ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
2 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
3 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
3 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
3 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
3 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
4 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
4 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
4 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
4 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
5 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
5 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
5 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
10.02.2021 - 19:55
Aggiornamento: 21:46

'Giustizia e trasparenza, situazione da migliorare'

Accesso a sentenze e udienze, mozione al governo di Fiorenzo Dadò (Ppd) e Sabrina Aldi (Lega). 'Il problema si trascina da anni: va risolto in tempi brevi'

giustizia-e-trasparenza-situazione-da-migliorare
Dadò e Aldi (Ti-Press)

L’accesso dei cittadini alle sentenze e alle udienze va migliorato: in altre parole, occorre “migliorare l’implementazione del principio di pubblicità" e “valutare l’adozione di un concetto di informazione dell’intero potere giudiziario”. È quanto chiedono al Consiglio di Stato, con una mozione, il popolare democratico Fiorenzo Dadò e la leghista Sabrina Aldi. L’atto parlamentare rilancia dunque il tema della trasparenza nel settore della giustizia. Tema che, come abbiamo riferito stamane, è sotto la lente anche del Dipartimento istituzioni, il quale, ha annunciato di recente il suo titolare, Norman Gobbi, intende affrontarlo nell’ambito della revisione della Legge cantonale sull’organizzazione giudiziaria. Dando seguito, ha spiegato a sua volta la direttrice della Divisione giustizia Frida Andreotti, all’invito formulato dal Gran Consiglio con il rapporto commissionale del 2015 sull’iniziativa dell’allora deputato del Plr Andrea Giudici: l’invito al governo a “elaborare basi legali che regolino in modo chiaro l’accesso a sentenze e decisioni” delle autorità giudiziarie ticinesi. «Il problema si trascina da anni, con questa mozione sollecitiamo il Consiglio di Stato a risolverlo in tempi brevi», dichiara Dadò alla ’Regione’.

'Un sito aggiornato in maniera non tempestiva'

In Ticino, scrivono Dadò e Aldi, peraltro membri della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’,"sono annunciate solo le udienze in materia penale (davanti alla Pretura penale, al Tribunale penale cantonale e alla Corte di appello e revisione penale), ma non quelle in ambito civile o amministrativo”. Esiste “un portale delle sentenze (http://www.sentenze.ti.ch) con più di 50'000 decisioni catalogate e non: tuttavia, la pubblicazione delle sentenze non è sistematica, ma è del tutto frammentaria e lasciata al libero apprezzamento della singola autorità giudiziaria”. La giustizia civile, osservano ancora i due deputati, "è confinata alle sentenze del Tribunale di appello. Non c’è alcun accesso alle decisioni delle Preture (civili): si pensi al diritto del lavoro e di locazione, che spesso non giungono nemmeno al Tribunale di appello”. Tornando al sito online, questo "è aggiornato in maniera discontinua e non tempestiva”, annotano i mozionanti, ricordando che la pubblicazione “non deve essere destinata solo ai giuristi o ai professionisti del settore”, ma pure ai cittadini comuni, e ricordando che il Tribunale penale federale, il Tribunale amministrativo federale e il Tribunale federale “pubblicano le loro sentenze di regola la settimana dopo che la decisione è stata intimata alle parti”.

'Situazione insoddisfacente'

Nonostante il principio della pubblicità delle sentenze e delle udienze sia inserito nella Costituzione federale, la situazione in Ticino "è insoddisfacente”, rilevano i due granconsiglieri. Un “caso-scuola”, continuano, è “la richiesta di una copia anonimizzata della sentenza di primo grado” pronunciata a carico dell’ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità, processato e condannato nel gennaio 2019 per coazione sessuale (si è ora in attesa del verdetto della Corte di appello penale). Ebbene, rammentano Dadò e Aldi, “dopo un primo tentativo andato a vuoto da parte del Consiglio di Stato, il ’Popolo e Libertà’ (periodico del Ppd, ndr) ha dovuto attendere un anno per riuscire a ottenere quel documento, passando da ben tre tribunali”. Questo “non è normale” e “depone in sfavore di una giustizia trasparente”. Ed è “un peccato, a fronte della qualità delle sentenze ticinesi: infatti il tasso di successo dei ricorsi al Tribunale federale è molto basso (nel 2019: 38 ricorsi accolti/parzialmente accolti su 391)".

La situazione va insomma migliorata e “per lo Stato non c’è un particolare costo, siccome gli strumenti già esistono”. Per le udienze, indicano i mozionanti, “basterebbe in un primo tempo pubblicare un foglio sul sito, come avviene già oggi nell’ambito penale". Per la pubblicazione delle decisioni “sarebbe sufficiente adeguare i processi interni ai singoli tribunali e provvedere, come succede nei Tribunali della Confederazione, all’anonimizzazione contemporaneamente alla preparazione della sentenza originale, che poi viene inviata alle parti (la pubblicazione tocca solo la sentenza finale e non le decisioni in corso di procedura, salvo diversa scelta del giudice o del collegio giudicante)".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved