dado-all-attacco-su-costi-della-salute-e-soldi-pubblici
In attesa di poter tornare in presenza, primo comitato popolare democratico via web. Foto: Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 min

Terrazze aperte: ‘Disparità incomprensibili di trattamento’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
17 min

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
28 min

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
29 min

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
1 ora

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
1 ora

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
1 ora

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
2 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
2 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
2 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Bellinzonese
2 ore

Fuori strada alla ‘S’ di Gudo: ferite serie per un giovane

L'auto ha sbandato finendo nella scarpata sottostante dopo un volo di alcuni metri. Forti disagi al traffico
Locarnese
2 ore

‘E una rotonda al bivio per la Valle Verzasca?’

Il problema del traffico nei mesi caldi in un'interpellanza al Municipio di Gordola presentata da Stefania Perico e Cosimo Lupi
Mendrisiotto
2 ore

Un sito presenta il nuovo centro paese di Castel San Pietro

Il portale è stato voluto da autorità comunali e gruppo di lavoro per informare costantemente la popolazione sull'avanzamento dello studio
Locarnese
2 ore

‘Tennis per tutti, indipendentemente dal reddito’

Locarno, Elena Zaccheo è la prima donna ad assumere la presidenza del Tcl. Fra gli obiettivi: l'accessibilità della disciplina
Luganese
2 ore

L'Associazione Traffico Ambiente boccia il polo sportivo

Il sodalizio della Svizzera italiana sostiene i referendisti e dice no a un 'progetto estremamente caro, sovradimensionato e per niente ecologico'
Luganese
3 ore

Lugano, 'Il Molino lasci l'ex Macello entro dieci giorni'

Recapitata stamattina al centro sociale la diffida con il nuovo termine per abbandonare gli spazi occupati del sedime lungo il fiume Cassarate
Grigioni
3 ore

La Ferrovia retica ha perso 6,9 milioni nel 2020

Senza gli aiuti pubblici volti ad attenuare le conseguenze della pandemia, deficit avrebbe sfiorato i 20 milioni
Ticino
25.02.2021 - 21:050
Aggiornamento : 21:29

Dadò all'attacco su costi della salute e soldi pubblici

Il presidente del Ppd al comitato cantonale parla delle iniziative cantonali sui premi di cassa malati e affonda sull'indipendenza di parlamento e giustizia

«Ci sono situazioni che vanno denunciate ma soprattutto affrontate. Situazioni che tirano in causa, bistrattandoli, concetti sacrosanti per una società che vuole mantenersi sana: trasparenza, indipendenza e conflitti d’interesse. Parlo dei costi della cassa malati, dell’indipendenza della giustizia e del parlamento, dell’uso corretto dei soldi pubblici». È un Fiorenzo Dadò da combattimento quello che stasera ha fatto il punto della situazione al primo comitato cantonale del Ppd svoltosi via web. Il presidente popolare democratico giudica «una notizia negativa» il fatto che la Commissione sicurezza sociale e sanità del Consiglio degli Stati abbia «senza tanti patemi d’animo» deciso di respingere una delle tre iniziative cantonali per contenere gli aumenti dei premi di cassa malati proposte dal direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa. «Non conosciamo le motivazioni che hanno portato a questo verdetto negativo e quindi non ci pronunciamo, ma conosciamo bene le composizioni di queste commissioni: ci siedono, a nostro avviso in modo del tutto inopportuno, anche dei politici legati alle casse malati». I quali, affonda Dadò, «hanno perciò dei conflitti d’interesse palesi nell’affrontare iniziative come queste che toccano un contesto di interesse pubblico».

Dadò: ‘La pazienza dei contribuenti sta giungendo al termine’

Ma non è finita, anzi. Perché il referendum finanziario obbligatorio, che nei giorni scorsi il Gran Consiglio ha deciso di mandare davanti al popolo sia con l'iniziativa popolare sia col controprogetto commissionale, porta Dadò a dire come «è evidente che il controllo dell’uso del denaro pubblico non gode della sufficiente fiducia, trasparenza, indipendenza e neppure legittimazione, in quanto il controllore non può essere direttamente nominato e coadiuvato dal controllato». Per questo, e riferendosi alla proposta di istituire una Corte dei conti di cui laRegione ha dato notizia oggi, «chi si oppone a una concreta e radicale revisione del sistema e all’introduzione di un organo di controllo totalmente indipendente dalla politica e dall’amministrazione o è in malafede, o non si rende conto che la pazienza dei contribuenti sta giungendo al termine: si tratta di denaro incamerato con le loro imposte».

Ma se si parla di indipendenza, per il presidente del Ppd «la giustizia e il Gran Consiglio ne hanno una necessità assoluta. La situazione di inadeguatezza maturata nel Legislativo cantonale, in particolare per quello che riguarda le nomine dei magistrati, è di una tale gravità che non possiamo più stare a guardare. In particolare dopo gli ultimi episodi di interferenze che hanno visto sciogliersi come neve al sole la fiducia collaborativa dei partiti tra di loro e anche nei confronti di altre istanze, magistratura compresa». Quindi occorre chiamare a raccolta, aggiunge, «quelle persone che non hanno come unico vero obiettivo l’accumulo delle sedie del proprio colore e il controllo del potere».

De Rosa: ‘Ne usciremo, ma ora solidarietà e responsabilità’

A un anno dal primo caso accertato di coronavirus in Ticino, il direttore del Dss Raffaele De Rosa esprime «un pensiero di vicinanza a chi è stato toccato da un lutto e dalla malattia» e «un ringraziamento a tutti coloro che si sono trovati e si trovano ad affrontare in prima linea la pandemia, dai professionisti ai volontari». Quello caratterizzato dal Covid, rileva De Rosa, «è stato un anno molto difficile: incertezza e limitazioni sono state all’ordine del giorno, vorremmo tutti una vita più normale. Ci arriveremo, ma è doveroso fare appello alla solidarietà e alla responsabilità individuale e collettiva per perseguire l’obiettivo più importante: proteggere la salute della popolazione, sconfiggere il virus e progettare il rilancio economico e sociale del cantone». Un rilancio che sarà difficile. Il direttore del Dss annota che «in una crisi l’unità di intenti, la coesione e la solidarietà hanno un ruolo fondamentale: oltre alla crisi sanitaria è indubbio ci sia una crisi economica e sociale, che si tradurrà in un aumento delle domande di prestazioni sociali». E ricorda la prestazione ponte Covid, che entrerà in vigore dal 1° marzo: «Uno strumento complementare agli altri aiuti per sostenere soprattutto gli indipendenti».

Agustoni: ‘Non siamo in dittatura, ma occorre ritorno alla normalità anche nei processi decisionali’

È tutto rivolto al futuro l’intervento del capogruppo popolare democratico in Gran Consiglio Maurizio Agustoni. Partendo dal fatto che «abbiamo scoperto per la prima volta che le nostre libertà, anche quelle più essenziali, possono essere limitate in modo quasi improvviso, praticamente senza possibilità di discussione» avverte: «È impossibile che le future discussioni dure e le prossime scelte difficili siano sottratte alla più ampia discussione democratica». Agustoni ricorda che «il Ps ha già fatto sapere che vedrebbe di buon occhio un aumento delle imposte cantonali, altri partiti proporranno tagli della spesa pubblica e delle prestazioni sociali». Il Ppd, riprende il suo capogruppo, «ha più volte ribadito che l’equilibrio finanziario, pur necessario, non può diventare un vuoto feticcio al quale sacrificare le conquiste sociali del nostro cantone». E in tutto questo, «il diritto di essere coinvolti nelle decisioni che costruiscono il nostro futuro non è una formula vuota, è qualcosa che dobbiamo alimentare col nostro impegno». Contrariamente al presidente nazionale dell’Udc Marco Chiesa, Agustoni non pensa che «il Consiglio federale abbia instaurato una dittatura». Ritiene però «che occorra un graduale ritorno alla normalità, anche nei processi decisionali».

© Regiopress, All rights reserved