variante-inglese-merlani-meglio-chiudere-pure-gli-ospedali
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 min

All’Obv il progetto di ospedale di giorno diventa realtà

Dopo la nuova ala, l’Ente ospedaliero fa un passo avanti in vista delle altre ristrutturazioni e strutture. Pubblicata la domanda di costruzione
Locarnese
10 min

‘No ai nostri bimbi salvagente del mondo economico!’

Mascherine alle Elementari: sono già più di 600 le firme, partite da Locarno, alla “contestazione collettiva” che andrà al Consiglio di Stato
Locarnese
17 min

Locarno, chiusura momentanea di Via delle Vigne

Giovedì 27 gennaio all’altezza del numero civico 31 si procederà allo smontaggio di una gru da cantiere
Locarnese
26 min

Scuola Svizzera di Sci Bosco Gurin, uscite giornaliere

In febbraio tre date da agendare per i bambini desiderosi di divertirsi e imparare sulla neve. Iscrizioni aperte da subito
Locarnese
41 min

Locarno, ‘ti lascio perché ho finito l’ossitocina’

Lo spettacolo di e con Giulia Pont sarà di scena sabato 29 gennaio alle 20.30 alla Cambusateatro
Mendrisiotto
56 min

Tre Quartieri, altrettanti cantieri a Mendrisio

In vista opere di pavimentazione stradale a Capolago, Arzo e nel Borgo a partire dalla fine del mese
Locarnese
59 min

Maggia, il preventivo per il 2022 chiude in pari

La contabilità per l’anno in corso stima un avanzo di 83’743 franchi. Moltiplicatore d’imposta invariato al 90 per cento
Ticino
1 ora

Forme di lavoro post Covid al centro del Festival dell’economia

Organizzati dalla Scuola cantonale di commercio quattro incontri tra il 3 febbraio e il 31 marzo
Locarnese
1 ora

Polcom, Minusio ha scelto l’Intercomunale del Piano

Scampato a una richiesta di rinvio del messaggio, il Municipio ottiene il via libera alla convenzione transitoria con Gordola
Bellinzonese
1 ora

Dentro le mura del Collegio delle Orsoline a Bellinzona

Serata pubblica di presentazione del volume ‘Un’illusione di femminile semplicità’, cronistoria di vita e cultura delle donne tra Settecento e Ottocento
Luganese
1 ora

Un politologo e un politico a confronto a Lugano

Un incontro al Liceo1 lancerà uno sguardo storico per comprendere la realtà dei partiti in Svizzera
Bellinzonese
1 ora

Centro diurno di Claro un sostegno per anziani e famiglie

Il servizio della Casa anziani residenza Visagno intende stimolare e mantenere l’indipendenza degli anziani che vivono a domicilio
Ticino
2 ore

Vaccinazioni, ancora appuntamenti disponibili questa settimana

Nelle prossime settimane alcuni Centri cantonali chiuderanno
Video
Luganese
2 ore

I lavoratori di Divoora rivendicano condizioni eque

Lanciata una petizione sostenuta dal fronte sindacale Ocst-Unia e dai cittadini. In dicembre si erano incrociate le braccia per protesta
 
15.01.2021 - 20:010
Aggiornamento : 20:33

Variante inglese, Merlani: 'Meglio chiudere pure gli ospedali'

Il medico cantonale spiega così la decisione di sospendere le visite oltre che nelle case anziani, anche nei nosocomi e nelle strutture per disabili

«Può succedere anche in ospedale», ha spiegato il medico cantonale Giorgio Merlani, interpellato da ‘laRegione’ in merito alla decisione di sospendere le visite, oltre che nelle case anziani, pure negli ospedali e nelle strutture per disabili, in seguito al focolaio di variante inglese rilevato lo scorso mercoledì alla casa di riposo di Balerna. Da nostre informazioni, comunque, risulta che i rientri a casa dagli istituti per disabili sono possibili. La misura, in vigore a partire da domani fino almeno al 7 febbraio, vuole prevenire nuovi focolai legati alla variante inglese, proteggendo in particolare le fasce a rischio. L’obiettivo è di portare avanti la già avviata campagna vaccinale, evitando di vanificare gli sforzi finora intrapresi.

Dottor Merlani, già si vociferava di una possibile chiusura delle case anziani. Come mai è stato deciso di estendere questa misura anche a ospedali e centri per disabili?

La vastità e la rapidità con le quali si è esteso il focolaio della casa anziani di Balerna ci hanno spinto a fare delle riflessioni su eventuali nuovi protocolli e dispositivi di protezione individuale. A partire proprio dalle case anziani, anche perché tra tre settimane faranno il secondo giro di vaccinazione. Vogliamo impedire a tutti i costi dei focolai in questo periodo, perché complicherebbero la somministrazione della seconda dose (sia per motivi organizzativi, sia per l’impossibilità di vaccinare in caso di malattia acuta). Il che sarebbe devastante. Avere poi dei focolai e dei decessi adesso sarebbe davvero un grande peccato. Secondariamente, ci siamo detti, visto che è una decisione quasi provvisoria, chiudiamo, raffreddiamo tutto. Alla fine, il rischio che la seconda variante si infiltri c’è anche in ospedale. Di recente ci sono stati due focolai in ospedale, uno a Bellinzona e uno a Lugano. Il dubbio, alla luce del caso di Balerna emerso l’altro giorno, è che anche lì ci fosse lo zampino della variante inglese. Adesso che sappiamo che questa variante è nella comunità, che è entrata in casa anziani senza che ci fosse un chiaro legame con l’Inghilterra, o almeno non ancora riconosciuto, significa che questo può succedere anche in un ospedale. «Dov’è il limite?» è la domanda che ci siamo posti. Meglio quindi chiudere ovunque. La notizia positiva è che questa misura sarà limitata nel tempo. Nelle case di riposo tra tre settimane, massimo quattro, dovremmo essere protetti al 90%. A quel punto negli ospedali dovremmo avere maggiori conoscenze scientifiche. L’obiettivo è di mettere uno stop e di osservare l’andamento epidemiologico. E poi vedremo.

C’è quindi una possibilità che i focolai recentemente rilevati negli ospedali ticinesi, a Bellinzona e Lugano, fossero riconducibili alla variante inglese?

Non c’era nessun indizio che ci fossero delle varianti. Ora però, per onestà, dobbiamo porci questa domanda. È possibile che si fosse trattato di quello. Uno studio svizzero ha rilevato che su 1'500 test positivi fatti nel corso di dicembre, nei giorni attorno a Natale, sei erano da ricondurre a casi di variante inglese. Basandoci su questo dato è improbabile che dei focolai tra fine novembre e inizio dicembre fossero da imputare a quello. Stiamo però facendo un’analisi retroattiva per appurarlo.

Quanto sta aumentando il timore per queste nuove varianti?

Si sa che la variante inglese è molto più contagiosa, quindi la preoccupazione è tanta, soprattutto a livello di salute pubblica e diffusione sul territorio. E di riflesso rispetto a un eventuale impatto sugli ospedali. Poi ora abbiamo visto i suoi effetti. A Balerna in quattro giorni ha colpito metà del personale e due terzi degli ospiti. Da questo profilo è veramente devastante.

Per gli anziani che si trovano a casa, come possiamo proteggerli maggiormente dalle nuove varianti?

La soluzione migliore è ancora il distanziamento sociale. Per questa categoria di persone uscire e infettarsi adesso sarebbe ancor peggio; siamo veramente a un passo dal vaccino. Lancio un appello a tutti gli anziani: avete tenuto duro fin qua, stringete i denti ancora tre-quattro settimane, che poi le cose cambieranno. Esporsi al rischio adesso significherebbe pagare un prezzo troppo alto. La prospettiva del vaccino deve essere un elemento di speranza a cui gli anziani si possono aggrappare.

Con il vaccino, siamo ottimisti?

I dati dell’efficacia del vaccino, anche sulla variante inglese, sono buoni. È quindi fondamentale poter avere un numero importante di dosi e portare avanti le campagne vaccinali in maniera efficace e con tempi adeguati. Gli inglesi stanno vaccinando bene quindi potremo osservare anche lì, su grandi numeri, l’evoluzione a livello di salute pubblica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved