nuovi-aiuti-da-berna-doverosi-ma-occhio-ai-conti-pubblici
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 min

Auto in fiamme a Camorino, nessun ferito ma disagi al traffico

È accaduto intorno alle 14 su via Tirada. Il conducente e la passeggera, vedendo del fumo uscire dal vano motore, hanno abbandonato il veicolo in tempo
Mendrisiotto
14 min

Morbio Inferiore festeggia un nuovo centenario

Nino Albisetti, assieme ai due figli, ha accolto nella sua casa la sindaca Claudia Casanova per un brindisi e alcune curiosità sul paese
Ticino
14 min

Aperte le iscrizioni alla scuola per cure infermieristiche

Il termine per inoltrare la richiesta di ammissione è fissato per il 28 febbraio. Organizzati alcuni incontri informativi
Locarnese
27 min

Orari Fart, anche l’Astuti chiede il ritorno alla carta

Locarnese, stando all’associazione utenti dei trasporti pubblici sarebbe stata opportuna una transizione a tappe
Luganese
41 min

Caslano, ristrutturato l’ufficio postale

Creati nuovi spazi funzionali a riunire le prestazioni fisiche e quelle digitali rivolte alla consulenza e all’accompagnamento della clientela
Gallery
Bellinzonese
2 ore

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
4 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
4 ore

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

Le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
4 ore

Il semaforo del CO2: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
5 ore

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia
Ticino
5 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
5 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
10 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Mendrisiotto
10 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
10 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Ticino
17 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
20 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
20 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
20 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
 
27.01.2021 - 19:370
Aggiornamento : 21:49

‘Nuovi aiuti da Berna doverosi, ma occhio ai conti pubblici’

Le reazioni dal parlamento ticinese sul raddoppio delle risorse finanziarie per i casi di rigore. Gobbi: passo timido sugli ingressi in Svizzera

Covid-19, oggi a Berna si è parlato anche di economia, soprattutto di aiuti alle aziende. «È senz’altro positivo - afferma il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi - l’aumento della dotazione di risorse finanziarie per i casi di rigore, segno che anche in Consiglio federale vi è la consapevolezza delle difficoltà in cui si trovano non poche attività economiche, soprattutto quelle che sono state chiuse o che hanno subìto una forte contrazione della cifra d’affari a seguito delle chiusure. Da considerare positivamente è anche la possibilità data alle autorità cantonali di infliggere multe disciplinari, sanzioni che avranno un effetto deterrente potendo essere decise e applicate subito, una volta constatata la violazione delle disposizione anti-Covid. Quanto ai controlli per chi entra ed esce dal nostro territorio il Consiglio federale ha invece compiuto un timido passo, che non risponde completamente alle richieste che come governo cantonale abbiamo formulato a più riprese, ritenuto che un‘elevata mobilità transfrontaliera è comunque uno degli elementi che contribuiscono alla diffusione del virus.  Evidentemente la preoccupazione rimane». Prosegue Gobbi: «Come mi ha riferito nel pomeriggio, il segretario di Stato della migrazione Mario Gattiker, l’autorità federale guarda anche come si muovono le cose a livello europeo e in particolare all’interno dello spazio Schengen: se la situazione dovesse peggiorare, potrebbero essere predisposti i controlli alle frontiere come quelli attuati la scorsa primavera». 

Il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian VItta rimanda ogni considerazione a venerdì, giorno in cui è prevista una conferenza stampa per illustrare l’applicazione delle norme cantonali sui casi di rigore dopo il recente via libera in Gran Consiglio e i contenuti del decreto esecutivo elaborato dal Consiglio di Stato.

Durisch (Ps): ‘Ampliare i casi di rigore’

I casi di rigore, appunto. «La decisione del Consiglio federale di mettere a disposizione ulteriore denaro è nuovo ossigeno per le aziende in difficoltà - osserva il capogruppo del Ps in Gran Consiglio Ivo Durisch -. A questo punto il mio auspicio è che tra i casi di rigore, quindi tra i beneficiari degli aiuti, rientrino anche le aziende istituite dopo il marzo 2020 e quelle con una cifra d’affari sotto i 50mila franchi. Aiuti che se non giungono da Berna, spero arrivino dal Cantone». Ampliare dunque la casistica. L’auspicio di Durisch è condiviso anche dal liberale radicale Matteo Quadranti, già relatore in Gran Consiglio sul decreto legislativo e la legge riguardante i casi di rigore ticinesi: «Non si capisce infatti il senso del limite del primo marzo, visto che ci sono anche persone che prima di quella data avevano pianificato, firmato contratti o preso impegni per rilevare o aprire nuove società». Per Quadranti, il rafforzamento dell’arsenale finanziario deciso dal Consiglio federale «era un passo dovuto, visto che gli ordini di chiusura di determinate attività economiche sono giunti da Berna».

Questi soldi «salveranno tante realtà e si tratta di ossigeno necessario, ma bisogna rendersi conto che sono mezzi di sostentamento che servono perché in un determinato periodo una persona, un’azienda non ha avuto entrate. Non sono milioni dedicati al rilancio, servono alla sopravvivenza». È soddisfatto ma prudente, molto prudente, il presidente del Plr Alessandro Speziali. Lo è perché «sono milioni che servono, ripeto, e il Gran Consiglio sarà chiamato ad avallare il terzo della somma che è di competenza cantonale. Ma non hanno l’effetto leva che hanno gli investimenti. Anzi, vanno a pesare sulle finanze pubbliche compromettendo, in parte, alcuni investimenti futuri». Questo ossigeno, per Speziali, «ha un costo, non solo finanziario ma anche progettuale. Il campanello d’allarme sul futuro deve suonare ancora più forte, ed è ancora più impellente che la Gestione, nei sei mesi di tempo che si è data, inizi a pensare a misure per il rientro». Con il timore che «a un certo punto ci accorgeremo di questa ondata lunga a livello di salute delle finanze, e temo saranno dolori».

Secondo il granconsigliere leghista Michele Guerra, che è anche membro della commissione parlamentare della Gestione, «in questo periodo di difficoltà è dovere dello Stato e di noi politici erogare i giusti aiuti all'economia e ai cittadini, ma occorre anche - e al più presto - un piano di rientro per 'tirare la cinghia' su quelle voci di spesa che non sono più prioritarie di fronte alla pandemia e alle sue conseguenze economico-finanziarie. Non dovessimo farlo, tra due o tre anni il governo si troverebbe obbligato ad aumentare a tutti tasse e imposte e questo significherebbe scaricare ancora sul cittadino, già tartassato da questa emergenza, il peso economico della pandemia. Detto ciò, ora avanti a tutta con gli aiuti, che sono indispensabili».

Quella giunta da Berna «era una notizia che circolava nell’aria, il fatto che questi fondi siano stati raddoppiati lo saluto con estremo piacere ed è una decisione doverosa: la situazione per l’economia ho paura che sia ancora peggiore di quella che immaginiamo», spiega da noi contattato il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò. «Naturalmente - continua - siccome ci sono soldi in più bisogna valutare se ci sono settori che non sono ancora sostenuti, o poco, e allargare a loro l’intervento». Perché «bisogna aiutare tutte le persone e tutti i settori in difficoltà, l’obiettivo del Ppd è non lasciare indietro nessuno, ma davvero nessuno». E in merito alle uscite, per Dadò «non si può non prestare un occhio anche a queste, se è vero che bisogna attutire il colpo è altrettanto vero che bisognerà colmare il buco che si crea: è evidente che un ragionamento va fatto, e ci aspettiamo dal governo una valutazione in questo senso». 

Aggiunge il capogruppo popolare democratico in Gran Consiglio Maurizio Agustoni: «Bisognerà verificare se nella ripartizione della quota che verrà messa a carico dei cantoni sia possibile istituire un meccanismo di solidarietà che tenga conto dell'impatto che ha avuto il coronavirus sulle singole economie cantonali. Sarebbe ingiusto che i cantoni maggiormente colpiti fossero anche quelli chiamati a contribuire in modo piu importante».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved