l-ufficio-di-statistica-resta-incorporato-nel-dfe
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
3 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
3 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
4 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
4 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
4 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
4 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
4 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
4 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
5 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
5 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
5 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
5 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
15.03.2021 - 20:10

L’Ufficio di statistica resta incorporato nel Dfe

Il Gran Consiglio respinge la proposta di 'scorporarlo' e renderlo indipendente. Contrari alla proposta Lega, Plr, Ppd, Udc. A favore Ps e Verdi

L'Ufficio di statistica (Ustat) non sarà scorporato dal Dipartimento finanze ed economia. Il Gran Consiglio, dando il proprio via libera al rapporto di maggioranza del liberale radicale Matteo Quadranti che chiedeva di respingere la proposta di Simona Arigoni Zürcher (Mps), ha quindi valutato con 49 sì e 21 contrari che l'indipendenza dell'Ustat è data e garantita. «A verificare sull'attività dell'Ustat non c'è solo la Legge sulla statistica cantonale, ma anche quella federale. Nonché un sistema di diversi attori che svolgono i debiti controlli» afferma Quadranti. Secondo il quale «non c'è un problema di indipendenza o di controllo da parte del Dfe. Ho l'impressione che i mozionanti e il rapporto di minoranza mettano in dubbio il quadro istituzionale e il rapporto tra istituzioni se pensano che il governo stia lì apposta a cercar di raccontare storie al cittadino quando così non è». La risposta del contestato (da Quadranti) rapporto di minoranza arriva a stretto giro di posta dal suo relatore, il capogruppo del Ps Ivo Durisch: «Chi si oppone alla richiesta di rendere indipendente l'Ustat guarda alla trasparenza come un nemico, piuttosto che un alleato». Di motivi per sostenere la mozione dell'Mps Durisch ne vede: «C'è l'esigenza di poter leggere tempestivamente i cambiamenti in atto con rilevazioni periodiche con dati da diversi dipartimenti. E il problema è reperire i dati da questi dipartimenti, è un discorso di efficacia: la raccolta di tutti i dati deve essere in mano all'Ustat. Che non è unicamente al servizio dell'Amministrazione, ma di tutta la popolazione». 

Il capogruppo della Lega Boris Bignasca rileva sibillino «l'abilità di prendere un tema neutrale come la statistica per trasformarlo in un campo di battaglia pre-elettorale prima delle Comunali. Legittimo, ma sinceramente non stiamo facendo un grandissimo servizio al Paese passando ore a discutere dell'Ustat». Perché per Bignasca «i problemi del Paese sono altri, e ben più gravi». Il capogruppo dell'Udc Sergio Morisoli prima afferma che «la statistica è molto importante, e diventerà sempre più importante se qualcuno saprà poi interpretare i dati raccolti». Poi sale di un'ottava nel dire che «non si può tollerare l'espressione di dubbi e sospetti non certificati per camuffare un'operazione destinata a sottrarre a un dipartimento l'Ustat con argomenti che non stanno da nessuna parte: vengano mostrati i fatti se si pensa che sotto la dirigenza del Dfe l'Ustat subisca pressioni o pubblichi dati truccati».

Contrario anche il Ppd, con il suo capogruppo Maurizio Agustoni a spiegare che «non è il tema che definisce le sorti di questo Cantone. Accorpare le unità presenti in altri dipartimenti nell'Ustat non necessariamente migliora la capacità di raccogliere i dati». Sull'indipendenza, invece, «la soluzione proposta non è decisiva. Dire che è assoggettato a un unico dipartimento o all'intero Consiglio di Stato non cambia di molto le coordinate del problema».

A favore del rapporto di Durisch, oltre alla socialista Anna Biscossa - «è davvero poco comprensibile che tutti i dati non vengano gestiti direttamente dall'Ustat, in modo da elaborarli in modo corretto» -, anche i Verdi. Con Samantha Bourgoin che dice: «Non abbiamo niente da rimproverare al direttore del Dfe o brutte esperienze con l'Ustat da raccontare, ma una gestione unitaria di tutti i dati e non sottoposta a un dipartimento aiuterebbe». A favore, ci mancherebbe essendo la mozionante, Simona Arigoni Zürcher (Mps): «La statistica pubblica è un bene che deve essere accessibile a tutti e che dovrebbe essere una guida per la politica. Dovrebbe... perché la politica invece che basarsi su cifre reali chiede alla statistica di confermare le proprie decisioni con i numeri».

Serafico il direttore del Dfe Christian Vitta: «Nel dibattito si è avvertita un po' di confusione tra indipendenza sull'operato dell'Ustat e inquadramento amministrativo. L’abbiamo tutti lodata per le analisi che offre e per il suo lavoro. Penso che non farebbe così bene il suo lavoro se non fosse indipendente».

In precedenza, il Gran Consiglio ha discusso il Programma della statistica cantonale 2020-2023 che avrà - lo ricordano le relatrici Anna Biscossa (Ps) e Natalia Ferrara (Plr) - un accento sulla condizione lavorativa femminile e sulle disparità ancora presenti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio ufficio di statistica ustat
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved