ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
23 min

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
3 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
3 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
3 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
3 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
4 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
4 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
4 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
11.03.2021 - 18:13
Aggiornamento: 18:56

Case anziani e cure a domicilio, no a un ente cantonale

La proposta di Pronzini (Mps) non trova il sostegno della commissione Sanità che firma il rapporto di Galusero (Plr). A favore 'a medio termine' Ps e Verdi

case-anziani-e-cure-a-domicilio-no-a-un-ente-cantonale
Ti-Press

Niente da fare per la costituzione di un ente cantonale case anziani e cure a domicilio. Oggi la commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale a maggioranza (Plr, Lega, Ppd, Udc) ha sostenuto il rapporto del liberale radicale Giorgio Galusero che chiede di respingere la proposta formulata nel giugno 2019 dal deputato Matteo Pronzini (Mps). La richiesta prendeva le mosse dagli episodi di tensioni e difficoltà di gestione in varie case anziani con una situazione che, a parere dell'iniziativista, era sfuggita al controllo del governo. Da qui l'idea di Pronzini di elaborare una legge che istituisse un Ente cantonale per “assicurare in modo uniforme e sufficiente su tutto il territorio cantonale” tutti i servizi in questi ambiti. La bocciatura della proposta, però, è netta. Per almeno due motivi. Il primo nasce dal progetto di riforma ‘Ticino 2020’, che ha l'obiettivo di redistribuire i compiti tra Cantone e Comuni. Ebbene, nel rapporto firmato da Galusero si legge che in merito a questi settori “perno centrale del disegno di riforma è l'adozione di un modello di cure integrate e la creazione di regioni sociosanitarie. Ed è opportuno ricordare che l'Ufficio federale della sanità pubblica vede nell'organizzazione regionale un approccio molto promettente per l'assistenza del futuro”. Il secondo motivo è la pianificazione integrata della presa a carico della terza e quarta età per il periodo 2021–2030, messa in pre-consultazione dal Dipartimento sanità e socialità il 19 febbraio. Pianificazione nella quale, riprende Galusero, “si preconizza un ruolo centrale del Cantone, delegando ai Comuni l'affinamento dello stesso, sulla base delle differenze socio-economiche e territoriali delle singole regioni”. E l'iniziativa di Pronzini “sconvolgerebbe questo importante progetto di pianificazione integrata”.

Il Ps chiede il rafforzamento dell'Ufficio anziani

Sui banchi del Gran Consiglio approderà anche un rapporto di minoranza, però. Quello redatto da Gina La Mantia e sottoscritto da socialisti e verdi. La deputata del Ps ci spiega che «il nostro partito all'ultima conferenza cantonale ha chiesto la creazione di un ente in questo senso, quindi non potevo dire di no. È chiaro che è però un obiettivo a medio termine, inoltre la pianificazione 2021-2030 è sicuramente positiva e quindi non è il caso di stravolgere tutto. Consideriamo questa proposta più come una visione a medio termine. Ma a corto termine chiediamo di rinforzare a livello di controllo e di consulenza e sostegno l'Ufficio degli anziani». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved