ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Giovani e sportivi a Chiasso, la gran parte è ticinese

Passate in rassegna le società attive sul territorio comunale, è emerso che gli atleti provenienti dall’estero sono la minoranza
Luganese
1 ora

Cantiere in vista in via Maraini a Lugano

Da lunedì 6 febbraio e per quattro giorni il traffico sarà regolato da agenti di sicurezza
Bellinzonese
2 ore

Le Terre del Ceneri incontrano la Città dei mestieri

Mercoledì 15 marzo porte aperte nelle aziende formatrici del territorio di Cadenazzo, Gambarogno e Monteceneri
Locarnese
2 ore

Chiacchiere al camino in compagnia di Zeno Ramelli

L’incontro con lo storico e giornalista, inserito nelle attività di ‘Natal in Vall’, si terrà giovedì nel Castello Marcacci di Brione Verzasca
Ticino
2 ore

Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie

Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
3 ore

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
3 ore

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
3 ore

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
5 ore

Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta

Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
5 ore

Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’

Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
8 ore

Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’

Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
8 ore

Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa

Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
15 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
15.03.2021 - 20:10

L’Ufficio di statistica resta incorporato nel Dfe

Il Gran Consiglio respinge la proposta di 'scorporarlo' e renderlo indipendente. Contrari alla proposta Lega, Plr, Ppd, Udc. A favore Ps e Verdi

l-ufficio-di-statistica-resta-incorporato-nel-dfe
Ti-Press

L'Ufficio di statistica (Ustat) non sarà scorporato dal Dipartimento finanze ed economia. Il Gran Consiglio, dando il proprio via libera al rapporto di maggioranza del liberale radicale Matteo Quadranti che chiedeva di respingere la proposta di Simona Arigoni Zürcher (Mps), ha quindi valutato con 49 sì e 21 contrari che l'indipendenza dell'Ustat è data e garantita. «A verificare sull'attività dell'Ustat non c'è solo la Legge sulla statistica cantonale, ma anche quella federale. Nonché un sistema di diversi attori che svolgono i debiti controlli» afferma Quadranti. Secondo il quale «non c'è un problema di indipendenza o di controllo da parte del Dfe. Ho l'impressione che i mozionanti e il rapporto di minoranza mettano in dubbio il quadro istituzionale e il rapporto tra istituzioni se pensano che il governo stia lì apposta a cercar di raccontare storie al cittadino quando così non è». La risposta del contestato (da Quadranti) rapporto di minoranza arriva a stretto giro di posta dal suo relatore, il capogruppo del Ps Ivo Durisch: «Chi si oppone alla richiesta di rendere indipendente l'Ustat guarda alla trasparenza come un nemico, piuttosto che un alleato». Di motivi per sostenere la mozione dell'Mps Durisch ne vede: «C'è l'esigenza di poter leggere tempestivamente i cambiamenti in atto con rilevazioni periodiche con dati da diversi dipartimenti. E il problema è reperire i dati da questi dipartimenti, è un discorso di efficacia: la raccolta di tutti i dati deve essere in mano all'Ustat. Che non è unicamente al servizio dell'Amministrazione, ma di tutta la popolazione». 

Il capogruppo della Lega Boris Bignasca rileva sibillino «l'abilità di prendere un tema neutrale come la statistica per trasformarlo in un campo di battaglia pre-elettorale prima delle Comunali. Legittimo, ma sinceramente non stiamo facendo un grandissimo servizio al Paese passando ore a discutere dell'Ustat». Perché per Bignasca «i problemi del Paese sono altri, e ben più gravi». Il capogruppo dell'Udc Sergio Morisoli prima afferma che «la statistica è molto importante, e diventerà sempre più importante se qualcuno saprà poi interpretare i dati raccolti». Poi sale di un'ottava nel dire che «non si può tollerare l'espressione di dubbi e sospetti non certificati per camuffare un'operazione destinata a sottrarre a un dipartimento l'Ustat con argomenti che non stanno da nessuna parte: vengano mostrati i fatti se si pensa che sotto la dirigenza del Dfe l'Ustat subisca pressioni o pubblichi dati truccati».

Contrario anche il Ppd, con il suo capogruppo Maurizio Agustoni a spiegare che «non è il tema che definisce le sorti di questo Cantone. Accorpare le unità presenti in altri dipartimenti nell'Ustat non necessariamente migliora la capacità di raccogliere i dati». Sull'indipendenza, invece, «la soluzione proposta non è decisiva. Dire che è assoggettato a un unico dipartimento o all'intero Consiglio di Stato non cambia di molto le coordinate del problema».

A favore del rapporto di Durisch, oltre alla socialista Anna Biscossa - «è davvero poco comprensibile che tutti i dati non vengano gestiti direttamente dall'Ustat, in modo da elaborarli in modo corretto» -, anche i Verdi. Con Samantha Bourgoin che dice: «Non abbiamo niente da rimproverare al direttore del Dfe o brutte esperienze con l'Ustat da raccontare, ma una gestione unitaria di tutti i dati e non sottoposta a un dipartimento aiuterebbe». A favore, ci mancherebbe essendo la mozionante, Simona Arigoni Zürcher (Mps): «La statistica pubblica è un bene che deve essere accessibile a tutti e che dovrebbe essere una guida per la politica. Dovrebbe... perché la politica invece che basarsi su cifre reali chiede alla statistica di confermare le proprie decisioni con i numeri».

Serafico il direttore del Dfe Christian Vitta: «Nel dibattito si è avvertita un po' di confusione tra indipendenza sull'operato dell'Ustat e inquadramento amministrativo. L’abbiamo tutti lodata per le analisi che offre e per il suo lavoro. Penso che non farebbe così bene il suo lavoro se non fosse indipendente».

In precedenza, il Gran Consiglio ha discusso il Programma della statistica cantonale 2020-2023 che avrà - lo ricordano le relatrici Anna Biscossa (Ps) e Natalia Ferrara (Plr) - un accento sulla condizione lavorativa femminile e sulle disparità ancora presenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved