parita-di-genere-la-pandemia-potrebbe-comprometterla
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 min

In Ticino un altro decesso per Covid, 12 classi in quarantena

Si registra un altro ingresso in cure intense, dove attualmente si trovano 8 persone su un totale di 72 ricoverati, fra cui un ospite di casa anziani
Locarnese
35 min

Alberto Akai lascia la presidenza Ppd e il Consiglio comunale

Il già candidato al Municipio di Locarno motiva la decisione con ragioni personali e familiari
Ticino
1 ora

Prevena 2021: per un Natale più sicuro

Le forze di polizia anche quest’anno garantiscono alla popolazione una presenza capillare su tutto il territorio nei luoghi di grande affluenza
Luganese
5 ore

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti.
Luganese
5 ore

Alloggi: alla ricerca di un nuovo e necessario equilibrio

A parlarci di ‘pubblica utilità’ è Monique Bosco-von Allmen, presidente della sezione della Svizzera italiana di Cooperative d’abitazione Svizzera
Bellinzonese
5 ore

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare
Luganese
13 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
15 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
15 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
15 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
15 ore

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
15 ore

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Ticino
15.02.2021 - 19:570
Aggiornamento : 22:11

'Parità di genere, la pandemia potrebbe comprometterla'

Il governo ticinese si esprime sulla 'Strategia per uno sviluppo sostenibile 2030' proposta e messa in consultazione dal Consiglio federale

“La crisi sanitaria attuale ha reso visibili le disuguaglianze esistenti in Svizzera e ha messo in luce il rischio che le conseguenze della pandemia compromettano importanti risultati fino a oggi raggiunti in materia di parità di genere. Le donne ne sono particolarmente colpite, sia sul piano economico-professionale, sia su quello sociale”. A sottolinearlo è il Consiglio di Stato nell’articolata presa di posizione sul progetto di ’Strategia per uno sviluppo sostenibile 2030' elaborato dal Consiglio federale e da quest’ultimo posto in consultazione lo scorso novembre sino al 18 febbraio. ’Pari opportunità’ nonché ’Clima, energia e biodiversità’ e ’Consumo e produzione sostenibili’ sono i tre “ambiti prioritari” stabiliti dal governo nazionale, spiegava una nota dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale. Con la sua ’Strategia’ il Consiglio federale, proseguiva l’Are, “illustra come intende attuare nei prossimi dieci anni l’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile”. E gli obiettivi delll’Agenda dell’Onu sono stati fatti propri anche dal governo ticinese con il Programma di legislatura 2019/2023 pubblicato a metà gennaio dello scorso anno, poco prima dell’arrivo del coronavirus.

Tornando alla presa di posizione indirizzata in questi giorni a Berna e in particolare al tema dell’uguaglianza tra donna e uomo, il Consiglio di Stato rileva come a livello professionale “le nuove disposizioni relative al principio di parità salariale sancito nella Costituzione federale dalla legge federale sulla parità dei sessi, entrate in vigore nel luglio 2020, siano ancora troppo poco incisive”. E “difficilmente permetteranno di porre fine alle disparità salariali tra uomo e donna”. Recenti analisi della “giurisprudenza cantonale e federale”, svolte su incarico dell’Ufficio federale per l’uguaglianza tra uomo e donna, aggiunge Bellinzona, “evidenziano una scarsa conoscenza delle specificità procedurali di questa legge da parte di autorità e tribunali”. Da qui “la necessità di una maggiore conoscenza della legge da parte sia di datori di lavoro sia delle autorità giudiziarie”, ma anche “la necessità di inserire l’argomento nei programmi di studio di diritto e nei corsi di formazione continua degli attori coinvolti”.

'Conciliare lavoro e famiglia: notevoli margini di miglioramento'

Secondo il Consiglio di Stato, “la conciliazione tra vita professionale e vita privata presenta notevoli margini di miglioramento, offerti dalla promozione del lavoro a tempo parziale per gli uomini e da un maggiore ricorso al ’job sharing’ per posizioni dirigenti”. L’impiego a tempo parziale “si conferma infatti una caratteristica dell’occupazione femminile: oltre alle ripercussioni in termini di prospettiva professionale, esso contribuisce ad accentuare le disuguaglianze nella ripartizione dei compiti domestici e determina conseguenze importanti per la previdenza professionale delle donne”. In tal senso "è evidente la necessità di revisione di alcune disposizioni nel campo delle assicurazioni sociali”, disposizioni che oggi, “rifacendosi a un modello stereotipato, causano disparità di genere accentuando il divario pensionistico tra uomo e donna”. L’Esecutivo cantonale cita quali esempi “il diritto alla rendita di vedovanza, basato sul sesso, o l’assicurazione contro la disoccupazione nel caso in cui il/la coniuge lavori nella ditta del/la partner, per cui viene meno il diritto alla Ipg (indennità di perdita di guadagno, ndr)".

'Molestia sessuale: opportuna una definizione giuridica precisa'

Il Consiglio di Stato si sofferma pure sul fenomeno della violenza domestica. "L’assistenza a tutte le persone vittime di violenza domestica e abusi va rafforzata e migliorata grazie a un approccio collaborativo e integrato delle autorità competenti: particolare attenzione andrà data ai bambini esposti a violenza domestica, alla formazione di professionisti nei settori d’interesse e a una migliore tutela dal rischio di allontanamento per le donne straniere vittime di violenza domestica”. Non solo: il governo ticinese ritiene "opportuno" introdurre “una definizione giuridica precisa di molestia sessuale che ad oggi, secondo il diritto svizzero vigente, non è considerata reato e prevede disposizioni penali solo per le accezioni più violente”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved