commissionale. Due a questo punto gli scenari: «O gli iniziativisti ci dicono che il rapporto va bene e quindi c’è il via libera al rapporto commissionale, o che non va bene e quindi si andrà al voto popolare», afferma Bang. «Ho ricevuto ii rapporto e lo discuterò a breve con gli altri iniziativisti», fa sapere Ivo Durisch, capogruppo del Ps in Gran Consiglio e primo proponente di ‘Spazi verdi per i nostri figli’. «Anche se preferivo il messaggio del governo che accoglieva l’iniziativa senza modifiche sostanziali, il controprogetto elaborato dalla commissione mi sembra un importante passo avanti, ne parleremo al più presto fra noi iniziativisti. Una cosa è sicura: se il controprogetto non dovesse venir accettato dal parlamento siamo pronti ad andare al voto popolare. Per cui sarebbero i cittadini a esprimersi». Secondo Durisch, il controprogetto commissionale «accoglie in buona sostanza le nostre principali richieste». Il rapporto della commissione «si differenzia su un punto importante dal testo da noi proposto: l’iniziativa parla di spazi verdi "non edificati in larga misura”, il controprogetto di ”terreni non edificati e non urbanizzati”. Il che riduce il campo di applicazione dell’iniziativa. Oltretutto sul concetto di "terreni non edificati in larga misura" c'è giurisprudenza, non ce n'è invece sul concetto "terreni non edificati". È però una differenza che, a prima vista, non giustifica il ricorso alle urne. Una differenza, peraltro, che sarebbe difficile da spiegare alla popolazione, dato che ci si addentrerebbe in complesse questioni giuridiche».

Leggi anche:

Il futuro degli spazi verdi e dei beni culturali

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved