Napoli
4
Lazio
0
fine
(3-0)
MIN Wild
4
TB Lightning
2
fine
(2-1 : 0-1 : 2-0)
trascorrere-la-terza-eta-a-casa-un-programma
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
2 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
5 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
5 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
6 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
6 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
6 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
6 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
7 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
7 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
7 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
7 ore

Offerta professionale di base, al via un ciclo di webinar

Dalle formazioni sanitarie, a quella della logistica passando per l’informatica: l’appuntamento è online alla Città dei mestieri
Luganese
7 ore

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del Sì
Bellinzonese
7 ore

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
8 ore

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Ticino
19.02.2021 - 13:140
Aggiornamento : 19:25

Trascorrere la terza età a casa: un programma

Previsto un raddoppiamento dei servizi d'appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio

Quali saranno le esigenze degli anziani nel 2030? È la domanda da cui è partita la pianificazione integrata della presa a carico della terza e quarta età per il periodo 2021–2030. Sul documento il Dipartimento sanità e socialità ha avviato ieri la pre–consultazione con le istituzioni e gli enti interessati. L’obiettivo del programma è di permettere agli anziani di poter essere seguiti in maniera adeguata nelle proprie case: un desiderio espresso da molti di loro. Questo valorizzando e sviluppando i servizi d'appoggio, spiega il direttore del Dss Raffaele De Rosa. 

Basato sulle previsioni demografiche, sui dati epidemiologici e del progresso tecnico, il piano prevede un potenziamento delle case di riposo con 1’180 posti letto in più, un rafforzamento del 62 per cento delle ore di assistenza e cura a domicilio, come pure un raddoppio dei servizi d'appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio. Un aumento dei letti nelle case anziani che però, tenendo conto dell’incremento della popolazione, si traduce in una diminuzione di posti a disposizione rispetto al numero di cittadini e cittadine. Questo a dimostrazione di un impegno maggiore nell’aumento delle ore di assistenza e cura a domicilio come pure del volume dei servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio, che compenseranno la diminuzione di offerta pro capite nelle case anziani. Nel 2030, rispetto al 2019, avremo il 50 per cento in più di over 80, riferisce Eva Gschwend, collaboratrice scientifica dell'Ufficio degli anziani e delle cure a domicilio. Coloro che avranno più di 65 anni saranno invece il 41 per cento in più. «Si tratta di previsioni piuttosto solide, poiché in queste due fasce non ci sono tanti flussi migratori», ha spiegato Gschwend.

Oltre agli aspetti quantitativi, la pianificazione integrata punta alla creazione di nuovi sportelli 65+ per orientare e accompagnare utenti e familiari, come pure alla valorizzazione e allo sgravio dei familiari curanti. Questo con un potenziamento dei servizi di appoggio come centri diurni e la possibilità di poter includere dei weekend liberi dall'accudimento. Inoltre è previsto un aumento della formazione e della promozione del personale socio-assistenziale e infermieristico. Professione, quella dell'infermiera/e, che registra oggi un alto tasso d'abbandono.

più soggette alla degradazione della salute

«Le caratteristiche, i bisogni e le risorse della terza e quarta età mutano nel tempo», illustra Stefano Cavalli, responsabile del Centro competenze anziani della Supsi. «In questa fascia è presente una grande eterogeneità e disuguaglianza sociale soprattutto per quanto riguarda la salute. Nonostante le condizioni di vita della popolazione anziana dovrebbero continuare a migliorare anche in futuro, è stato dimostrato che le persone meno formate sono maggiormente soggette a una degradazione della salute. Per loro potrebbe addirittura verificarsi un declino di quest’ultima rispetto alle generazioni precedenti» spiega Cavalli. Ciò può essere spiegato con «lavori più usuranti, traiettorie professionali caratterizzate da più interruzioni, reddito inferiore e stili di vita malsani. Sappiamo che certi comportamenti a rischio non sono egualmente distribuiti nella popolazione, come pure quelli preventivi in materia di salute che sono più frequenti in alcune fasce più privilegiate della società».

Tornando all’approccio integrato, il direttore del Dss De Rosa sottolinea che si tratta della prima pianificazione che «unisce il settore stazionario delle case anziani, la parte ambulatoriale legata ai servizi di aiuto e cure a domicilio e quello di tutti i servizi di appoggio attivi nell’ambito dei trasporti, dei pasti a domicilio, dei centri diurni. Questo con l'obiettivo di rafforzare e stimolare le cure integrate e la collaborazione fra i vari attori». Trattandosi di un orizzonte ampio, quello del 2030, il programma sarà soggetto a un «monitoraggio costante delle scelte pianificatorie per adattare l’offerta al bisogno e alla domanda». Ciò anche in prospettiva dei cambiamenti che potrebbero derivare dalla pandemia. «I principi guida di questa pianificazione sono quelli dell’orientamento all’utente, quindi di mettere la persona al centro dell’interesse con i suoi bisogni ma anche con la sua libertà di scelta, con la possibilità dell’autodeterminazione – prosegue De Rosa –. Come pure l’importanza di rafforzare e promuovere ulteriormente la qualità e l’inclusione sociale e dando preferenza alla presa a carico domiciliare». «Non bisogna vedere gli anziani come un mero costo. Sono fondamentali per la società e un'importante risorsa», gli fa eco Cavalli.

Necessari 140 milioni in più

L’impatto finanziario delle proposte vede un incremento della spesa di 140 milioni di franchi per il periodo 2018-2030. Due terzi dei contributi di gestione annui serviranno per il potenziamento delle case anziani, il 19 per cento per l’assistenza e la cura a domicilio e il 16 per i servizi d’appoggio e aiuti diretti per il mantenimento a domicilio. Gli oneri finanziari saranno distribuiti fra Cantone e Comuni, rispettivamente nella misura del 20 e dell’80 per cento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved