caverzasio-in-gran-consiglio-si-arrivi-con-rapporti-solidi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
6 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
7 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
8 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
8 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
8 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
9 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
9 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
10 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
11 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
11 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
11 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
12 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
12 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
laR
 
04.02.2021 - 06:00
Aggiornamento : 17:41

Caverzasio: 'In Gran Consiglio si arrivi con rapporti solidi'

Il presidente del parlamento, dopo le polemiche su tariffe medico del traffico e congedo parentale, ribadisce l'importanza dei lavori in commissione

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il recente pasticcio sull’aumento delle tariffe del medico del traffico è solo uno dei casi recenti in cui una volta che il tabellone luminoso del Gran Consiglio ha certificato il via libera a questa o quella proposta sono iniziate le discussioni, a volte, addirittura sul ‘cosa’ si sia appena votato in Aula. Proposte collidenti, per alcuni, con il diritto superiore: l’applicazione di ‘Prima i nostri!’, l’iniziativa Ppd sul controllo sistematico dei permessi legato alle condizioni salariali, la Legge sulle imprese artigianali con il relativo albo, l’iniziativa Udc sulle prestazioni del medico del traffico tornata alla ribalta in questi giorni dopo la pubblicazione del documento del Centro universitario romando di medicina legale, il congedo parentale votato nell’ultima sessione parlamentare che desta qualche dubbio per l’applicazione nel settore privato. Gli esempi non mancano. Così come i dubbi.

«Sarebbe importante essere certi di arrivare in Aula con oggetti che hanno raggiunto una maturazione tale da non costringerci a pentirci di aver sottoposto al Plenum temi che avrebbero richiesto approfondimenti supplementari» afferma a colloquio con ‘laRegione’ il Presidente del Gran Consiglio Daniele Caverzasio (Lega). Che aggiunge: «È questo il convincimento che i membri delle commissioni parlamentari devono avere; quando si firma un rapporto non deve essere perché figlio di una pressione anche politica, ma perché è stato da tutti i punti di vista ritenuto il momento più corretto».

D’accordo, ma le ultime vicende stanno facendo sorgere qualche dubbio che questo succeda. Come giudica, da presidente del Gran Consiglio, questi dibattiti post-votazione da parte del parlamento?

Senza dubbio il discorso dovrebbe essere affrontato già in sede commissionale, con i dovuti approfondimenti giuridici e politici. Ricordo comunque che per il nostro Stato di diritto tutte le decisioni possono sottostare a ricorsi o referendum. Alla fine possiamo chiedere tutti i pareri giuridici possibili, ma in caso di ricorso l’ultima parola spetterà comunque al tribunale competente. Come abbiamo ad esempio visto con la tassa di collegamento.

Quali correttivi possono essere messi in atto per migliorare la situazione?

L’articolo 33 della Legge sul Gran Consiglio parla chiaro: tutte le commissioni parlamentari possono già oggi disporre, a sostegno del proprio lavoro, del Consulente giuridico, degli specialisti dell’Amministrazione cantonale, oppure ancora possono avvalersi di consulenze e perizie esterne qualora ritenuto necessario. Gli strumenti già ci sono; sta semmai alla sensibilità di ogni commissione individuare eventuali problematiche o debolezze e sottoporle agli specialisti per gli approfondimenti del caso.

Alle volte si ha la sensazione che ci sia una fretta eccessiva nell’uscire con rapporti commissionali non solidissimi, altre volte, come con il congedo parentale, il tema è stato per anni in commissione salvo esplodere il giorno della votazione in Aula. Qual è il suo pensiero a riguardo?

Alcune volte, col senno di poi, si sarebbe potuto approcciarsi diversamente alla tematica, approfondendo in modo più specifico qualche dettaglio. Tornando alla sua domanda concernente il congedo parentale, rammento che il Gran Consiglio ha votato un principio. Spetterà in seguito al Consiglio di Stato procedere agli approfondimenti giuridici del caso. Ribadisco comunque l’importanza di andare sempre al voto quando le questioni da trattare hanno raggiunto la necessaria solidità, sia politica sia giuridica.

Michele Foletti, nel suo discorso di commiato dalla presidenza del Gran Consiglio nel maggio 2013, pose la questione se il parlamento di milizia fosse ancora sostenibile per la mole di impegno e dedizione che necessita la carica. Quella di Foletti è una riflessione che si pone anche per lei?

Io difenderò sempre il nostro essere parlamentari di milizia, perché ciò comporta un contatto naturale e diretto con la società e ci permette, grazie alle esperienze di tutti i giorni, di meglio comprendere i problemi e le necessità della gente, mettendo a disposizione il nostro vissuto. Non bisogna comunque dimenticare che a sostegno del parlamento l’Amministrazione cantonale fornisce già diversi tipi di aiuto: in particolare i Servizi del Gran Consiglio, i segretari delle commissioni, il Consulente giuridico del Gran Consiglio sono a disposizione e offrono a noi deputati un valido supporto. Gli elementi ci sono, poi la fretta è spesso cattiva consigliera...

Lei parla di possibilità di referendum e di tribunali che eventualmente possono sentenziare e dirimere. Non c’è bisogno, invece, di una politica che torni al proprio primato, anche decisionale? Con, si spera, decisioni quanto più solide possibili?

In realtà, la nostra è una politica di concordanza, una politica del compromesso. Di conseguenza le soluzioni adottate non metteranno sempre tutti d’accordo e potrebbero magari anche creare qualche problema dal profilo giuridico. È inevitabile. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
congedo parentale daniele caverzasio gran consiglio medico del traffico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved