ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’

Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Luganese
1 ora

Lugano, circolazione tribulata a causa del film

Richiamata la chiusura del lungolago domani. Gli odierni problemi di traffico in centro città potrebbero aumentare
Ticino
2 ore

La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles

Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
2 ore

Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno

Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
2 ore

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Luganese
2 ore

Lugano, auto d’epoca in mostra nelle piazze

Alla seconda edizione dell’evento, ‘cancelli’ riaperti agli appassionati ed è previsto anche il premio per l’automobile più vecchia
Luganese
3 ore

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
3 ore

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
3 ore

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
3 ore

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
14.01.2021 - 10:02

Rendite vedovili ridotte, uno scandalo per la Vpod

Dura presa di posizione da parte del sindacato che preannuncia ricorso e contesta la proposta di diminuzione dell'Istituto di Previdenza del Cantone

rendite-vedovili-ridotte-uno-scandalo-per-la-vpod
Il segretario della Vpod Raoul Ghisletta è preoccupato (Ti-Press)

Il sindacato Vpod Ticino è furioso per la diminuzione delle rendite vedovili messa in atto dall'Istituto di Previdenza del Cantone Ticino (Ipct) da inizio 2021.L'associazione di categoria intende fare ricorso contro la decisione tramite casi concreti delle/degli associati vedove e vedovi a partire dal 2021. La Vpod esorta le/gli assicurati dell’Ipct a mobilitarsi per la difesa delle condizioni salariali e previdenziali!. La presa di posizione è firmata da il segretario Raoul Ghisletta e di Michela Pedersini, presidente della Vpod. La riduzione corrisponde a una conferma di quanto ha affermato il sindacato da tempo, portando avanti una campagna d’informazione capillare alle/agli affiliati: "la situazione dell’Ipct è ritenuta grave, ma i colpevoli non sono da cercare nei suoi organi direttivi, che sono vincolati da leggi cantonali e federali, contrariamente a quanto vuol fare credere qualche disinformato disinformatore". La responsabilità di questa riduzione è da attribuire alla "maggioranza parlamentare di questo Cantone, che si rifiuta di riconoscere il problema dell’Ipcte che tergiversa sul messaggio 7784 del 15 gennaio 2020 per la copertura del costo supplementare delle garanzie concesse agli over 50, aggiunge il sindacato. L’esito del rifiuto di approvare il messaggio è scaricare questi costi sulle spalle dell’Ipct e, di riflesso, su quelle delle/degli assicurati attivi più giovani", scrive la Vpod nella presa di posizione. 

 'Nessuno può dormire sonni tranquilli'

La riduzione delle nuove rendite vedovili dal 1° gennaio di quest'anno (che è del 16% per coloro che sono già in pensione o al beneficio delle garanzie del 2012, rispettivamente del 6% per gli altri) ci mostra però che nessuno delle/dei 26'000 assicurate/i all'Ipct può dormire sonni tranquilli. Infatti i rendimenti dei capitali in diminuzione e l’allungamento della speranza di vita conducono alla riduzione del tasso tecnico e del tasso di conversione, con gravissime conseguenze soprattutto per gli assicurati più giovani. Per questo il sindacato Vpod rivendica da tempo che il Cantone si assuma finalmente le sue responsabilità economiche, mettendo a disposizione le risorse finanziarie necessarie, così fatto in altri Cantoni. Il primo passo concreto da fare è la rapida accettazione da parte del Gran Consiglio del messaggio governativo 7784 per il versamento all'Ipct di 12,5 milioni di franchi annui per 40 anni a copertura unicamente del maggior costo delle garanzie. Purtroppo la maggioranza della Commissione gestione e finanze del Parlamento nicchia, tirandola per le lunghe e avanzando controproposte astruse. Addirittura la Lega dei Ticinesi minaccia il lancio di un referendum. Il primanostrismo leghista non sembra riconoscere come "nostri" i 26'000 affiliati all’IPCT: infermieri, operatori dell’assistenza e cura a domicilio, docenti, poliziotti, impiegati, guardie carcerarie, operai e altri. Se sciaguratamente e ingiustamente, continua la Vpod, il Parlamento non approverà il messaggio 7784, si finirà per ridurre sensibilmente le rendite delle/degli assicurati senza garanzie al 1.1.2012 tramite un abbassamento del tasso di conversione e/o si arriverà ad aumentare massicciamente i contributi a carico dei datori di lavoro e delle/degli assicurati attivi. Questo scenario ridurrebbe in un momento economico molto delicato il potere d’acquisto di 26'000 famiglie ticinesi, che abitano, spendono e pagano le imposte in Ticino, dando sostegno all'economia locale. Una scelta assurda anche dal profilo economico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved