covid-e-assembramenti-casalinghi-se-arriva-la-polizia
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 min

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
1 ora

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
1 ora

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
1 ora

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
2 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
2 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
2 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
3 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
3 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
laR
 
04.02.2021 - 06:00
Aggiornamento: 26.03.2022 - 11:12

Covid e assembramenti casalinghi, se arriva la polizia

Il pg Pagani: gli agenti possono entrare e verificare solo col consenso dell’inquilino, altrimenti devono chiedere al magistrato l’ordine di perquisizione

Cinque. È il numero superato il quale può scattare la sanzione pecuniaria anti-Covid. Quella multa disciplinare, il cui effetto deterrente deriva o dovrebbe derivare dalla sua immediata applicazione, che da lunedì scorso in Svizzera le forze di polizia hanno nuovamente la possibilità di infliggere quando constatano assembramenti con più di cinque persone. Un limite che non risparmia appartamenti e case. La domanda è inevitabile: la polizia, alla quale è stata segnalata la presunta presenza di un numero elevato di persone in un’abitazione, può poi verificare la situazione all’interno dell’appartamento o della villetta, all’interno quindi di uno spazio privato? In altre parole, può entrare e controllare anche se l’inquilino o il proprietario non acconsentono? «No - risponde il procuratore generale Andrea Pagani, interpellato dalla ‘Regione’ -. No, a meno che non vi sia appunto il consenso del detentore del diritto al domicilio privato». Insomma, le forze dell’ordine non possono... buttare giù la porta. Qualora si vedesse negato l’accesso, la polizia «potrebbe rivolgersi al magistrato, ovvero al procuratore pubblico di picchetto, per chiedere un ordine di perquisizione - spiega il pg -. Spetterà al procuratore valutare la fattispecie e stabilire, seguendo il principio di proporzionalità, se vi siano gli estremi per accordare il mandato. L’emissione di un ordine di perquisizione presuppone l’apertura di un procedimento penale concernente, in questi casi, una presunta contravvenzione. Si passerebbe così dalla procedura disciplinare a quella ordinaria».

Non c’è dunque quel diritto d’ispezione riconosciuto alle forze dell’ordine per poter eseguire controlli negli esercizi pubblici come bar e ristoranti. O all’interno dei locali dove si esercita la prostituzione. Questi sopralluoghi possono essere eseguiti anche senza un mandato di perquisizione della magistratura... "La Polizia cantonale e, su sua delega, la polizia comunale, come pure i funzionari dell’autorità cantonale (...) possono verificare che l’esercizio della prostituzione sia svolto conformemente alla legge o al regolamento", afferma la legge cantonale sulla prostituzione.

Galli (Associazione polcomunali): finora non abbiamo riscontrato particolari problemi

Da lunedì 1. febbraio, come scritto, multe disciplinari per chi non indossa la mascherina in determinati luoghi o non rispetta il divieto di assembramento con più di cinque persone: quanto agli importi si va da cinquanta a cento, sino a duecento franchi. Possono essere irrogate sia dalla Polizia cantonale sia dalle polizie comunali. «Fino ad oggi non abbiamo elevato contravvenzioni, ma è chiaro che i casi di palese violazione, nei quali è manifesta la volontà di non osservare le norme, verranno sanzionati», assicura il comandante della Comunale di Locarno Dimitri Bossalini, già presidente dell’Associazione delle polizie comunali ticinesi. Prematuro stilare un bilancio. «Non abbiamo ancora il dato riguardante il numero delle multe inflitte in questi primi giorni: la Polizia cantonale farà prossimamente un bilancio unico», dice alla ’Regione’ Orio Galli, subentrato a Bossalini alla testa dell’Apcti. «I controlli sono gli stessi di prima. La differenza - aggiunge Galli - è che in precedenza si trattava più di informare e di fare pertanto prevenzione. Se poi il caso non poteva essere risolto a parole o sensibilizzando le persone, allora si doveva agire con la procedura penale e quindi chiamare i colleghi della Polizia cantonale». Procedura penale, con conseguente intervento dell’autorità giudiziaria, in primis il Ministero pubblico. «Adesso è come una multa di parcheggio: se pagata la cosa si conclude lì», riprende Galli.

Il cambiamento dell’Ordinanza federale, che ha ridato alle forze di polizia la competenza di sanzionare direttamente coloro che violano le disposizioni per arginare la diffusione della pandemia, non ha sostanzialmente modificato il lavoro delle polcomunali. «I giri di controllo rimangono i medesimi – sostiene il presidente dell’Associazione delle polcom –. Si continua a fare maggiori verifiche nei luoghi sensibili, come le fermate dei mezzi di trasporto pubblico o le scuole. Sinora comunque non riscontriamo grosse problematiche e non registriamo maggiori interventi legati all’ordinanza Covid-19 rispetto al periodo precedente, quando non avevamo lo strumento delle multe disciplinari. Le norme sono percepite bene dalla popolazione e in linea di massima rispettate, con qualche eccezione ovviamente». Alcune zone sono infatti più sensibili: «I luoghi dove ci sono stati problemi sono la ‘pensilina’ di Lugano, le stazioni ferroviarie, i mezzi pubblici o la zona degli aperitivi di Bellinzona. Sono però situazioni che ci portiamo avanti già da prima dell’arrivo delle multe disciplinari. Come in passato, la polizia procederà a controlli specifici nei punti sensibili. Tuttavia per vedere come sarà la situazione con lo strumento delle multe disciplinari dobbiamo aspettare il weekend».

‘Il ricavato in beneficenza’

C’è di più. «Il provento delle multe Covid emesse su tutto il territorio ticinese dai vari corpi di polizia verrà, come è stato fatto in occasione del primo lockdown, raccolto centralmente dal Cantone per il tramite della Polizia cantonale e in seguito devoluto in beneficenza o utilizzato per specifiche necessità finanziarie nella lotta al coronavirus», ricorda Galli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid multe disciplinari polizia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved