referendum-finanziario-obbligatorio-al-popolo-la-scelta
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 min

Una spazzatrice ‘verde’ e silenziosa per la Città di Locarno

Da mercoledì 10 agosto a pulire strade, ambienti esterni e interni e il centro storico (ma non solo) una macchina ad azionamento completamente elettrico.
Luganese
14 min

‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio

Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli Svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
Luganese
20 min

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
25 min

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
1 ora

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
2 ore

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
4 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
6 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
6 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
17 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
17 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
17 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
17 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
18 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
19 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
19 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
19 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
20 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
20 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
21 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
21 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
23.02.2021 - 18:30
Aggiornamento: 18:57

Referendum finanziario obbligatorio, al popolo la scelta

Il Gran Consiglio vota il rapporto di Filippini (Udc), ma il democentrista Morisoli non ritira l'iniziativa. Le urne decideranno se sarà versione 'hard' o 'light'

Iniziativa secca e controprogetto. Sul referendum finanziario obbligatorio il popolo ticinese sarà chiamato a esprimersi sia sulla proposta secca originaria, che chiede di sottoporre al voto popolare ogni decisione parlamentare che comporta una spesa unica superiore a 20 milioni di franchi o una spesa annua pari a 5 milioni per almeno quattro anni, ma anche sul controprogetto. Quello uscito dalla commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’ e inserito nel rapporto redatto dalla democentrista Lara Filippini: immediatamente dopo il voto finale su una spesa unica di 30 milioni di franchi, o una spesa annua superiore a 6 milioni per quattro anni, il Gran Consiglio, attraverso la decisione di un terzo dei presenti e con il sì di minimo 25 parlamentari, vota la referendabilità della spesa. Secca o corretta, la proposta insomma resta in piedi. Perché con 42 favorevoli e 38 contrari il parlamento ha dato via libera al rapporto di Filippini.

E perché, soprattutto, il capogruppo dell'Udc Sergio Morisoli non ha alcuna intenzione di ritirare l'iniziativa popolare, depositata nel 2017, della quale è il primo dei 12’342 firmatari. E nel suo intervento ricorda che «se allora le premesse finanziarie erano preoccupanti, oggi la situazione è di molto peggiorata: in questa legislatura le spese saranno di 1,6 miliardi di franchi superiori rispetto al quadriennio scorso. Occorre aumentare la disciplina sulla spesa e sul comportamento dei politici che la producono». Insomma, per Morisoli «questo strumento che esiste già in vari Cantoni, non andrebbe a toccare preventivi e spese che hanno base giuridica, ma quelle nuove. Porta parecchi vantaggi come vitalizzare il sano principio di ‘chi paga comanda’, è meglio che non sia tutto deciso solo da governo e parlamento ma anche dai cittadini che, attraverso le imposte, finanziano queste uscite». Il capogruppo Udc aggiunge che «di fronte allo sbandamento delle finanze è giusto che il popolo sia coinvolto e dica come spendere i suoi soldi» e avverte dalla «paura che qualcuno ha di far votare i cittadini» e respinge l’accusa che continui referendum rallentino gli investimenti: «Spesso passano anni e anni tra lo stanziamento di un credito e la consegna, se si votasse una o due volte l’anno non salterebbe la Repubblica». Gli fa eco la relatrice del rapporto di maggioranza Lara Filippini (Udc), che cita Margaret Thatcher: «Sottolineava che non esistono soldi pubblici, ma i soldi dei contribuenti: è fondamentale estendere i diritti politici dei cittadini e stimolare l’autocontrollo del governo per frenare la spesa».

A favore dell’iniziativa la leghista Sabrina Aldi: «In un Paese in cui si fa un vanto della democrazia diretta non possono che essere i cittadini ad avere l’ultima parola su alcune spese di rilievo. Si tratta dei soldi dei contribuenti». 

Ris (Plr): ‘Si priva il parlamento della sua funzione principale’

Dopo aver incassato, da Sabrina Gendotti, il sì del Ppd al controprogetto di Filippini ma qualche dubbio da parte di qualche esponente del gruppo sull’iniziativa, sulla proposta di referendum finanziario obbligatorio partono le bordate. A cominciare è il Plr, che con la relatrice del rapporto di minoranza Michela Ris rivendica «il ruolo del parlamento, si privano Gran Consiglio e commissioni di una delle funzioni principali. Sottoporre sistematicamente cifre che non suscitano dibattito è banalizzare le consultazioni popolari, introdurre questi strumenti significherebbe dare in pasto ai comunicatori e agli esperti di marketing temi importanti con lo scopo di indurre ai cittadini un voto». A ruota la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella: «La legge prevede già la possibilità di raccogliere le firme per un referendum, e serve la maggioranza assoluta per la stragrande maggioranza dei crediti che votiamo. Noi, come deputati, vogliamo continuare ad assumerci le nostre responsabilità visto che il popolo ci ha dato questo compito. Il controprogetto, poi, è una barriera cerotto: un terzo dei presenti e minimo 25 deputati possono decidere il referendum? Troppo pochi».

Biscossa (Ps): ‘L'iniziativa certifica la nostra incapacità? C'è un problema’

La contraerea parte anche dai banchi socialisti. A partire dal relatore, assieme a Ris, del rapporto di minoranza contrario a iniziativa e controprogetto Carlo Lepori: «Il referendum obbligatorio non è necessario e contrario alla tradizione svizzera. L’altro grosso problema è nel controprogetto: limitarlo al solo tema delle spese ci sembra ingiusta». Per il Ps anche Anna Biscossa alza le barricate: «Siamo in svizzera, e l’uso del referendum e quindi il dare la parola a ‘chi paga’ in modo tale che possa comandare è un’abitudine, una prassi, una possibilità data. Di fronte al fatto che questo strumento esiste ed è accessibile, fatico a capire la necessità di introdurre un ulteriore strumento obbligando il popolo a doversi esprimere anche quando non lo ritiene necessario in maniera da aggravare la tempistica, la macchina del funzionamento delle istituzioni». Di più. Per Biscossa «l’iniziativa secca certifica la nostra incapacità e il popolo deve sorvegliarci, ma noi siamo stati eletti dal popolo: c’è un problema istituzionale. O il popolo ha sbagliato a eleggerci o deve fidarsi del nostro lavoro. Seconda ipotesi, controprogetto: ancora peggio. Un gruppo minoritario di noi, di eletti, stabilisce di non essere capace». Infine, per la parlamentare socialista «è brutto dirlo ma siamo fatti così: se un credito interessa solo il locarnese, magari il mendrisiotto non lo sostiene». Contrarie anche Tamara Merlo (Più donne) - «ci preoccupano un Gran Consiglio e un Consiglio di Stato ostaggio delle minoranze» - e Lea Ferrari (Pc): «L’ennesimo tentativo di ingabbiamento del parlamento». Il Movimento per il socialismo, dopo aver appoggiato con Matteo Pronzini la proposta Morisoli perché corrispondente «alla nostra visione di democrazia socialista», si schiera a favore con le due deputate rimaste in aula. Pronzini non ha partecipato al voto.

Vitta: ‘Ci sono già referendum facolativo e freno al disavanzo’

Il referendum finanziario obbligatorio «potrebbe moltiplicare votazioni su oggetti che non suscitando interesse e quindi dibattito», afferma il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, richiamando quanto scritto a suo tempo dal Consiglio di Stato prendendo posizione sull’iniziativa. «Sottoporre sistematicamente tutte le spese sopra un certo importo al voto popolare che però non suscitano dibattito potrebbe comportare una banalizzazione dello stesso voto popolare con conseguente disaffezione dei cittadini verso la cosa pubblica». Il rischio, poi, è che il referendum obbligatorio possa cancellare investimenti anche importanti: «Gli investimenti sono perlopiù spese nuove e quindi assoggettabili a referendum». Il governo «propone quindi di non aderire all’iniziativa: vi sono già il referendum facoltativo e il freno al disavanzo, strumenti che garantiscono una corretta gestione della spesa nel rispetto dei diritti popolari». Come referendum e iniziative, tramite i quali già oggi, ricorda Vitta «il cittadino agisce sulle scelte pubbliche».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio referendum finanziario obbligatorio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved