piste-da-sci-e-terrazze-si-voleva-evitare-una-crisi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
ELEZIONI COMUNALI
55 min

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
3 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
5 ore

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
5 ore

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
5 ore

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
10 ore

Metadone letale per una giovane a Giubiasco

Il piccolo quartiere residenziale di via Sasso Grande s’interroga dopo il decesso di una 22enne
Mendrisiotto
18 ore

A Chiasso giocando a tennis senza l'assillo del Covid-19

Taglio del nastro volto all'inaugurazione dell'impianto di sanificazione del Centro Tennis Club di Seseglio
Ticino
19 ore

Poche le segnalazioni di autotest positivi

Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’
Ticino
20 ore

In piazza contro la violenza sessuale

Il collettivo ‘Io l’8 ogni giorno’ invita a manifestare lunedì prossimo. Sotto accusa la riforma blanda dei reati di natura sessuale
Luganese
21 ore

Poligono di tiro a Monteceneri, vince 'Fuoco e centro'

Fra i 23 partecipanti al concorso, la spunta il Consorzio Mons Ceneris. L'investimento totale è stimato in 60 milioni di franchi
Luganese
21 ore

Paradiso chiude i conti 2020 in attivo di 1,3 milioni

Il Consiglio comunale deciderà anche su nuovi investimenti per l'autosilo in zona riva lago, acqua potabile, scuola infanzia, zone verdi
Ticino
26.02.2021 - 18:260
Aggiornamento : 22:06

Piste da sci e terrazze: ‘Si voleva evitare una crisi’

Gobbi spiega le ragioni che hanno portato ad adeguarsi alle disposizioni federali. I gestori degli impianti: ‘c'è grande incertezza’

Non più terrazze aperte sulle piste da sci. Lo ha deciso ieri il Consiglio di Stato. Il tema, stando ad alcune testate svizzero tedesche, avrebbe scaldato gli animi a Berna. «Per evitare una crisi in un momento delicato, che ci conduce e ci condurrà verso allentamenti delle misure di protezione, abbiamo deciso di adeguarci alle disposizioni federali», afferma il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi.

Il governo federale avrebbe usato toni forti nei confronti dei Cantoni, arrivando addirittura, secondo il ‘Blick’, a minacciare di non elargire aiuti per i casi di rigore, questo se non fosse stato accettato di chiudere le terrazze. «A nostro modo di vedere si tratta di una ‘fake news’», dice Gobbi. «Per poter sanzionare occorre una base legale, cosa che ovviamente non è data».

Secondo Norman Gobbi si è trattato di una «decisione congiunta adottata dai sei Cantoni che permettevano l'utilizzo delle terrazze (oltre al Ticino: Uri, Svitto, Nidvaldo, Obvaldo e Glarona, ndr)». Ma non manca il disappunto: «Rimango convinto che le terrazze fossero una soluzione intelligente davanti alla possibilità, decisa da Berna, di tener aperte le piste da sci». Per questo motivo il Consiglio di Stato ha fatto valere le proprie ragioni durante i colloqui con la Confederazione, in particolare la convinzione che «la regolamentazione di questi spazi rientra nelle disposizioni previste dai piani di protezione per i comprensori sciistici e quindi di competenza dei Cantoni».

Sul tema prende posizione anche l'Udc che scrive in una nota: “Si comprende la volontà di evitare attriti tra i governi cantonali e il Consiglio federale, ma la decisione odierna non fa altro che dare forza alla strategia incoerente e arbitraria del Consiglio federale nella gestione della pandemia”. 

Gestori in difficoltà

Per i gestori delle piste da sci, l'annuncio di ieri mette in grande difficoltà: «Non contesto le ragioni che hanno portato a questa decisione, ma le modalità», ci spiega Gabriele Gendotti, presidente della Nuova Carì Sagl. «Noi abbiamo quaranta dipendenti e da lunedì dovremo lasciare a casa alcuni di loro». Decisioni che arrivano all'ultimo momento e che lasciano dubbi anche sugli aiuti: «C'è molta confusione. Una volta ci dicono che abbiamo diritto a un certo tipo d'indennità, un'altra che non è così. È difficile gestire un'azienda in questo modo. Siamo costretti a navigare a vista».

Non sarà più possibile utilizzare le terrazze, ma le piste rimarranno aperte e le persone consumeranno comunque i pasti offerti dal servizio di take away. «L'utilizzo delle terrazze è un sistema efficace per gestire con più ordine i clienti», ci dice Matteo Milani, presidente degli Amici del Nara Sa. «Le persone acquistano il cibo e si siedono ordinatamente ai tavoli sui quali non sono ammesse più di quattro persone. È una situazione controllata. Più difficile è tenere la gente sotto controllo quando si assembra e si sposta in uno spazio libero».

A pensarla in maniera differente è Virginie Masserey, responsabile della Divisione malattie infettive dell’Ufficio federale della sanità pubblica. «Quando le persone si riuniscono come su una terrazza [...], sono più vicine e si muovono maggiormente», pertanto questi incontri aumenterebbero il rischio d'infezione. È meglio, aggiunge Masserey, «che le persone si sparpaglino un po' e si tengano a distanza, invece di riunirsi su una terrazza». Ed è anche una questione di equità verso gli altri ristoranti che non possono aprire i loro patii: «Ecco perché tutti dovrebbero rimanere chiusi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved