dado-all-attacco-su-costi-della-salute-e-soldi-pubblici
In attesa di poter tornare in presenza, primo comitato popolare democratico via web. Foto: Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
9 min

‘Caspar e lo gnomo’ per la ripartenza dei MiniSpettacoli

Moira Dellatorre della Compagnia Tiraccontounastoria di Avegno in scena domenica 23 gennaio dalle 16 al Teatro Oratorio di Minusio
Ticino
58 min

Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi

Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
1 ora

Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri

‘L’indipendenza è oggi insidiata da quello che qualcuno ha già descritto come il rischio della “socializzazione dei procedimenti”
Mendrisiotto
5 ore

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
5 ore

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
5 ore

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
13 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
14 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
15 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
15 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
15 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
16 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
16 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
16 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
16 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
17 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
25.02.2021 - 21:050
Aggiornamento : 21:29

Dadò all'attacco su costi della salute e soldi pubblici

Il presidente del Ppd al comitato cantonale parla delle iniziative cantonali sui premi di cassa malati e affonda sull'indipendenza di parlamento e giustizia

«Ci sono situazioni che vanno denunciate ma soprattutto affrontate. Situazioni che tirano in causa, bistrattandoli, concetti sacrosanti per una società che vuole mantenersi sana: trasparenza, indipendenza e conflitti d’interesse. Parlo dei costi della cassa malati, dell’indipendenza della giustizia e del parlamento, dell’uso corretto dei soldi pubblici». È un Fiorenzo Dadò da combattimento quello che stasera ha fatto il punto della situazione al primo comitato cantonale del Ppd svoltosi via web. Il presidente popolare democratico giudica «una notizia negativa» il fatto che la Commissione sicurezza sociale e sanità del Consiglio degli Stati abbia «senza tanti patemi d’animo» deciso di respingere una delle tre iniziative cantonali per contenere gli aumenti dei premi di cassa malati proposte dal direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa. «Non conosciamo le motivazioni che hanno portato a questo verdetto negativo e quindi non ci pronunciamo, ma conosciamo bene le composizioni di queste commissioni: ci siedono, a nostro avviso in modo del tutto inopportuno, anche dei politici legati alle casse malati». I quali, affonda Dadò, «hanno perciò dei conflitti d’interesse palesi nell’affrontare iniziative come queste che toccano un contesto di interesse pubblico».

Dadò: ‘La pazienza dei contribuenti sta giungendo al termine’

Ma non è finita, anzi. Perché il referendum finanziario obbligatorio, che nei giorni scorsi il Gran Consiglio ha deciso di mandare davanti al popolo sia con l'iniziativa popolare sia col controprogetto commissionale, porta Dadò a dire come «è evidente che il controllo dell’uso del denaro pubblico non gode della sufficiente fiducia, trasparenza, indipendenza e neppure legittimazione, in quanto il controllore non può essere direttamente nominato e coadiuvato dal controllato». Per questo, e riferendosi alla proposta di istituire una Corte dei conti di cui laRegione ha dato notizia oggi, «chi si oppone a una concreta e radicale revisione del sistema e all’introduzione di un organo di controllo totalmente indipendente dalla politica e dall’amministrazione o è in malafede, o non si rende conto che la pazienza dei contribuenti sta giungendo al termine: si tratta di denaro incamerato con le loro imposte».

Ma se si parla di indipendenza, per il presidente del Ppd «la giustizia e il Gran Consiglio ne hanno una necessità assoluta. La situazione di inadeguatezza maturata nel Legislativo cantonale, in particolare per quello che riguarda le nomine dei magistrati, è di una tale gravità che non possiamo più stare a guardare. In particolare dopo gli ultimi episodi di interferenze che hanno visto sciogliersi come neve al sole la fiducia collaborativa dei partiti tra di loro e anche nei confronti di altre istanze, magistratura compresa». Quindi occorre chiamare a raccolta, aggiunge, «quelle persone che non hanno come unico vero obiettivo l’accumulo delle sedie del proprio colore e il controllo del potere».

De Rosa: ‘Ne usciremo, ma ora solidarietà e responsabilità’

A un anno dal primo caso accertato di coronavirus in Ticino, il direttore del Dss Raffaele De Rosa esprime «un pensiero di vicinanza a chi è stato toccato da un lutto e dalla malattia» e «un ringraziamento a tutti coloro che si sono trovati e si trovano ad affrontare in prima linea la pandemia, dai professionisti ai volontari». Quello caratterizzato dal Covid, rileva De Rosa, «è stato un anno molto difficile: incertezza e limitazioni sono state all’ordine del giorno, vorremmo tutti una vita più normale. Ci arriveremo, ma è doveroso fare appello alla solidarietà e alla responsabilità individuale e collettiva per perseguire l’obiettivo più importante: proteggere la salute della popolazione, sconfiggere il virus e progettare il rilancio economico e sociale del cantone». Un rilancio che sarà difficile. Il direttore del Dss annota che «in una crisi l’unità di intenti, la coesione e la solidarietà hanno un ruolo fondamentale: oltre alla crisi sanitaria è indubbio ci sia una crisi economica e sociale, che si tradurrà in un aumento delle domande di prestazioni sociali». E ricorda la prestazione ponte Covid, che entrerà in vigore dal 1° marzo: «Uno strumento complementare agli altri aiuti per sostenere soprattutto gli indipendenti».

Agustoni: ‘Non siamo in dittatura, ma occorre ritorno alla normalità anche nei processi decisionali’

È tutto rivolto al futuro l’intervento del capogruppo popolare democratico in Gran Consiglio Maurizio Agustoni. Partendo dal fatto che «abbiamo scoperto per la prima volta che le nostre libertà, anche quelle più essenziali, possono essere limitate in modo quasi improvviso, praticamente senza possibilità di discussione» avverte: «È impossibile che le future discussioni dure e le prossime scelte difficili siano sottratte alla più ampia discussione democratica». Agustoni ricorda che «il Ps ha già fatto sapere che vedrebbe di buon occhio un aumento delle imposte cantonali, altri partiti proporranno tagli della spesa pubblica e delle prestazioni sociali». Il Ppd, riprende il suo capogruppo, «ha più volte ribadito che l’equilibrio finanziario, pur necessario, non può diventare un vuoto feticcio al quale sacrificare le conquiste sociali del nostro cantone». E in tutto questo, «il diritto di essere coinvolti nelle decisioni che costruiscono il nostro futuro non è una formula vuota, è qualcosa che dobbiamo alimentare col nostro impegno». Contrariamente al presidente nazionale dell’Udc Marco Chiesa, Agustoni non pensa che «il Consiglio federale abbia instaurato una dittatura». Ritiene però «che occorra un graduale ritorno alla normalità, anche nei processi decisionali».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved