anfibi-in-cammino-per-amore-attenzione-sulle-strade
Attenzione alle coppiette! (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
13 min

Omofobia, denunce per discriminazione. Anche in Ticino

Si riferiscono in particolare a testi e video pubblicati sul web o nel contesto della campagna per l’iniziativa “matrimonio per tutti”
Locarnese
15 ore

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Grigioni
16 ore

Bregaglia, collisione frontale fra due macchine

L’incidente è avvenuto all’entrata della galleria situata dopo il valico doganale di Castasegna. Ferito uno dei due conducenti
Locarnese
18 ore

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista
Locarnese
1 gior

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 gior

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
1 gior

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
1 gior

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
1 gior

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Ticino
24.02.2021 - 12:100
Aggiornamento : 15:42

Anfibi in cammino per amore, attenzione sulle strade!

È iniziata in Ticino la migrazione di rospi, rane e tritoni verso i luoghi di riproduzione, attraverso strade trafficate spesso letali. Pronti i volontari

Come ogni anno, non appena le temperature salgono di pochi gradi sopra lo zero, migliaia di anfibi (rane, rospi e tritoni) si risvegliano dal letargo e cominciano ad incamminarsi in massa verso i propri luoghi di riproduzione, percorrendo anche tratte di alcuni chilometri. Purtroppo gli spostamenti tra i diversi habitat sono ormai sempre più difficili e pericolosi, interrotti da ostacoli e trappole letali: ogni primavera, 5 milioni di anfibi in Svizzera muoiono nel tentativo di attraversare una strada trafficata per raggiungere il proprio luogo di origine. WWF e Karch rinnovano quindi l’appello a tutti gli automobilisti affinché questi animali non siano vittime innocenti della strada. Tutti gli anfibi sono protetti dalla legge poiché minacciati d’estinzione e preziosi anelli della catena biologica. Azioni di salvataggio degli anfibi sono pianificate in diverse località della Svizzera italiana, grazie all’impegno di numerosi volontari. Chi fosse interessato a partecipare attivamente può trovare maggiori informazioni sul sito wwf-si.ch/agisci/salvataggio- anfibi. Tutte le stazioni di salvataggio ticinesi e nazionali sono annunciate invece sul sito karch.ch/karch/barriere_anfibi .

Alcune zone considerate particolarmente a rischio sono state negli anni adattate con la costruzione di sottopassaggi artificiali per la piccola fauna, così da permettere l’attraversamento della strada in tutta sicurezza e senza un’assistenza costante. Poiché queste infrastrutture sono molto costose e le caratteristiche dei luoghi spesso sfavorevoli, non è tuttavia possibile costruirle in ogni zona di migrazione. Diverse aree devono quindi far capo ad azioni di salvataggio puntuali e “manuali”.

Durante il periodo più critico, che dura generalmente da febbraio-marzo fino alla fine di maggio, le squadre di volontari del WWF si incaricano della posa di barriere temporanee lungo i cigli delle strade trafficate, nonché di azioni di pattugliamento serali per raccogliere gli individui in pericolo e trasportarli sani e salvi sull’altro lato della carreggiata. I passaggi di anfibi sono particolarmente numerosi in caso di pioggia e con temperature non troppo fredde.

Quest’anno, i punti critici dove verranno effettuate queste operazioni saranno a: Meride, Somazzo, Castel San Pietro, Riva San Vitale, Caslano, Barbengo, Origlio, Sorengo-Muzzano, Magadino, Lumino, Lodano, Gudo, Moleno-Preonzo, Gnosca e Vogorno. Chi volesse mettersi a disposizione in una delle località appena citate può contattare l’ufficio del WWF a Bellinzona: sezione@wwf-ti.ch, 091 820 60 00.

Queste azioni permettono ogni anno di salvare da morte certa fino a 200’000 anfibi in tutta la Svizzera. Un grazie di cuore a tutti i nostri soccorritori volontari! Durante tutta la stagione di pattugliamento, si invitano gli automobilisti a circolare con prudenza lungo i tratti stradali segnalati con appositi cartelli, specialmente durante le ore serali. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved