il-calo-demografico-in-ticino-ci-preoccupa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
23 sec

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
8 min

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
11 min

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
Locarnese
15 min

Orselina chiede un ritorno agli orari Fart su carta

Dopo Losone, un secondo Municipio sostiene la richiesta del Guastafeste
Locarnese
34 min

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
1 ora

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
Ticino
1 ora

Legionellosi, il Ticino e il Moesano i più colpiti

Lo indica l’Ufsp. La malattia, un’infezione polmonare causata dal batterio Legionella, non si trasmette da persona a persona ma tramite flussi di aerosol
Bellinzonese
2 ore

Natale in Città, calo dei visitatori ma record di pattinatori

Un’edizione caratterizzata da adattamenti logistici implementati a causa del repentino evolversi della situazione sanitaria
Luganese
3 ore

Associazione sportiva Cademario: i numeri della lotteria

Per il ritiro dei premi telefonare allo 079 785 72 10 (Zanotti) oppure inviare una e-mail a: info@ascademario.ch
06.03.2021 - 18:200

"Il calo demografico in Ticino ci preoccupa?"

È l'interrogativo posto da Laura Riget (PS), Sabrina Aldi (Lega) e Fiorenzo Dadò (Ppd) al Consiglio di Stato attraverso un'interrogazione

a cura de laRegione

"Più che in ogni altro cantone Svizzero, il calo demografico del Canton Ticino sta cambiando e trasformerà ancora di più nel prossimo futuro la composizione della popolazione residente". Inizia così l'interrogazione interpartitica rivolta al Consiglio di Stato e firmata dai granconsiglieri Laura Riget (Ps), Sabrina Aldi (Lega) e Fiorenzo Dadò (Ppd). "Il Ticino - si legge ancora - è tra i tre cantoni svizzeri che sta soffrendo di questa situazione e le stime dicono che perderà oltre 18'000 abitanti nei prossimi 30 anni, in un contesto nazionale di forte crescita demografica complessiva: questo è evidentemente un problema cruciale". Gli effetti di questo calo, secondo i deputati "toccheranno tutte le componenti della nostra società e le diverse competenze dello Stato, quali socialità, economia, formazione, territorio, istituzioni". Dai giovani che "continueranno a diminuire e a lasciare il nostro Cantone, passando dalla popolazione attiva che diminuirà sempre di più creando una vera e propria carenza di manodopera", per arrivare "agli anziani che aumenteranno in modo significativo con costi enormi per lo Stato, contribuendo allo squilibrio demografico". Questa trasformazione epocale della struttura della popolazione ticinese "avrà delle conseguenze che già oggi possiamo intravedere ma che si manifesteranno in tutta la loro drammaticità qualora non vi sia una chiara risposta delle nostre istituzioni", concludono i granconsiglieri, che rivolgono al Consiglio di Stato le seguenti domande:

•Non ritiene che il calo demografico sia un problema importante per il Ticino? 

•Non considera opportuno disporre di un monitoraggio integrato dell’evoluzione della popolazione in relazione alla natalità, alla mortalità, al saldo migratorio, ai permessi di domicilio e di dimora, delle abitazioni vuote nelle diverse regioni del cantone Ticino?

•Quali sono le conseguenze in termini di minori introiti fiscali per cantone e comuni a causa del calo demografico registrato fra il 2'017 e il 2'020 in Ticino?

•Quali strategie intende sviluppare e attivare per rispondere al calo demografico? Non ritiene che la strategia promossa dal Consiglio di Stato del Canton Neuchâtel, un cantone con un calo demografico minore del Ticino, con il suo progetto in
consultazione del 4 febbraio 2'021, possa essere un punto di partenza cui ispirarsi?

•In che modo la politica familiare, di promozione economica, di politica salariale, immobiliare, di accoglienza di persone di altri cantoni o di altri paesi, potrebbe contribuire a limitare il calo demografico?

•Il Ticino è confrontato da alcuni anni da una “fuga di cervelli”, ossia giovani ticinesi perlopiù formati che una volta varcate le Alpi non tornano più in Ticino. Quali sono le strategie che il Consiglio di Stato intende sviluppare per contrastare questa tendenza? Non ritiene utile promuovere delle misure a favore dei giovani per creare le giuste condizioni di impiego con posti innovativi e attrattivi anche in Ticino ? Non sarebbe il caso di dedicare, come è stato fatto per la pianificazione integrata LAnz-LACD/2'021-2'030, i mezzi necessari per favorire una maggiore attrattività del cantone nei confronti delle nuove generazioni?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved