ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 min

Locarnese: ‘periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’

Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Locarnese
32 min

Locarno on ice, dal 2 dicembre con... ice

Pronta per l’apertura la pista di ghiaccio. E continua il programma dei concerti
Luganese
38 min

Villa Luganese, la lotteria di Casimiro Piazza

È stata organizzata per sottolineare il 17esimo anno di attività della Scuola. L’elenco dei 20 numeri vincenti
Bellinzonese
41 min

Lodrino, castagnata con il Ps di Riviera

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 16 al Centro sportivo
Luganese
46 min

La lingua lombardo-ticinese protagonista ad Arogno

Il Tepsi presenterà domenica 4 dicembre al Teatro ‘Scapa ti... che scapi anca mi’
Bellinzonese
1 ora

Riscaldamenti elettrici ‘energivori’, serata a Biasca

L’evento organizzato dalla Società elettrica sopracenerina si terrà lunedì 5 dicembre alle 20 nell’Auditorium Cavalier Pellanda
Luganese
1 ora

Le vacanze nel Luganese regalano una crociera

Lanciata la nuova campagna turistica di Lugano Region in vista delle vacanze invernali
Mendrisiotto
1 ora

Istanza aggregativa a Balerna, il parere del Municipio

L’esecutivo prende posizione: sottoscriverla sarà ‘una precisa manifestazione di volontà e un passo formale vincolante per l’attivazione della procedura’
Bellinzonese
1 ora

La comunità curda in Ticino manifesta a Bellinzona

Sabato 3 dicembre alle 15, ritrovo sul Piazzale Stazione per dire ‘No all’aggressione turca al Rojava’
Luganese
1 ora

Lugano, agevolazioni di parcheggio natalizie

In occasione delle aperture domenicali dell’11 e 18 dicembre, mezzi pubblici e prime due ore di posteggio gratuite
Luganese
1 ora

Sul fiume Tresa arrivano le rampe dinamiche

In vista dei lavori che interesseranno Molinazzo, il 13 dicembre è previsto un incontro informativo online
Luganese
2 ore

Lugano, maratona Telethon in piazza Rezzonico

Molti gli eventi in programma venerdì 2 e sabato 3 dicembre in occasione della raccolta fondi nazionale
Luganese
2 ore

Melide festeggia i 100 anni di Elvina Spaccio

L’invidiabile traguardo è stato celebrato lo scorso 24 novembre alla presenza della famiglia e del sindaco Angelo Geninazzi
Grigioni
2 ore

Mesocco, sull’A13 pausa invernale dei lavori nel tunnel Gei 

Il cantiere riprenderà nel 2023. Scavata nel frattempo una nuova via di fuga
Locarnese
2 ore

Corale Verzaschese, 30 anni di passione e un Natale speciale

Con il concerto dell’8 dicembre andrà agli archivi un’annata densa di significati per i festeggiamenti dei tre decenni di attività
Ticino
2 ore

I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo

Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
Bellinzonese
2 ore

Natale in compagnia a Bellinzona

Anche quest’anno la Città propone il tradizionale pranzo alla Casa del Popolo. Iscrizioni entro il 16 dicembre
laR
 
23.03.2021 - 17:32
Aggiornamento: 20:30

Vendita di birra e vino, via il limite orario

La commissione ‘Economia e lavoro’ sottoscrive il rapporto di maggioranza di Speziali (Plr): sì ai fermentati, il divieto rimarrà solo per i distillati

vendita-di-birra-e-vino-via-il-limite-orario
Ti-Press

I giochi non sono fatti, bisogna ancora passare dal plenum del Gran Consiglio. Ma dalla commissione parlamentare 'Economia e lavoro' è intanto giunto il primo verdetto. La maggioranza - Plr, Lega, Udc e Partito comunista - ha sottoscritto oggi il rapporto del liberale radicale Alessandro Speziali che aderisce all'iniziativa con cui il leghista Andrea Censi e Fabio Käppeli (Plr) chiedono l’abolizione del divieto della vendita di alcol nei negozi, inclusi quelli annessi alle stazioni di servizio, dopo una data ora: le 19 dal lunedì al venerdì (le 21 il giovedì), le 18.30 il sabato e dopo le 18 la domenica e nei giorni festivi. Sì allo smercio di bevande alcoliche, ma non di tutte. Speziali e cofirmatari propongono infatti la vendita, anche dopo gli orari indicati, solo dei fermentati, vale a dire birra e vino. Verrebbero quindi mantenute le restrizioni per i distillati: insomma, per i superalcolici nessun allentamento. I rapporti su cui il plenum del Gran Consiglio si pronuncerà nella seduta di aprile saranno tuttavia due: il secondo è quello di minoranza, allestito dal socialista Fabrizio Sirica e dal popolare democratico Fiorenzo Dadò. Ps, Ppd e Verdi sono contrari su tutta la linea all'iniziativa di Käppeli e Censi.

Censi (Lega): ‘Si ridà un po' di libertà ai cittadini’

Gli attuali limiti orari sono sanciti dalla Legge cantonale sull’apertura dei negozi in vigore dal gennaio dello scorso anno, nella quale sono stati inseriti in seguito a una proposta del gruppo di lavoro ‘Giovani, violenza, educazione’. «Il rapporto di maggioranza non accoglie al cento per cento la nostra richiesta: si tratta di un compromesso, un compromesso che è comunque un importante passo avanti nella giusta di direzione - commenta Andrea Censi, che è anche presidente della Commissione - Se il parlamento seguirà la maggioranza della 'Economia e lavoro', verrà eliminato un divieto che non ha un effetto dissuasivo nei confronti dei minori, ai quali già oggi la legislazione cantonale vieta la vendita di alcol, si favorirà l'economia ticinese - dunque la distribuzione e la produzione - e si ridarà un po' di libertà ai cittadini, quella di poter acquistare birra e vino anche dopo una determinata ora. Non solo - aggiunge Censi -, si rimuoverà anche una forma di discriminazione, che penalizza i negozi ticinesi e i take-away, dato che anche questi ultimi sottostanno alla legge sulle aperture dei negozi. I chioschi annessi alle stazioni di servizio sulle autostrade e i negozi delle stazioni ferroviarie, che sono disciplinati dalla normativa federale, non conoscono infatti le restrizioni orarie nella vendita di bevande alcoliche che conoscono invece ora i commerci ticinesi. Ricordo inoltre che ogni anno vengono svolti diversi controlli commissionati da distributori di benzina alle associazioni di protezione dei minori: ebbene, risulta che il Ticino è uno dei cantoni dove si rispetta maggiormente il divieto di vendita di alcolici ai minori».

Speziali (Plr): ‘Le emergenze sociali che riguardano i giovani sono altre’

 «Questo rapporto ha voluto trovare una soluzione che definisse un equilibrio tra i vari interessi in campo - spiega alla ‘Regione’ il relatore di maggioranza Alessandro Speziali (Plr) -. Abbiamo da una parte la libertà di commercio, il grande pubblico, il turismo e l’economia locale. Dall’altra i problemi legati all’abuso di alcol, che nessuno vuole banalizzare». Con questa soluzione, afferma il deputato liberale radicale, «abbiamo trovato la quadratura del cerchio. Togliamo il divieto per le bevande fermentate e lo manteniamo per i distillati, così da continuare a combattere alcune mode giovanili e fenomeni come il ‘binge drinking’». Speziali si concentra anche sulla stretta attualità, vale a dire gli episodi di violenza avvenuti sabato scorso alla Foce del Cassarate a Lugano con molti giovani coinvolti. «L’antidoto non è quello dei divieti», dichiara il presidente liberale radicale. Bensì «che i giovani possano riappropriarsi della normalità e incontrarsi, pensare di dare un colpo di mano alla situazione con queste misure vuol dire mancare l’obiettivo principale: ridare loro la possibilità di riprendere in mano la loro vita». Ma nessuna volontà di banalizzare, si diceva. «Certo. Ma attenzione: le questioni legate all’abuso di alcol toccano le sensibilità di tutti, e tutti siamo vicini a questi problemi. Ma ogni cosa va ricondotta alla sua casistica. Non vorrei che cominciasse a esserci quella sensazione di vedere tutti i giovani coinvolti nell’abuso di alcol. C’è un’emergenza sociale che li riguarda, ma per risolverla bisogna passare da ridargli una vita normale, il diritto alla formazione, la possibilità di incontrarsi e di vivere la loro vita».

Sirica (Ps): ‘Messaggio sbagliato, incoerente e controproducente’

Parte dagli episodi di sabato sera anche il relatore del rapporto di minoranza Fabrizio Sirica (Ps), rimarcando come «questo rapporto sia più attuale che mai. Abbiamo visto cosa è successo a Lugano, abbiamo visto cos’è l’insofferenza giovanile e cosa si prospetta. Non è nostra intenzione colpevolizzare i giovani, e nemmeno pretendiamo che mantenere i divieti di vendita di alcol dopo una certa ora risolverebbe tutto - annota Sirica da noi raggiunto -. Ma la prevenzione strutturale serve per evitare fenomeni che, con più alcol in corpo, potevano essere ancora più forti. Certo: ci vogliono più campi da calcio e spazi di aggregazioni che divieti, ma questa è una parte importante». Il perché per Sirica è chiaro: «Tutte le associazioni e i professionisti del settore ce lo dicono, abbiamo uno studio che scientificamente dice che è la misura più efficace e oggi la si vuole togliere? È un messaggio sbagliato, incoerente e controproducente».

Leggi anche:

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved