laRegione
riget-ps-aiuti-insufficienti-speziali-plr-scettico
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
4 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
5 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
5 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
7 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
7 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
7 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
7 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
7 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
8 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Ticino
13.01.2021 - 21:090
Aggiornamento : 21:32

Riget (Ps): 'Aiuti insufficienti'. Speziali (Plr): 'Scettico'

La politica ticinese reagisce alle misure comunicate oggi dal Consiglio federale. Agustoni (Ppd): 'Restrizioni pesanti'. Caverzasio (Lega): 'Sostegno immediato'

Questa sera il Partito socialista ha riunito il proprio Comitato cantonale via web, e alla presenza di oltre 50 partecipanti la copresidente Laura Riget ha definito «insufficienti» gli aiuti promessi finora per contrastare le conseguenze economiche della pandemia. Punta il dito contro il Consiglio di Stato, reo secondo lei di «un agire inaccettabile che mette a rischio migliaia di posti di lavoro». Ma è anche generale la bocciatura di quanto stanziato finora a livello federale: «È una vergogna per un Paese così ricco fare così poco». E secondo Riget c’è un grande pericolo. Vale a dire che «diventa difficile l’accettazione delle misure. Se arriva un obbligo di chiusura del proprio negozio ma non gli aiuti necessari, si vede sgretolarsi tutto e si conclude che è preferibile tenere aperto il negozio e rischiare di contagiarsi. Così si crea terreno fertile per il populismo». 

Speziali (Plr): ‘Sono davvero scettico’

«Sono davvero scettico su queste nuove chiusure, che colpiscono moltissime attività, grandi e piccole», commenta invece da noi interpellato il presidente del Plr Alessandro Speziali. Che aggiunge: «Sono ora essenziali un orizzonte di riapertura chiaro, che manca, e aiuti finanziari erogati il prima possibile, riducendo all’osso le procedure. Per evitare il rischio di abusi, le sanzioni per chi fa il furbo devono essere esemplari». Sull’obbligatorietà del telelavoro, invece, per Speziali «occorre arrivare a misure concordate, a difesa della salute ma anche della sopravvivenza dei posti di lavoro. Per fortuna le scuole non chiudono, sarebbe stato un nuovo duro colpo per l’apprendimento dei giovani. Infine, la campagna di vaccinazione deve diventare una vera e propria offensiva per ridare ossigeno a tutti».

Agustoni (Ppd): ‘Restrizioni pesanti’

«Si tratta di restrizioni estremamente pesanti per i settori economici colpiti - evidenzia il capogruppo del Ppd in Gran Consiglio Maurizio Agustoni -. E dalle prime indicazioni, le compensazioni finanziarie prospettate potrebbero risultare non adeguate. Pertanto sul piano federale si impone, da questo punto di vista, una riflessione. È chiaro che non si può pensare che siano i negozi, in particolare quelli della piccola distribuzione, a sobbarcarsi l’intero peso economico di queste chiusure. Negozi che hanno adottato dei protocolli di sicurezza molto severi e che ora sono costretti a chiudere. Quando avremo una visione di dettaglio degli incentivi federali, bisognerà valutare se a livello cantonale vi sia la necessità di ulteriori interventi. Occorre comunque agire rapidamente».

Caverzasio chiede aiuti congrui e immediati

E di rapidità parla anche il leghista Daniele Caverzasio. «Gli aiuti finanziari - afferma il presidente del Gran Consiglio - devono essere congrui e soprattutto immediati: dobbiamo assolutamente scongiurare non solo una terza ondata pandemica, ma anche un peggioramento della situazione economica e di riflesso di quella sociale». Riprende, sulle misure decise da Berna, Agustoni: «Noto che per quanto riguarda gli assembramenti sui mezzi di trasporto pubblico da Berna purtroppo non sono ancora giunte misure. Osservo invece positivamente che è stata mantenuta la scuola in presenza».

© Regiopress, All rights reserved