quel-quarto-giudice-di-garanzia-va-reintrodotto
Oggi i gpc sono tre (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
12 min

Sagra della costina a Madonna d’Arla con lo sci club

La manifestazione alla sua 49esima edizione nel castagneto del Pian Piret in programma il 14, 15 e 16 luglio
Luganese
42 min

Lugano, perdita d’acqua in via Maraini: disagi alla circolazione

Sulla strada si circola su una sola corsia e a senso alternato. La polizia invita a usare l’accesso autostradale di Lugano Nord
Mendrisiotto
55 min

Mendrisio, tiro sportivo promosso da Pro Militia

Il 16 luglio al Centro sportivo di Penate è in programma il tradizionale evento
Luganese
1 ora

Concerto di Fabri Fibra, Lugano chiude il lungolago

Chiuso alla circolazione veicolare il quai mercoledì sera, da Piazza Castello alla rotonda del Lac
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, divieto di usare acqua per scopi non domestici

La misura intimata a tutti i quartieri della Città a causa ‘del perdurare di scarsità di precipitazioni e dei forti consumi’
Bellinzonese
2 ore

Feste campestri a Campo Blenio

Tradizionale appuntamento organizzato dallo Sci club Greina, quest’anno in programma sabato 9 e domenica 10 luglio
Luganese
2 ore

A tu per tu con Ceo e allenatore dell’Fc Lugano a Tesserete

Conferenza pubblica giovedì al centro balneare moderata dal giornalista sportivo Giancarlo Dionisio
Gallery
Luganese
2 ore

Conferenza sull’Ucraina: Lugano non blindata, ma semivuota

Senza aperitivi, ma con disagi tutto sommato contenuti. E sopra le teste il ronzio degli elicotteri, che fa da... colonna sonora alla due-giorni
Luganese
2 ore

Svizzera e Ucraina firmano un’intesa per la protezione del clima

La convenzione ‘permette di mobilitare fondi in aggiunta alla cooperazione internazionale’, afferma il Datec
Speciale ucraina
LIVE

‘La Russia sta attaccando i valori di tutti i Paesi democratici’

Il presidente ucraino Zelensky è intervenuto all’inaugurazione dell’Ukraine recovery conference di Lugano. Segui il live del laRegione
Bellinzonese
2 ore

Musica da camera, tutto pronto per il Montebello Festival

Scatta domani a Bellinzona la 16esima edizione della rassegna internazionale
Luganese
3 ore

‘L’Ucraina può contare sul nostro costante sostegno’

Per la presidente della Commissione Ue Von der Leyen, la conferenza di Lugano è ‘fondamentale per concordare i principi dello sforzo internazionale’
Luganese
3 ore

E la Coop di Breganzona sarà ampliata e rinnovata

Inoltrata la domanda di costruzione alla Città di Lugano. La ristrutturazione sarà conclusa entro la prossima primavera. Sul tetto impianto fotovoltaico
Locarnese
4 ore

Cascina distrutta dalle fiamme sull’Alpe di Neggia

La costruzione, secondo le prime frammentarie informazioni, sarebbe stata colpita da un fulmine, incendiandosi
Bellinzonese
4 ore

Biasca, aperto il concorso per progettare la casa anziani

La nuova casa di riposo rappresenta la seconda tappa del progetto comprendente anche la realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina
Luganese
4 ore

Nato un bimbo al carcere Farera

È la prima volta che una donna partorisce in una struttura carceraria ticinese
Luganese
5 ore

Assistenti di farmacia, consegnati 37 nuovi diplomi

Cerimonia di consegna degli attestati federali di capacità a Lugano. Ospite, il direttore del Dss, Raffaele De Rosa
09.03.2021 - 05:55
Aggiornamento: 12:38

‘Quel quarto giudice di garanzia va reintrodotto’

Magistrati dei provvedimenti coercitivi, la commissione parlamentare Giustizia propensa a cancellare il taglio deciso dalla politica nel 2016 per motivi di risparmio

Si va verso la reintroduzione del quarto giudice dei provvedimenti coercitivi, come chiede un’iniziativa parlamentare depositata nel dicembre 2018 dal socialista Raoul Ghisletta e dall’allora deputato (indipendente) e già procuratore pubblico Jacques Ducry. Ieri la commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ ha discusso del tema e sembra propensa, stando a quanto appreso dalla ’Regione’, a rivedere il taglio - che ha ridotto da quattro a tre il numero dei magistrati dell’Ufficio del gpc - proposto dal Consiglio di Stato nell’ambito della manovra di risparmio del 2016 per risanare le casse del Cantone, sottoscritto poi dal Gran Consiglio e avallato nel febbraio 2017 dal popolo, chiamato alle urne da un referendum. Prima di accogliere formalmente la proposta di Ghisletta, Ducry e cofirmatari, con l’invito, nero su bianco, al plenum del Gran Consiglio a dire a sua volta sì al “ripristino del numero dei giudici dei provvedimenti coercitivi”, per citare il titolo dell’iniziativa, la ’Giustizia e diritti’ intende fare gli approfondimenti del caso, audizioni incluse (le date non sono per ora note). La posta in gioco è importante, considerati i delicati compiti del gpc, che è un giudice di garanzia. Spetta a lui confermare o meno gli arresti e le carcerazioni di sicurezza disposti dal Ministero pubblico, approvare o no le istanze di proroga della detenzione preventiva, deliberare su quelle di messa in libertà avanzate dalla difesa dell’imputato. Ed è solo una parte delle competenze attribuite dalla legge a questa figura di magistrato.

‘È la logica conseguenza se si potenzia la Procura’

«Se il Gran Consiglio darà luce verde ai rinforzi, come auspico, il Ministero pubblico avrà presto due procuratori in più: ebbene, è nella logica delle cose che si potenzi anche l’Ufficio del Giudice dei provvedimenti coercitivi - rileva il popolare democratico Fiorenzo Dadò -. Più pp, dunque anche più decisioni della Procura sulle quali i giudici dei provvedimenti coercitivi dovranno pronunciarsi. Come commissione - aggiunge il deputato e presidente del Ppd - sentiremo comunque sia il presidente dell’Ufficio del gpc (il giudice Maurizio Albisetti, ndr), sia il Consiglio di Stato, e meglio il Dipartimento istituzioni. Il Ppd è di principio d’accordo con la reintroduzione del quarto giudice, come con qualsiasi intervento volto a rendere maggiormente efficace l’azione della magistratura, e già oggi si può affermare che la ’Giustizia e diritti’ in generale condivida il ritorno a quattro del numero dei gpc, con la volontà di procedere in tempi possibilmente veloci».

Sulla medesima lunghezza d’onda la leghista Sabrina Aldi: «Personalmente sono favorevole: la reintroduzione del quarto giudice dei provvedimenti coercitivi è d’altronde il corollario del potenziamento della Procura. Attualmente i tre gpc devono dividersi i picchetti dell’intero anno e ciò non è secondo me sostenibile. Basta l’assenza prolungata di un giudice, per motivi di salute o per altre ragioni, per mettere in serie difficoltà operative quest’autorità giudiziaria. Ricordiamo che un gpc deve decidere in pochissimo tempo: parliamo il più delle volte di ore». Osserva ancora la prima vicepresidente della commissione parlamentare: «Il Gran Consiglio ha assegnato di recente un giudice in più al Tribunale penale cantonale, ora si appresta a potenziare la Procura, è di conseguenza necessario interrogarsi sulle risorse umane, cioè i magistrati, a disposizione dell’Ufficio del Giudice dei provvedimenti coercitivi. Occorre evitare che si crei una sorta di imbuto e quindi un rallentamento dei processi decisionali. Una giustizia di qualità è anche una giustizia celere». Il gpc «svolge un ruolo fondamentale, proprio perché la conferma di un arresto non può e non deve essere un automatismo», ragion per cui l’iniziativa «va accolta». Aldi non ha dubbi: «Per quanto riguarda la magistratura la politica deve finalmente dare un segnale forte ai cittadini, affrontando seriamente il dossier giustizia con l’intento di migliorarne gli aspetti organizzativi. In quest’ottica rientra per esempio l’attribuzione, su cui voterà a breve il Gran Consiglio, di due procuratori in più al Ministero pubblico, che adesso nel confronto intercantonale risulta l’autorità giudiziaria di perseguimento penale con il minor numero di magistrati rispetto alla quantità degli incarti e per rapporto alla popolazione».

‘I gpc decidono anche a tutela delle libertà fondamentali’

Dichiara di essere d’accordo con la reintroduzione del quarto gpc anche Giovanna Viscardi. «Il tema andrà ovviamente approfondito ma di principio condivido la richiesta di riportare a quattro i giudici dei provvedimenti coercitivi - commenta la deputata liberale radicale -. Quando è stato ridotto il loro numero di un’unita si era detto che l’Ufficio del gpc sarebbe stato sgravato di qualche compito, questo non è però avvenuto. Del resto se si aumenta il numero dei procuratori pubblici, occorre scongiurare il cosiddetto imbuto che potrebbe bloccare tutto». Assai soddisfatto dell’esito della discussione di ieri mattina, nella ’Giustizia e diritti’, sull’iniziativa di Ghisletta e Ducry, il capogruppo socialista Ivo Durisch: «L’impressione è che vi sia un consenso diffuso sulla richiesta di ripristinare il numero dei magistrati dell’Ufficio vigente prima del taglio». Un taglio, sottolinea Durisch, «pari a un risparmio di circa 250mila franchi a fronte di una manovra di oltre 200 milioni di franchi... ma soprattutto un taglio altamente inopportuno agli occhi di chi ha a cuore il buon funzionamento della giustizia, in questo caso penale: una misura che il Ps e il sindacato Vpod avevano impugnato con il lancio di un referendum». I gpc «sono giudici che decidono anche a tutela delle libertà fondamentali. Il che non è poco».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gpc magistrati risparmio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved