referendum-finanziario-obbligatorio-al-popolo-la-scelta
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

L'incallito ladro lituano che colpì in mezza Svizzera

È stato condannato a 2 ani e 8 mesi dalle Assise criminali ticinesi: il primo colpo lo commise nel Cantone
Ticino
6 ore

Dpd, Verdi del Ticino: 'Libero mercato, libero sfruttamento?'

I Verdi del Ticino esprimono solidarietà a lavoratori e lavoratrici della Dpd per le condizioni lavorative 'inaccettabili'
Ticino
6 ore

Emergenza lavoro, ‘Ci vuole una strategia della solidarietà’

Nel quarto trimestre dell’anno sono andati persi - solo in Ticino - 10 mila impieghi a fronte dei 23 mila andati in fumo a livello nazionale
Luganese
6 ore

La Città di Lugano aderisce al progetto Smartvote

Per le prossime elezioni comunali i candidati potranno creare il proprio profilo rispondendo a un questionario sui vari temi politici
Ticino
7 ore

Piste da sci e terrazze: ‘Si voleva evitare una crisi’

Gobbi spiega le ragioni che hanno portato ad adeguarsi alle disposizioni federali. I gestori degli impianti: ‘c'è grande incertezza’
Mendrisiotto
7 ore

'Alla scuola di Morbio il clima è tranquillo'

Parla Claudia Canova, sindaco del paese. Al momento si tratta di un solo caso in una classe di quinta elementare
Luganese
7 ore

Lugano, pigioni moderate: scelti i vincitori per Lambertenghi

La Cooperativa Vivere Lambertenghi si aggiudica il concorso per costruire nell'omonimo quartiere un edificio di sette piani con venticinque appartamenti
Luganese
7 ore

Da lunedì apre a Lugano la mostra Da Vinci Experience

L'esposizione multimediale visitabile fino al 30 maggio al Centro esposizioni
Ticino
8 ore

Coronavirus o meno, i radar rimangono sempre aperti

Ecco le località nelle quali la prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari in Ticino
Locarnese
8 ore

Bosco Gurin chiude la stazione sciistica

Frapolli annuncia che da lunedì gli impianti saranno fermi. La causa è il divieto di apertura delle terrazze dei ristoranti sulle piste
Locarnese
8 ore

Locarno, il Salva lancia la campagna sostenitori

Tramite volantino la popolazione viene informata sui vantaggi di una copertura sostenibile. I fondi raccolti consentono di migliorare la qualità del servizio
Locarnese
9 ore

Navigazione: l'accordo slitta. Il progetto di sviluppo pure

Resta aperta anche la questione della ri-assunzione del personale licenziato
Mendrisiotto
9 ore

Investita da un furgone, rimane schiacciata contro un'auto

Incidente a Castel San Pietro. Ferite gravi per una cittadina della provincia di Como di 49 anni
Locarnese
9 ore

Verscio, agli abitanti di pianificare la campagna

Nell'ambito del progetto 'Strade di quartiere', promosso dall'Ufficio federale dello Sviluppo territoriale e dal Comune,recapitata la documentazione
Ticino
9 ore

Case anziani, restrizioni allentate dal 1° di marzo

Da lunedi consentite visite in camera ai residenti, uscite temporanee e attività socializzanti. Allentamenti anche in strutture per invalidi e psichiatriche
Bellinzonese
10 ore

Sorpassi a Bellinzona, ‘ma il Municipio sapeva da tempo?’

Tuto Rossi torna all'attacco allegando a una nuova interpellanza le osservazioni dell'avvocato del capo Sop infine trasferito
Grigioni
10 ore

Tagli nelle case anziani moesane, ‘la politica si attivi’

I sindacati Ocst e Vpod invitano a stanziare contributi maggiori per aiutare le quattro strutture a superare la pandemia senza più licenziamenti
Mendrisiotto
10 ore

Cinzia Sciuto a Chiasso TV per parlare di burqa (e non solo)

La ricercatrice e giornalista di MicroMega è stata intervistata su diritti, integrazione e religioni
Bellinzonese
10 ore

Procedono i lavori sulla A2 tra Quinto e Airolo

Riprende in questi giorni il cantiere che riguarderà entrambe le carreggiate. Diversi lavori in programma, tra i quali la posa dell'asfalto fonoassorbente,
Locarnese
10 ore

Locarno, il Mercatino Caritas riapre il 1°marzo

Per l'occasione la merce invernale sarà messa in vendita a metà prezzo
Gallery
Locarnese
11 ore

Riazzino, si stacca il rimorchio, centra una vettura

Insolito incidente stamane sulla cantonale. L'automezzo che trasportava una gru ha perso il carico che ha colpito un'auto. Illesi gli occupanti
Ticino
23.02.2021 - 18:300
Aggiornamento : 18:57

Referendum finanziario obbligatorio, al popolo la scelta

Il Gran Consiglio vota il rapporto di Filippini (Udc), ma il democentrista Morisoli non ritira l'iniziativa. Le urne decideranno se sarà versione 'hard' o 'light'

Iniziativa secca e controprogetto. Sul referendum finanziario obbligatorio il popolo ticinese sarà chiamato a esprimersi sia sulla proposta secca originaria, che chiede di sottoporre al voto popolare ogni decisione parlamentare che comporta una spesa unica superiore a 20 milioni di franchi o una spesa annua pari a 5 milioni per almeno quattro anni, ma anche sul controprogetto. Quello uscito dalla commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’ e inserito nel rapporto redatto dalla democentrista Lara Filippini: immediatamente dopo il voto finale su una spesa unica di 30 milioni di franchi, o una spesa annua superiore a 6 milioni per quattro anni, il Gran Consiglio, attraverso la decisione di un terzo dei presenti e con il sì di minimo 25 parlamentari, vota la referendabilità della spesa. Secca o corretta, la proposta insomma resta in piedi. Perché con 42 favorevoli e 38 contrari il parlamento ha dato via libera al rapporto di Filippini.

E perché, soprattutto, il capogruppo dell'Udc Sergio Morisoli non ha alcuna intenzione di ritirare l'iniziativa popolare, depositata nel 2017, della quale è il primo dei 12’342 firmatari. E nel suo intervento ricorda che «se allora le premesse finanziarie erano preoccupanti, oggi la situazione è di molto peggiorata: in questa legislatura le spese saranno di 1,6 miliardi di franchi superiori rispetto al quadriennio scorso. Occorre aumentare la disciplina sulla spesa e sul comportamento dei politici che la producono». Insomma, per Morisoli «questo strumento che esiste già in vari Cantoni, non andrebbe a toccare preventivi e spese che hanno base giuridica, ma quelle nuove. Porta parecchi vantaggi come vitalizzare il sano principio di ‘chi paga comanda’, è meglio che non sia tutto deciso solo da governo e parlamento ma anche dai cittadini che, attraverso le imposte, finanziano queste uscite». Il capogruppo Udc aggiunge che «di fronte allo sbandamento delle finanze è giusto che il popolo sia coinvolto e dica come spendere i suoi soldi» e avverte dalla «paura che qualcuno ha di far votare i cittadini» e respinge l’accusa che continui referendum rallentino gli investimenti: «Spesso passano anni e anni tra lo stanziamento di un credito e la consegna, se si votasse una o due volte l’anno non salterebbe la Repubblica». Gli fa eco la relatrice del rapporto di maggioranza Lara Filippini (Udc), che cita Margaret Thatcher: «Sottolineava che non esistono soldi pubblici, ma i soldi dei contribuenti: è fondamentale estendere i diritti politici dei cittadini e stimolare l’autocontrollo del governo per frenare la spesa».

A favore dell’iniziativa la leghista Sabrina Aldi: «In un Paese in cui si fa un vanto della democrazia diretta non possono che essere i cittadini ad avere l’ultima parola su alcune spese di rilievo. Si tratta dei soldi dei contribuenti». 

Ris (Plr): ‘Si priva il parlamento della sua funzione principale’

Dopo aver incassato, da Sabrina Gendotti, il sì del Ppd al controprogetto di Filippini ma qualche dubbio da parte di qualche esponente del gruppo sull’iniziativa, sulla proposta di referendum finanziario obbligatorio partono le bordate. A cominciare è il Plr, che con la relatrice del rapporto di minoranza Michela Ris rivendica «il ruolo del parlamento, si privano Gran Consiglio e commissioni di una delle funzioni principali. Sottoporre sistematicamente cifre che non suscitano dibattito è banalizzare le consultazioni popolari, introdurre questi strumenti significherebbe dare in pasto ai comunicatori e agli esperti di marketing temi importanti con lo scopo di indurre ai cittadini un voto». A ruota la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella: «La legge prevede già la possibilità di raccogliere le firme per un referendum, e serve la maggioranza assoluta per la stragrande maggioranza dei crediti che votiamo. Noi, come deputati, vogliamo continuare ad assumerci le nostre responsabilità visto che il popolo ci ha dato questo compito. Il controprogetto, poi, è una barriera cerotto: un terzo dei presenti e minimo 25 deputati possono decidere il referendum? Troppo pochi».

Biscossa (Ps): ‘L'iniziativa certifica la nostra incapacità? C'è un problema’

La contraerea parte anche dai banchi socialisti. A partire dal relatore, assieme a Ris, del rapporto di minoranza contrario a iniziativa e controprogetto Carlo Lepori: «Il referendum obbligatorio non è necessario e contrario alla tradizione svizzera. L’altro grosso problema è nel controprogetto: limitarlo al solo tema delle spese ci sembra ingiusta». Per il Ps anche Anna Biscossa alza le barricate: «Siamo in svizzera, e l’uso del referendum e quindi il dare la parola a ‘chi paga’ in modo tale che possa comandare è un’abitudine, una prassi, una possibilità data. Di fronte al fatto che questo strumento esiste ed è accessibile, fatico a capire la necessità di introdurre un ulteriore strumento obbligando il popolo a doversi esprimere anche quando non lo ritiene necessario in maniera da aggravare la tempistica, la macchina del funzionamento delle istituzioni». Di più. Per Biscossa «l’iniziativa secca certifica la nostra incapacità e il popolo deve sorvegliarci, ma noi siamo stati eletti dal popolo: c’è un problema istituzionale. O il popolo ha sbagliato a eleggerci o deve fidarsi del nostro lavoro. Seconda ipotesi, controprogetto: ancora peggio. Un gruppo minoritario di noi, di eletti, stabilisce di non essere capace». Infine, per la parlamentare socialista «è brutto dirlo ma siamo fatti così: se un credito interessa solo il locarnese, magari il mendrisiotto non lo sostiene». Contrarie anche Tamara Merlo (Più donne) - «ci preoccupano un Gran Consiglio e un Consiglio di Stato ostaggio delle minoranze» - e Lea Ferrari (Pc): «L’ennesimo tentativo di ingabbiamento del parlamento». Il Movimento per il socialismo, dopo aver appoggiato con Matteo Pronzini la proposta Morisoli perché corrispondente «alla nostra visione di democrazia socialista», si schiera a favore con le due deputate rimaste in aula. Pronzini non ha partecipato al voto.

Vitta: ‘Ci sono già referendum facolativo e freno al disavanzo’

Il referendum finanziario obbligatorio «potrebbe moltiplicare votazioni su oggetti che non suscitando interesse e quindi dibattito», afferma il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, richiamando quanto scritto a suo tempo dal Consiglio di Stato prendendo posizione sull’iniziativa. «Sottoporre sistematicamente tutte le spese sopra un certo importo al voto popolare che però non suscitano dibattito potrebbe comportare una banalizzazione dello stesso voto popolare con conseguente disaffezione dei cittadini verso la cosa pubblica». Il rischio, poi, è che il referendum obbligatorio possa cancellare investimenti anche importanti: «Gli investimenti sono perlopiù spese nuove e quindi assoggettabili a referendum». Il governo «propone quindi di non aderire all’iniziativa: vi sono già il referendum facoltativo e il freno al disavanzo, strumenti che garantiscono una corretta gestione della spesa nel rispetto dei diritti popolari». Come referendum e iniziative, tramite i quali già oggi, ricorda Vitta «il cittadino agisce sulle scelte pubbliche».

© Regiopress, All rights reserved