ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
5 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
5 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
5 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
5 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
5 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
6 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
6 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
6 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
6 ore

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
7 ore

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
7 ore

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
7 ore

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
Grigioni
8 ore

Tra Soazza e Mesocco risanamento A13 da 35 milioni

Cantiere al via il 30 gennaio per la durata di tre anni. Si comincia con la corsia sud-nord
Locarnese
8 ore

A Minusio una chiacchierata con Leo Critelli

Appuntamento alla Villa San Quirico: organizza l’Associazione Quartiere Rivapiana
19.02.2021 - 13:14
Aggiornamento: 26.03.2022 - 11:27

Trascorrere la terza età a casa: un programma

Previsto un raddoppiamento dei servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio

trascorrere-la-terza-eta-a-casa-un-programma
Ti-Press

Quali saranno le esigenze degli anziani nel 2030? È la domanda da cui è partita la pianificazione integrata della presa a carico della terza e quarta età per il periodo 2021–2030. Sul documento il Dipartimento sanità e socialità ha avviato ieri la pre–consultazione con le istituzioni e gli enti interessati. L’obiettivo del programma è di permettere agli anziani di poter essere seguiti in maniera adeguata nelle proprie case: un desiderio espresso da molti di loro. Questo valorizzando e sviluppando i servizi d’appoggio, spiega il direttore del Dss Raffaele De Rosa.

Basato sulle previsioni demografiche, sui dati epidemiologici e del progresso tecnico, il piano prevede un potenziamento delle case di riposo con 1’180 posti letto in più, un rafforzamento del 62 per cento delle ore di assistenza e cura a domicilio, come pure un raddoppio dei servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio. Un aumento dei letti nelle case anziani che però, tenendo conto dell’incremento della popolazione, si traduce in una diminuzione di posti a disposizione rispetto al numero di cittadini e cittadine. Questo a dimostrazione di un impegno maggiore nell’aumento delle ore di assistenza e cura a domicilio come pure del volume dei servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio, che compenseranno la diminuzione di offerta pro capite nelle case anziani. Nel 2030, rispetto al 2019, avremo il 50 per cento in più di over 80, riferisce Eva Gschwend, collaboratrice scientifica dell’Ufficio degli anziani e delle cure a domicilio. Coloro che avranno più di 65 anni saranno invece il 41 per cento in più. «Si tratta di previsioni piuttosto solide, poiché in queste due fasce non ci sono tanti flussi migratori», ha spiegato Gschwend.

Oltre agli aspetti quantitativi, la pianificazione integrata punta alla creazione di nuovi sportelli 65+ per orientare e accompagnare utenti e familiari, come pure alla valorizzazione e allo sgravio dei familiari curanti. Questo con un potenziamento dei servizi di appoggio come centri diurni e la possibilità di poter includere dei weekend liberi dall’accudimento. Inoltre è previsto un aumento della formazione e della promozione del personale socio-assistenziale e infermieristico. Professione, quella dell’infermiera/e, che registra oggi un alto tasso d’abbandono.

più soggette alla degradazione della salute

«Le caratteristiche, i bisogni e le risorse della terza e quarta età mutano nel tempo», illustra Stefano Cavalli, responsabile del Centro competenze anziani della Supsi. «In questa fascia è presente una grande eterogeneità e disuguaglianza sociale soprattutto per quanto riguarda la salute. Nonostante le condizioni di vita della popolazione anziana dovrebbero continuare a migliorare anche in futuro, è stato dimostrato che le persone meno formate sono maggiormente soggette a una degradazione della salute. Per loro potrebbe addirittura verificarsi un declino di quest’ultima rispetto alle generazioni precedenti» spiega Cavalli. Ciò può essere spiegato con «lavori più usuranti, traiettorie professionali caratterizzate da più interruzioni, reddito inferiore e stili di vita malsani. Sappiamo che certi comportamenti a rischio non sono egualmente distribuiti nella popolazione, come pure quelli preventivi in materia di salute che sono più frequenti in alcune fasce più privilegiate della società».

Tornando all’approccio integrato, il direttore del Dss De Rosa sottolinea che si tratta della prima pianificazione che «unisce il settore stazionario delle case anziani, la parte ambulatoriale legata ai servizi di aiuto e cure a domicilio e quello di tutti i servizi di appoggio attivi nell’ambito dei trasporti, dei pasti a domicilio, dei centri diurni. Questo con l’obiettivo di rafforzare e stimolare le cure integrate e la collaborazione fra i vari attori». Trattandosi di un orizzonte ampio, quello del 2030, il programma sarà soggetto a un «monitoraggio costante delle scelte pianificatorie per adattare l’offerta al bisogno e alla domanda». Ciò anche in prospettiva dei cambiamenti che potrebbero derivare dalla pandemia. «I principi guida di questa pianificazione sono quelli dell’orientamento all’utente, quindi di mettere la persona al centro dell’interesse con i suoi bisogni ma anche con la sua libertà di scelta, con la possibilità dell’autodeterminazione – prosegue De Rosa –. Come pure l’importanza di rafforzare e promuovere ulteriormente la qualità e l’inclusione sociale e dando preferenza alla presa a carico domiciliare». «Non bisogna vedere gli anziani come un mero costo. Sono fondamentali per la società e un’importante risorsa», gli fa eco Cavalli.

Necessari 140 milioni in più

L’impatto finanziario delle proposte vede un incremento della spesa di 140 milioni di franchi per il periodo 2018-2030. Due terzi dei contributi di gestione annui serviranno per il potenziamento delle case anziani, il 19 per cento per l’assistenza e la cura a domicilio e il 16 per i servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio. Gli oneri finanziari saranno distribuiti fra Cantone e Comuni, rispettivamente nella misura del 20 e dell’80 per cento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved