giustizia-e-trasparenza-situazione-da-migliorare
Dadò e Aldi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
38 min

Prevena 2021: per un Natale più sicuro

Le forze di polizia anche quest’anno garantiscono alla popolazione una presenza capillare su tutto il territorio nei luoghi di grande affluenza
Luganese
4 ore

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti.
Luganese
4 ore

Alloggi: alla ricerca di un nuovo e necessario equilibrio

A parlarci di ‘pubblica utilità’ è Monique Bosco-von Allmen, presidente della sezione della Svizzera italiana di Cooperative d’abitazione Svizzera
Bellinzonese
4 ore

Ore di attesa per un tampone e il rischio d’infettarsi

Gestione problematica dell’importante afflusso di persone che nel fine settimana si reca all’Ospedale San Giovanni di Bellinzona per farsi testare
Luganese
13 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
14 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
14 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
14 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
14 ore

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
14 ore

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Mendrisiotto
15 ore

Vincent Van Gogh in un libro a LaFilanda a Mendrisio

Incontro con Renato Giovannoli, autore de ‘I vortici di Van Gogh’, per interrogarsi sull’artista olandese
Bellinzonese
15 ore

Fiocco azzurro alla ‘Regione’ di Bellinzona

Lunedì sera è nato Enea, per la gioia dei genitori Francesca e Fabio
Bellinzonese
15 ore

San Nicolao a San Bernardino

Per l’occasione la pista di pattinaggio del Centro sportivo sarà aperta al pubblico
Ticino
10.02.2021 - 19:550
Aggiornamento : 21:46

'Giustizia e trasparenza, situazione da migliorare'

Accesso a sentenze e udienze, mozione al governo di Fiorenzo Dadò (Ppd) e Sabrina Aldi (Lega). 'Il problema si trascina da anni: va risolto in tempi brevi'

L’accesso dei cittadini alle sentenze e alle udienze va migliorato: in altre parole, occorre “migliorare l’implementazione del principio di pubblicità" e “valutare l’adozione di un concetto di informazione dell’intero potere giudiziario”. È quanto chiedono al Consiglio di Stato, con una mozione, il popolare democratico Fiorenzo Dadò e la leghista Sabrina Aldi. L’atto parlamentare rilancia dunque il tema della trasparenza nel settore della giustizia. Tema che, come abbiamo riferito stamane, è sotto la lente anche del Dipartimento istituzioni, il quale, ha annunciato di recente il suo titolare, Norman Gobbi, intende affrontarlo nell’ambito della revisione della Legge cantonale sull’organizzazione giudiziaria. Dando seguito, ha spiegato a sua volta la direttrice della Divisione giustizia Frida Andreotti, all’invito formulato dal Gran Consiglio con il rapporto commissionale del 2015 sull’iniziativa dell’allora deputato del Plr Andrea Giudici: l’invito al governo a “elaborare basi legali che regolino in modo chiaro l’accesso a sentenze e decisioni” delle autorità giudiziarie ticinesi. «Il problema si trascina da anni, con questa mozione sollecitiamo il Consiglio di Stato a risolverlo in tempi brevi», dichiara Dadò alla ’Regione’.

'Un sito aggiornato in maniera non tempestiva'

In Ticino, scrivono Dadò e Aldi, peraltro membri della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’,"sono annunciate solo le udienze in materia penale (davanti alla Pretura penale, al Tribunale penale cantonale e alla Corte di appello e revisione penale), ma non quelle in ambito civile o amministrativo”. Esiste “un portale delle sentenze (http://www.sentenze.ti.ch) con più di 50'000 decisioni catalogate e non: tuttavia, la pubblicazione delle sentenze non è sistematica, ma è del tutto frammentaria e lasciata al libero apprezzamento della singola autorità giudiziaria”. La giustizia civile, osservano ancora i due deputati, "è confinata alle sentenze del Tribunale di appello. Non c’è alcun accesso alle decisioni delle Preture (civili): si pensi al diritto del lavoro e di locazione, che spesso non giungono nemmeno al Tribunale di appello”. Tornando al sito online, questo "è aggiornato in maniera discontinua e non tempestiva”, annotano i mozionanti, ricordando che la pubblicazione “non deve essere destinata solo ai giuristi o ai professionisti del settore”, ma pure ai cittadini comuni, e ricordando che il Tribunale penale federale, il Tribunale amministrativo federale e il Tribunale federale “pubblicano le loro sentenze di regola la settimana dopo che la decisione è stata intimata alle parti”.

'Situazione insoddisfacente'

Nonostante il principio della pubblicità delle sentenze e delle udienze sia inserito nella Costituzione federale, la situazione in Ticino "è insoddisfacente”, rilevano i due granconsiglieri. Un “caso-scuola”, continuano, è “la richiesta di una copia anonimizzata della sentenza di primo grado” pronunciata a carico dell’ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità, processato e condannato nel gennaio 2019 per coazione sessuale (si è ora in attesa del verdetto della Corte di appello penale). Ebbene, rammentano Dadò e Aldi, “dopo un primo tentativo andato a vuoto da parte del Consiglio di Stato, il ’Popolo e Libertà’ (periodico del Ppd, ndr) ha dovuto attendere un anno per riuscire a ottenere quel documento, passando da ben tre tribunali”. Questo “non è normale” e “depone in sfavore di una giustizia trasparente”. Ed è “un peccato, a fronte della qualità delle sentenze ticinesi: infatti il tasso di successo dei ricorsi al Tribunale federale è molto basso (nel 2019: 38 ricorsi accolti/parzialmente accolti su 391)".

La situazione va insomma migliorata e “per lo Stato non c’è un particolare costo, siccome gli strumenti già esistono”. Per le udienze, indicano i mozionanti, “basterebbe in un primo tempo pubblicare un foglio sul sito, come avviene già oggi nell’ambito penale". Per la pubblicazione delle decisioni “sarebbe sufficiente adeguare i processi interni ai singoli tribunali e provvedere, come succede nei Tribunali della Confederazione, all’anonimizzazione contemporaneamente alla preparazione della sentenza originale, che poi viene inviata alle parti (la pubblicazione tocca solo la sentenza finale e non le decisioni in corso di procedura, salvo diversa scelta del giudice o del collegio giudicante)".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved