gobbi-l-obiettivo-e-essere-pronti-per-pasqua
Norman Gobbi (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Cassa pensioni, i sindacati: quel mezzo miliardo serve

Le associazioni del personale oggi sono state sentite in audizione dalla commissione della Gestione. Il presidente Quadranti: ‘Diventerà una priorità’
Locarnese
5 ore

Caso Santa Chiara, per De Rosa ‘è sconcertante’

Il direttore del Dss sull'interruzione della formazione di 10 studenti infermieri decisa dalla clinica di Locarno
Luganese
6 ore

Lugano, Schnellmann 'eterno' subentrante

Nei risultati del Consiglio comunale, il deputato Plr in Gran Consiglio ha però superato la neoeletta municipale Karin Valenza Rossi
gallery
Mendrisiotto
6 ore

La pandemia ci ha anche insegnato l'autoproduzione

In tempi di coronavirus è aumentata la consapevolezza dell’agricoltura locale nonché del riguardo dell’ambiente e della biodiversità
Luganese
7 ore

Il centro polifunzionale di Pregassona si chiamerà 'Polis'

La scelta del nome era stata delegata a un concorso di idee. Vincitori, Fabrizia Sormani e Brenno Mazzuchelli
Locarnese
7 ore

Apprendisti della Santa Chiara 'usati come ricatto'

I sindacati disapprovano la decisione della Direzione della Clinica di non accoglierli come pianificato. Critiche anche ai ritardi nei rimborsi del Cantone
Bellinzonese
7 ore

Festival di letteratura Storie Controvento al via

Inizia il 21 e termina il 24 aprile e si terrà in diversi luoghi di Bellinzona
Bellinzonese
7 ore

Festa finale di Minimusica annullata

L'evento verrà rinviato alla prossima stagione
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio: altri equilibri e un terzo di donne nel legislativo

Confermato il ribaltone tra Ppd e Plr. Meno seggi a Lega-Udc-Udf, mentre Sinistra e Verdi uniti tengono. Conquista due posti la Lista civica
Mendrisiotto
7 ore

A Stabio un legislativo per oltre metà di donne

Risultato (di genere) a sorpresa nel terzo Comune del Distretto. Ecco i su e giù nell'Alto Mendrisiotto
Luganese
7 ore

Lugano, Ticino&Lavoro: ‘Ora puntiamo al Gran Consiglio’

L'avanzata dei piccoli partiti in Consiglio comunale. Tre nuove forze: Movimento Ticino&Lavoro, Più Donne e Forum Alternativo. L'Mps fuori per un soffio.
Bellinzonese
7 ore

Con Spartyto, a Biasca tre giorni di musica

A seconda di disposizioni e permessi si deciderà se è possibile lo svolgimento completo o se bisognerà seguire un programma di riserva
Ticino
7 ore

Gobbi: ‘Sulla sicurezza il pragmatismo regna sovrano’

Il presidente del governo ticinese stila il bilancio della tre giorni di incontri che ha avuto con alcuni ministri italiani a Roma, tra accordi e futuro
Luganese
7 ore

Ceresio, intesa per natanti svizzeri intestati a cittadini Ue

Trovato l'accordo per la libera navigazione nelle acque interne dei laghi internazionali tra Camorino e l'Autorità di Bacino. Arriva la Carta grigia
Ticino
24.02.2021 - 19:160
Aggiornamento : 23:23

Gobbi: ‘L’obiettivo è essere pronti per Pasqua’

Il presidente del consiglio di Stato soddisfatto per la decisione di anticipare possibilmente al 22 marzo la riapertura di bar e ristoranti

«Siamo abbastanza soddisfatti delle decisioni del Consiglio federale di allentare le misure di confinamento di alcune attività economiche. La possibile riapertura di bar e ristoranti al 22 di marzo era una nostra richiesta, avanzata anche da altri Cantoni, che è stata accolta. Una riapertura al primo di Aprile sarebbe stata troppo a ridosso della Pasqua e quindi avrebbe impedito ai ristoratori e gerenti di organizzarsi al meglio». Il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi non nasconde una certa soddisfazione per la strategia di defaticamento annunciata da Berna. «Anche la nostra proposta di allargare lo svolgimento di attività culturali e sportive ai ragazzi fino a 20 anni è stata accettata e di questo siamo contenti», continua Gobbi. Per quanto riguarda invece la questione della possibile apertura delle sole terrazze dei ristoranti, «la riteniamo, se attuata, una misura discriminatoria nei confronti degli esercizi pubblici che ne sono sprovvisti».

Tutto dipenderà dall’evoluzione della pandemia. I contagi in questo periodo sono scesi a livelli bassi, ma stagnanti. Il Consiglio federale è però preoccupato dalle varianti del coronavirus. «Certo, l’atteggiamento del governo federale è di prudenza. C’è però la campagna di vaccinazione anti Covid che sta proseguendo. Una volta immunizzata la parte della popolazione più a rischio di complicanze, penso a tutti gli over 65, si potrà immaginare di ritornare a pieno regime per l’inizio dell’estate», risponde Norman Gobbi il quale precisa che dal Ticino si guarda con attenzione anche a quello che sta avvenendo nella vicina Italia. «Il rischio di una terza ondata nella provincia di Brescia non è remota e per questo siamo attenti a tutto ciò che avviene sia sul nostro territorio, sia all’esterno». «L’allarme non è ancora rientrato, ma dobbiamo comunque dare alla nostra popolazione degli sprazzi di luce per ritornare al più presto alla normalità», conclude il presidente del Consiglio di Stato.

Dal punto di vista della campagna di immunizzazione, nel primo giorno di apertura delle prenotazioni per gli over 75, sono stati assegnati i primi mille appuntamenti. Lo ha reso noto il Dipartimento della sanità e della socialità. Il primo migliaio di appuntamenti è stato fissato a partire da mercoledì 3 marzo, in ragione di circa duecento al giorno. Verrà inoculato il preparato di Pfizer. La procedura online è ancora attiva. Le persone interessate possono iscriversi sul sito www.ti.ch/vaccinazione.

Massimo Suter (GastroTicino): ‘Consiglio federale irriverente nei nostri confronti’

«Trovo la proposta del Consiglio federale non solo troppo prudente e penalizzante, ma irriverente nei confronti di un settore che sta pagando da solo questa situazione. Secondo me c’è anche una mancanza di rispetto nei confronti di un comparto economico che in Svizzera dà lavoro a oltre 300 mila persone». Massimo Suter, presidente di GastroTicino, l’associazione dei ristoratori e degli esercenti ticinesi è sconfortato dalla prospettiva di aprire, forse, solo il 22 marzo. «Qualsiasi imprenditore ha bisogno di certezze per pianificare la propria attività. Come si farà ad aprire un locale, chiuso da tre mesi, il 22 marzo sapendolo solo tre giorni prima?», si chiede Suter. «Il fatto è che su quella data c’è ancora un grandissimo punto di domanda. Ripeto, l’incertezza è veleno per lo spirito imprenditoriale di qualsiasi attività. Si rischia di compromettere la Pasqua che genera circa il 10% dell’indotto turistico di tutto l’anno».

Dal suo punto di vista sarebbe stato meglio dire già oggi che si apriva sicuramente il 22 o addirittura un altro giorno? «Certo, procrastinare non serve a nulla. Si lascia nell’incertezza ristoratori e baristi e con loro tutta la filiera di fornitori e produttori legati a questo settore. E aggiungo che anche la nostra clientela merita attenzione e la petizione firmata da oltre 300 mila persone con la quale si chiede di anticipare le aperture è una dichiarazione di affetto e sostegno oltre a essere una richiesta di ritornare al più presto alla normalità», aggiunge ancora Massimo Suter.

In questo periodo, inoltre, si apprestano a completare i propri organici procedendo alle assunzioni del personale stagionale, “ma senza un chiara linea guida, senza un orizzonte temporale chiaro e definito le assunzioni stagnano”, si legge in una nota di GastroTicino. “Da un lato non si sa come e quando potrò riaprire, ma soprattutto chi si assumerà l’onere del personale assunto visto che non vi è una chiara base legale”, si continua.

GastroTicino ribadisce che il settore “è pronto, da tempo, con le opportune misure di protezione aggiornate”. “Le imprese – si conclude – sono disponibili ad avere un ruolo attivo in termini di vaccinazioni e di test a tappeto, qualora l’autorità cantonale ritenesse opportuno il loro coinvolgimento come già avviene in altri Cantoni”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved